Home
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

La "Lettre" della Commissione Storica francese con nuovi studi e aggiornamenti al mese di novembre PDF Stampa E-mail
Giovedì 01 Dicembre 2016 14:20

Riceviamo dall'amico Gilbert Rossillo:

Bonjour à toutes et à tous,      
A
u nom de la Commission Documentation et Histoire de la Fédération Française d'Athlétisme, j'ai le plaisir de vous adresser la 62è lettre mensuelle d'information avec son traditionnel résumé des études réalisées ou mises à jour au cours du mois de novembre que vous pouvez consulter plus en détail via le lien suivant : http://cdh.athle.com/

Ultimo aggiornamento Giovedì 01 Dicembre 2016 14:29
 
Da Attilio Pozzi a Maurizio Damilano: 87 anni di storia del "record" dimenticato sull'ora di marcia PDF Stampa E-mail
Lunedì 28 Novembre 2016 12:31

Marco Martini non finisce mai di sorprendere anche noi che lo conosciamo da tanto tempo. Le sue ricerche non sono mai banali, scopiazzate qua e lá o rifritture di ricerche altrui. Il suo esempio dovrebbe animare le strutture sportive e spingere i ricercatori a conoscere per davvero la vicenda sportiva. Ma chissenefrega! Oggi conta il businness, l'approssimazione, le ricerche (ma quali ricerche! non mi faccia ridere, diceva Totó) che altro non sono che spezzoni incollati insieme, di cose trite e ritrite. Per fortuna che abbiamo ancora  Martini,  Sergio Giuntini,  Alberto Zanetti Lorenzetti, che scavano, selezionano, passano al microscopio. E non raccontano favolette metropolitane che ascoltiamo da decenni, sempre uguali, noiose, banali.

Stavolta Marco ci invita a riconsiderare la progressione della migliore prestazione di una prova caduta nell'oblio, colpa di inette strutture sportive che si sforzano di inventare il "nuovo" dimenticando il "tradizionale": l'ora di marcia. All'inizio fu anche record riconosciuto dalla Federazione internazionale che, alla prima stesura dei primati mondiali, riconobbe un 13.275 metri del britannico George E. Larner, realizzato a Londra, stadio di Stamford Bridge. Ultimo tempo riconosciuto il 13.812 dello svedese Mikaelsson nel 1945. Poi solo roba per poveri archivisti.

Martini ci racconta e ci documenta le vicende di casa nostra. In 87 anni, da Attilio Pozzi a Maurizio Damilano, con un progresso di 4882 metri. Nel ringraziare Marco di questo nuovo contributo, una domanda al nostro amico Maurizio: perchè non pensare di organizzare una golden, diamond, platinum, o qualsiasi altro materiale prezioso, ora di marcia a Saluzzo, patria della specialità, una volta l'anno? Non sarebbe ora di rispolverare la nostra atletica, in barba a tutti i nuovi ridicoli "format"?

Che distanza riesci a coprire in mezz’ora, un’ora, due ore di tempo?  Quanto impieghi a correre o marciare per dieci, cinquanta, cento chilometri?  O ad andare da Milano a Monza come l’inventore del moderno podismo italiano Achille Bargossi? Sono le più tipiche sfide podistiche di una società come quella del  XIX secolo, figlia di una rivoluzione industriale che imponeva, molto più che in epoche precedenti, ritmi di produzione in rapporto alle ore lavorative. La gara dei  60 minuti, quando ancora le  «distanze olimpiche»  non erano state codificate, era tra le più rinomate. Non era solo una competizione, ma un simbolo. Un simbolo che ha continuato a rivestire un certo fascino anche nel secolo XX. Ormai è materia per soli appassionati di storia, gli unici forse ai quali può interessare la ricostruzione della cronologia del primato italiano di marcia (maschile) dell’ORA su pista che proponiamo.

alt

 

Cronologia del primato italiano per un’ora di marcia su pista

10.050m

Attilio Pozzi
(Club Pedestre Milano)

(1) Milano

12-12-1897

10.885m^

Giulio Costamagna

(tp) Torino

24-8-1898

10.440m*

Pietro Cigolini
(Club Sport Audace Torino)

(1) Torino

27-8-1899

10.916m

Alete Del Canto
(S. Podistica Lazio)

(tp) Roma

28-7-1901

11.133,25m

Adolfo Azzali
(Forza e Coraggio Roma)

(tp) Roma

24-11-1901

11.196,40m^

Romano Zangrilli
(S. Podistica Lazio)

(tp) Roma

24-11-1901

11.742m^

Luigi Bigiarelli
(US Ouest Paris, «pro»)1875

(tp) Parigi

16-2-1902

11.147,85m

Zangrilli

(tp) Roma

11-9-1904

11.610m

Virginio Sabel
(Atalanta Torino)

(tp) Torino

20-11-1904

11.725m

Arturo Balestrieri
(Virtus Roma)1874

(tp) Roma

27-12-1905

11.890m^

Donato  Pavesi
(Post Resurgo Libertas MI)1889

h(p) Milano
Sempione

20-11-1910

12.228m

Pavesi (Pro Gorla)

