Home

Liste italiane di ogni tempo

Accedi



Menu Utente

Chi è online

 24 visitatori online

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi171
mod_vvisit_counterIeri612
mod_vvisit_counterQuesta Settimana2177
mod_vvisit_counterSettimana scorsa5449
mod_vvisit_counterQuesto mese13348
mod_vvisit_counterMese Scorso22058
mod_vvisit_counterDi sempre786916

Online (da almeno 20 minuti): 7
il tuo IP: 54.162.154.91
,
Oggi: Ott 18, 2017


Nazione di provenienza

65.5%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Nasce a Madrid il campionato spagnolo di campo a través: era il 6 febbraio 1916 PDF Stampa E-mail
Lunedì 24 Luglio 2017 09:00

alt   alt

 

Pubblichiamo la seconda, e per noi conclusiva, parte della ricerca di Ignacio Mansilla sulla nascita della corsa (cui era dedicata la prima parte, pubblicata il 15 luglio) e della corsa campestre in Spagna. Qui di seguito, potete leggere, con un po' di attenzione e pazienza, in castellano, la storia del primo campionato di cross e di altre gare della epoca, la seconda decade del XX Secolo. Due notazioni: portarono a termine quella prima edizione 49 corridori, niente male, e il successo fu ampiamente illustrato da atleti catalani, oltre al vincitore, Pedro Prat, secondo fu José Erra, quarto Adrían Garcia e quinto Rosendo Calvet. Non stupisce, soprattutto avendo letto il piccolo ma significativo libro di Alberto Maluquer "Carreras a pié", pubblicato a Barcellona nel luglio del 1916 da "La Biblioteca Los Sports" (copia di questa rara pubblicazione è disponibile presso la Biblioteca internazionale dell'atletica, a Navazzo di Gargnano, www.collezioneottaviocastellini.com). Scrive Maluquer:"El mayor éxito pedestre para Cataluña fué el Campeonato de España corrído en Madrid...". Con quei risultati individuali Cataluña trionfò nettamente nella classifica a punti per la Coppa Rodríguez Arzuaga.

E nella nostra allungata penisola cosa avveniva pedestremente chiacchierando? Facciamo raccontare da Bruno Bonomelli attingendo dal suo (edi Emanuele Carli prima e di Enrico Arcelli dopo) "Corsa Campestre, scuola di campioni" (due edizioni: 1966 e 1974), nel quale, a pagina 26, ci informa:"Il Regolamento tecnico federale varato dalla Federazione Podistica Italiana, allora sotto la presidenza dell'on. prof. Attilio Brunialti, all'art. 65 comma f), sotto il titolo «Campionati Italiani», recita infatti che sarà organizzato stabilmente a Roma un campionato di 12 km corsa ad ostacoli (cross country). Sennonchè i dirigenti atletici del tempo decidono di varare il primo campionato italiano di una specialità chiaramente invernale, in piena calura, e precisamente il 6 giugno del 1908. A loro scusante aggiungeremo che tale competizione faceva parte integrante del programma dei campionati italiani delle specialità podistiche, che ebbero appunto luogo a Roma dal 31 maggio al 6 giugno 1908. Le colline verdeggianti dell'Acqua Acetosa e dei Parioli videro però in azione solamente quattro concorrenti, di cui uno - Brunner - si ritirò. Il percorso era di 14 chilometri. Vinse il notissimo corridore romano, allora 23enne, Pericle Pagliani, della Società Podistica Lazio, in 49:12. Secondo fu Mario Semiani, della Sempre Avanti Cavaria, e terzo il fiorentino Olinto Bitetti".

Per ora niente altro, se non un ringraziamento all'amico spagnolo. Gracias Ignacio!

Nelle due foto a corredo: a sinistra, Pedro Prat, primo campione di Spagna di corsa campestre; nell'altra, una immagine affascinante della "carriera a pié", probabilmente la prima della quale si ha notizia, celebrata il 9 dicembre 1898 a Barcellona, organizzata dal professor Jaime Vila, del Ginnasio Tolosa, il quale preparava i suoi alunni anche attraverso la corsa. Si corse su circa 14 km dalla sede del Ginnasio, sito in Calle del Duque de la Victoria fino la Barrio de Sarriá. Partirono alle 5 del mattino. Narra Alberto Maluquer che i partecipanti, una volta arrivati e fatta colazione, ripartirono per una escursione in...bicicletta! In pratica era nato il Duathlon!

 

A lo largo del primer capítulo hemos visto como lo que durante el siglo XIX era una actividad espóradica fruto de las apuestas entre particulares poco a poco y con la extensión de la práctica deportiva en España fue derivando en competiciones reglamentadas y con un creciente número de participantes. Así, el Campeonato de España de campo a través surgiría con motivo de la rivalidad entre los corredores de Cataluña y Madrid, principales centros de la actividad pedestrística en nuestro país, y especialmente entre las dos grandes figuras de aquella época incipiente para nuestro atletismo, el catalán Pedro Prat y el madrileño Emilio González.

Prat, que llegaría a poseer todas las plusmarcas españolas desde 800 metros a maratón, había nacido en 1891 y era un modesto repartidor de leche. Comenzó a darse a conocer en 1911 cuando contaba 20 años de edad. Con una talla de 1,80 metros y 85 kilos de peso parecía destinado a otras especialides más explosivas o de fuerza; sin embargo, a comienzos de ese año se publica una carta suya en la que invita a Boix y a Túnica a correr conjuntamente un maratón, cosa que sucede en marzo, mientras que en septiembre Boix vuelve a retar a Prat a correr un kilómetro o una vuelta al Parque, pero su oponente no acepta el desafío. Luego en 1912 constituiría junto a Albert Charlot, uno de los pioneros de la marcha en nuestro país (en 1922 se proclamaría primer campeón de España de marcha en ruta), y Joan Barba el club “Sport Atlético Barcelonés”, primera sociedad dedicada exclusivamente al atletismo y en 1913 batiría importantes récords como el de la hora, recorriendo 17,698km o el de maratón (2h47:18). Además, también establecería otros registros como 15:44 en los 5.000 metros o 9,021km en la media hora. Incluso participó en algunas apuestas como la llevada a cabo el 24 de enero de 1915 contra el vasco Ubarrenechea, consistente en dar cien vueltas a la plaza de toros de la ciudad, venciendo fácilmente a su rival, al que aventajó en cinco vueltas. Su dominio se extendería hasta 1917, año en el que finalmente se retiraría emigrando a Estados Unidos donde ejerció de cocinero en un hospital de Boston y también como taxista en Nueva York.

Por lo que respecta a Emilio González, éste realiza su debut atlético en una carrera organizada por el Club Deportivo Madrileño el 21 de diciembre de 1913 sobre 6.700 metros, en la que domina con claridad a todos los mejores corredores madrileños, entre los que se encontraban Encinas, Martín, Santoja y su propio hermano Ramón. Luego el 13 de octubre de 1914 vuelve a imponerse con rotundidad en la prueba de 5.000 metros organizada por la Unión Atlética Madrileña, con un destacado tiempo de 16:05.0, por delante de José Arrauz y Ángel Martín y vuelve a vencer al año siguiente en otra prueba de 5.000 metros en carretera y en el Campeonato de Madrid de 10km. A partir de entonces se convierte en el gran protagonista de cuantas manifestaciones atléticas se disputan a lo largo de la geografía madrileña, entre ellas uno de los primeros crosses que se celebran en la capital, que se corrió por terrenos de Moncloa y con salida y meta en el Paseo de Rosales. Igualmente llegaría a batir en 1917 el récord de España de 1.000m con 2:51.0. El madrileño comienza a mostrarse como la gran alternativa al catalán Pedro Prat.

Cada vez se hacía más evidente la necesidad de un duelo entre estas dos figuras incipientes de nuestro atletismo y éste se produciría finalmente en 1916 gracias a la iniciativa del Semanario “España Sportiva”, del que era propietario Fernando Salvadores y director Eugenio Fojo. Prat lanzó un desafío a González y éste respondería a través del semanario. Precisamente, tanto Salvadores como Fojo eran miembros de la Sociedad Cultural Deportiva. Esta sociedad había nacido en 1915 con 170 ó 180 jóvenes que se separaron de una entidad dedicada a la enseñanza popular. Sus comienzos fueron muy modestos y como anécdota podemos decir que la primera Junta de la entidad se celebró alrededor de la plaza del Ángel. Luego pasarían a tener una sede social en la calle de la Cabeza, a la que cada asociado llevó lo que pudo para completar el mobiliario. Precisamente González, la gran figura madrileña, pertenecía a la Cultural, por lo que enseguida se acogió con entusiasmo la idea, que pronto iría calando en el resto de la prensa de la época. Salvadores fue uno de los principales impulsores de este reto, siendo apoyado por otros hombres como Ruiz Ferri, Coudo, Díez de las Heras, Martínez Navarro, Cruz y Martín y Buylla. El 25 de noviembre de 1915 el semanario publica el reglamento de la carrera, que denomina “Gran Premio Nacional, Campeonato de España, Copa Rodríguez Arzuaga”, y la celebración se fija para el día 6 de febrero de 1916. La confección del mismo fue realizada por Salvadores, Fojo y Juan Valdés, estableciéndose una clasificación individual y otra por regiones, formada por equipos de cinco corredores como mínimo, para la cual donó una copa Manuel Rodríguez Arzuaga, que como se recordará había sido el gran impulsor de la carrera de 1905 organizada por el Athletic Club.