(p) Milano
Sempione

19-3-1911

12.406m●

Pavesi

(tp) Milano
Sempione

16-4-1911

13.284,22m

Ferdinando Altimani
(U.S. Milanese)1893

(tp) Milano
USM

19-7-1913

13.403,07m

Altimani

(tp) Milano
USM

29-7-1913

13.467m

Vittorio Visini
(Carabinieri)1945

(tp) Bologna

15-4-1972

13.500m

Visini

(p) Fiorenzuola

8-4-1973

13.516,45m

Armando  Zambaldo
(Fiamme Gialle)1943

(p) Roma

8-4-1973

13.580,85m

Visini

(p) Bologna

19-4-1973

13.681m

Visini

(1) Bologna

3-11-1973

13.764m

Zambaldo

(p) Roma

20-4-1974

13.869,9m

Visini

(1) Bologna

22-10-1977

13.916m

Visini

(p) Vicenza

19-11-1977

14.003m

Maurizio Damilano
(Fiat Iveco Torino)1957

(p) Torino

7-5-1978

14.040m

Alessandro Pezzatini
(Fiamme Gialle)1957

(p) Roma

15-4-1979

14.438m

Damilano

(p) Fana/
Bergen

26-5-1979

14.648,96m

Damilano

(5) Monterrey

26-3-1980

14.709,48m

Damilano

(p) Roma

17-4-1982

14.932m

Damilano

(1) Como

15-9-1984

 

*   altre fonti  10.444m e  10.450m

^   non omologato

●  gara vinta dalla coppia Bertola & Vitali, che si alternarono contro Pavesi, con metri  12.576

m = metri, tp = tentativo di primato (a volte durante gara più lunga, ma comunque sempre con previsto tp sull’Ora), h = gara a vantaggi (handicap),

p = di passaggio durante gara più lunga

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 28 Novembre 2016 15:16
 
Questo comunicato è destinato esclusivamente ai soci aderenti in conformità con il nuovo Statuto PDF Stampa E-mail
Domenica 27 Novembre 2016 13:22

Come anticipato nella precedente comunicazione, stiamo procedendo ad una parziale ristrutturazione del sito del nostro Archivio Storico, per ora sui contenuti, in seguito anche sulla grafica. Questa volta ci rivolgiamo esclusivamente ai soci che, a oggi, hanno versato la quota annuale 2016 come previsto dallo Statuto approvato nell'aprile scorso all'Assemblea di Firenze. Ricordiamo ancora, a costo di essere pedanti, che da quest'anno la quota è obbligatoria ai fini di essere considerati "soci". Invitiamo tutti i soci ad aprire la Sezione "Consiglio Direttivo e Soci" che contiene la lista aggiornata dei nostri aderenti. Invitiamo ciscuno ad una attenta lettura dei propri dati personali (indirizzo, numero o numeri di telefono, indirizzo di posta elettronica). Nel caso questi dati siano corretti non serve mandare nessuna risposta, in caso contrario, per favore, fateci sapere le modifiche da effettuare.

Ultimo aggiornamento Domenica 27 Novembre 2016 15:55
 
Avviso ai naviganti: alcune modifiche sulla pagina principale di questo nostro sito PDF Stampa E-mail
Mercoledì 23 Novembre 2016 14:25

Forse qualcuno se ne sarà già accorto, ma magari ci illudiamo. In ogni caso meglio dare delle informazioni dirette ai nostri soci e ai nostri utenti che, dai numeri che registriamo, sono diventati un bello "zoccolo" consistente per una pubblicazione che si usa definire "di nicchia". Abbiamo cominciato a lavorare su alcuni cambiamenti che ci sono sembrati necessari. Niente di sconvolgente, per carità, stiamo parlando di ritocchi.

Il primo, sicuramente il più facile,  che abbiamo messo in atto è la cancellazione - parliamo della colonna di sinistra della nostra copertina - di quella rubrichetta che avevamo chiamato "Mercatino", del compro, vendo, scambio, ecc.  Abbiamo dovuto prendere atto che era completamente inutile, essendo stato utilizzato da pochissime persone. In compenso, sono parecchi quelli che ci scrivono per vendere riviste  e libri di atletica. Bene, ci fa piacere, ma fateci capire: noi mettiamo un servizio e a noi cosa viene in tasca? Nulla. Allora, da oggi in avanti abbiamo deciso di operare così: daremo sempre notizia di richieste di questo tipo che vengano da soci in regola con il versamento della quota annuale. Agli altri che vogliano usufruire delle nostre pagine chiediamo di diventare soci. Noi non riceviamo e non abbiamo mai ricevuto sovvenzioni pubbliche, federali, ma solo aiuti di amici personali o di soci che hanno messo le mani nelle loro proprie tasche.