Leggi tutto...

Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Luglio 2017 10:05
 
Molti Codici etici, Tribunali di integrità, ma esiste ancora la povera, vecchia onestà? PDF Stampa E-mail
Martedì 18 Luglio 2017 14:55

"International Association of Athletics Federations (IAAF) Council member Frank Fredericks has been provisionally suspended over a potential breach of the organisation's Code of Ethics. Michael Beloff, chairman of the IAAF Disciplinary Tribunal, imposed the suspension on the Namibian following an application made by the Athletics Integrity Unit (AIU). The investigation related to payments received by Fredericks' company, Yemi Limited, from a company owned and controlled by Papa Massata Diack".

Inizia così la notizia rilanciata questa mattina dal sito www.insidethegames.biz , giornale elettronico quotidiano sempre informatissimo sulle vicende delle organizzazioni sportive mondiali, con occhi puntati e molto attenti in particolare sul Comitato olimpico e sulle Federazioni. E, particolare nel particolare, sulle malefatte dei dirigenti (o digerenti?) ai vertici di queste organizzazioni. La notizia di oggi che tocca da vicino lo sport di cui noi ci occupiamo a livello prevalentemente storico riguarda una persona che fino a qualche anno fa era un grande sprinter: Frankie Fredericks.

Originario della Namibia, ebbe una carriera lunghissima, a livello internazionale dal 1991 al 2004, quando chiuse ai Giochi Olimpici di Atene, per entrare, quasi subito, attraverso la porta principale, nei sancta sanctorum dell'atletica e dello sport: presidente della Federazione namibiana, membro del CIO, componente del Council della IAAF, componente di quelle allegre e spendaccione delegazioni che girano il mondo a valutare le candidature delle grandi aree urbane che vogliono ospitare Giochi Olimpici. Era addirittura presidente di questi spensierati giramondo (ormai una piaga in tutti gli sport, a qualsiasi livello, serve una commissione di esperti anche per assegnare i campionati regionali) che dovevano emettere illuminati giudizi su Paris 2024. Sostituito, in fretta, qualche mese fa, of course. Fulminante carriera come specialista di freeclimbing diremmo, decisamente più veloce fra le poltrone che fra le corsie. Molti, ci capitò di ascoltare, coloro che rimasero stupiti da cotanto improvviso prestigio. Sia come sia, ci interessa la notizia di oggi che, peraltro non è nuova: mister Fredericks si era sospeso (o invitato a... chi lo sa) dal Council della IAAF alcuni mesi fa, in marzo esattamente. Adesso 'sto Tribunale di Integrità (scusate, ma tutte queste roboanti denominazioni ci fanno venir da ridere) ha "imposto" la sospensione, dice il comunicato "imposed the suspension". Il sospetto è "a potential breach" del Codice di etica della IAAF. Per chi non mastica bene la lingua di sor Guglielmo da Stratford-upon-Avon traduciamo con il "Picchi", vocabolario della lingua italiano - inglese e viceversa: breach sta per violazione. Come dire insomma, che i giudici non sono convinti delle spiegazioni dell'imputato, il quale sostiene di aver ricevuto delle palanche (dicesi 300 mila dollari, 284 mila Euro) per "progetti speciali" di cui lo aveva incaricato l'allora presidente della IAAF, Lamine Diack. I soldi passarono da un conto del figlio di Diack, Papa Massata, a un conto alle Seychelles (quindi offshore, ci pare) del signor Fredericks. Per adesso è sospeso, chissà forse è anche innocente, glielo auguriamo di cuore...Piccola appendice: negli ultimi due - tre anni alla Federazione mondiale di atletica i giudici e gendarmi francesi hanno pescato diversi elementi che non conoscono molto bene il significato del vocabolo "Etica", e tutti hanno giustificato il fatto che avevano ricevuto quattrini sempre dagli stessi generosi dispensatori come atti di munificienza per servizi resi, su questo non esiste dubbio alcuno. Niente da dire, ma perchè allora nascondere quei soldi sotto il frigorifero, oppure metterseli in un personalissimo conto bancario offshore? Crediamo che serva urgente lettura di Socrate, Platone, Aristotele, Bernardo di Chiaravalle, Tommaso d'Aquino, Montaigne, e tanti altri. Li trovate tutti, anche di seconda mano, su qualsiasi sito di vendite on line.