E visto che ci siamo parliamo anche di coloro che ci scrivono perchè ci chiedono la carriera atletica del nonno, dello zio, dell'amico dello zio, e via cantando. Oppure quelli che vorrebbero che fossimo noi a fare le ricerche per le proprie società in occasione di anniversari. Ci fa piacere che queste persone ripongano in noi questa fiducia, ma vorremmo chiarire che noi non abbiamo una struttura di persone che si mette a ricercare e scrivere su commissione. Siamo un gruppo di amici che ancora - per quanto? - sono appassionati di storia dell'atletica, italiana in particolare. Siamo disponibili a dare, ma ci farebbe piacere anche ricevere: mai l'offerta di una pubblicazione interessante, o di una foto storica, o di materiale del nonno o dello zio. Oppure che si chieda di comperare una copia (dicesi una) della nostra Storia dei Campionati italiani, che adesso è arrivata al 1944. Solo richieste. Capite che....e ognuno pensi quello che vuole.

Di altre modifiche su cui stiamo lavorando daremo conto appena completate. Ultima noticina che speriamo raggiunga tutti coloro che non si sono messi in sintonia con il nostro nuovo Statuto approvato lo scorso mese di aprile: la quota di adesione alla A.S.A.I. è ora un obbligo, piccolo piccolo vista l'entità della quota. La fine dell'anno di avvicina, uno sforzettino? Le coordinate per versare la quota sono ben visibili nella Sezione "Benvenuti in ASAI". Al 31 dicembre...chi è dentro è dentro, chi è fuori è fuori.

Ultimo aggiornamento Giovedì 24 Novembre 2016 08:04
 
Nuovo accordo di collaborazione fra l' A.S.A.I. e la Commissione degli statistici e storici polacchi PDF Stampa E-mail
Venerdì 18 Novembre 2016 12:35

alt

alt alt

Qualche tempo fa (per essere onesti, parecchio tempo fa) Ottavio Castellini ha incontrato, in Polonia, Janusz Rozum e alcuni altri membri della Commissione degli storici e statistici della Federazione polacca di atletica (PZLA). Durante un cordialissimo incontro in un ufficio dello stadio di Bydgoszcz, cui era presente anche il nostro socio spagnolo Paco Ascorbe, si è discusso della possibile collaborazione fra i due gruppi. All'interno della Federazione polacca Janusz e soci sono molto attivi. Per la verità lo sono sempre stati perchè anche in passato le pubblicazioni statistiche sono state un fiore all'occhiello di una Federazione che in atletica ha avuto grandi  campioni e straordinari momenti nella sua storia sportiva, livello che che ha saputo in parte conservare anche negli anni di difficoltà.

Fa onore alla Federazione questa attenzione che ha costantemente avuto per la parte storico-statistica: bei libri ricchi di dati, un sito Internet aggiornatissimo e completo, una disponibilità encomiabile, amichevole, senza remore e gelosie che spesso frenano certi "puffi buffi" in giro per il mondo, un microcosmo che dovrebbe invece avere come obiettivo quello di allargare la conoscenza del nostro. Quello che invece vediamo crescere è la folla dei somari.

Il primo passo dell'accordo è stato uno scambio di pubblicazioni del nostro Archivio con alcuni degli ultimi libri prodotti dai nostri amici polacchi, libri che ora sono disponibili nello spazio riservato all'A.S.A.I., all'interno della "Collezione Ottavio Castellini", a Navazzo, sul lago di Garda. Provvederemo a far avere la raccolta completa dei nostri libri per la biblioteca della Federazione polacca. Siamo certi che verremo ricambiati con uguale moneta, lo diciamo per esperienza diretta.

Il primo argomento su cui lavorare in comune è stato indicato nella ricerca sugli incontri che hanno visto impegnati i polacchi e gli azzurri. La Polonia è stata una delle prime Nazioni che si è misurata con l'Italia. Primo match a Roma, al Motovelodromo Appio, il 21 aprile 1927; era la terza Nazione dopo la Cecoslovacchia e l'Ungheria che avevamo affrontatto nel 1925 e 1926.

Nelle foto, in alto, da sinistra, Paco Ascorbe, Janusz Rozum, Daniel Grinberg, Ottavio Castellini, Leszek Luftman, Stefan Pietkiewicz. In basso, a sinistra, Castellini e Rozum si scambiamo i rispettivi libri; a destra, foto ricordo Janusz, Ottavio e Paco.

Ultimo aggiornamento Venerdì 18 Novembre 2016 15:49
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 1 di 95

Calendario

dicembre 2016
lunmarmergiovensabdom
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 
JoomlaWatch Stats 1.2.9 by Matej Koval

Chi è online

 12 visitatori online


Nazione di provenienza

59.6%Italy Italy
8.7%France France
8.7%United States United States
5.8%Monaco Monaco
5.6%Spain Spain
1.6%Germany Germany
1.6%United Kingdom United Kingdom
1.5%Sweden Sweden
1%Brazil Brazil
0.8%Poland Poland
0.4%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.3%Lithuania Lithuania
0.2%Canada Canada
0.2%Belgium Belgium
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Austria Austria
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Croatia Croatia