Ne avete voglia? Facciamo prima se vi andate a leggere l'articolo di insidethegames, questo è l'indirizzo utile alla bisogna http://www.insidethegames.biz/articles/1052835/fredericks-provisionally-suspended-by-iaaf-over-potential-ethics-breach

Ultimo aggiornamento Mercoledì 19 Luglio 2017 06:43
 
Preistoria del campo a través e dei troteros nella Spagna medioevale (Parte prima) PDF Stampa E-mail
Sabato 15 Luglio 2017 15:00

 

alt     alt

 

Riproduzione della prima pagina del giornale "El Globo" su cui spicca il disegno della figura di Mariano Bielsa soprannominato "Chistavín", el andarìn de Berbegal, del quale narrasi che si misurò con Achille Bargossi nella Plaza de Toros di Zaragoza e lo superò. Nell'altra foto, i componenti della squadra dei podisti dell'Atlético di Madrid con il trofeo conquistato in quella che viene considerata la prima "carrera pedestre" a Madrid nel 1905.

Crediamo sia nostro dovere sgomberare subito possibili fantozziani equivoci (omaggio al grande Paolo Villaggio) per coloro che scarseggiano di fondamenti della lingua castellana: nell'idioma di Alonso Quijana,  el ingenioso hidalgo don Quijote de la Mancha, "campo a través" non significa che i campi si sono messi di traverso. È l'omologo della nostra "corsa campestre", quella nota come "cross country" in quella accozzaglia di popoli celtici chiamati Britanni, oggi meglio identificati come "quelli della Brexit". Non occorre una fantasia particolarmente immagifica per figurarsi che la corsa o la camminata attraverso i campi era del tutto normale nella antichità, ma anche nell' Era Moderna: fino a 100 - 150 anni fa dove erano le strade come noi le intendiamo oggi? Tratturi, sentieri, nel migliore dei casi, attraverso i campi, appunto. Lo dice la Genesi:" Dio disse: Le acque che sono sotto il cielo si raccolgano in un unico luogo e appaia l'asciutto. E così avvenne. Dio chiamò l'asciutto terra...nessun cespuglio campestre era sulla terra, nessuna erba campestre era spuntata...". Piano piano fece l'uomo, piantò un giardino in Eden, e poi, un bel giorno, l'uomo si mise prima a rubare mele poi a camminare e a correre (o sarà avvenuto l'inverso?), e correre nella natura e nei prati e nei boschi pare sia sempre piaciuto. Dal diletto alla attività organizzata, a dar retta a Bruno Bonomelli il primo cross dell'umanità fu quello organizzato sotto le mura di Troia nel 1189 a. C., con una sfida fra Aiace Oileo, Odisseo e Antiloco, figlio di Nestore. L'Oileo stava prevalendo quando ci mise lo zampino la dea Atena invocata in soccorso da Odisseo, la quale dea dispettosa fece inciampare Aiace su un ostacolo naturale...sterco di buoi!  Più bucolico di così...Quindi, senza bisogno di scomodare la Eurospotech del nostro amico Gino Bassi e le sue sofisticate diavolerie informatiche, questo l'ordine d'arrivo, scalpellato sulla pietra viva da Omero: primo Odisseo, secondo Aiace e terzo Antiloco. Nessun keniano o africano...altri tempi.

La corsa attraverso i campi non ha mai suscitato amorosi afflati nei dirigenti, ovunque e a qualsiasi livello, e ancor più alle italiche latitudini. Negli ultimi anni poi ci pare di vedere uno speciale accanimento nel volersi togliere dai piedi 'sta rottura, freddo, fango, sempre i soliti africani che vincono: che palle! E nella Hispania? Lo abbiamo scoperto dilettandoci a sfogliare e a leggere alcune parti di due bei libri il cui autore è Ignacio Mansilla Calzo  che ha approfondito la conoscenza degli antenati del campo a través e compilato una storia del campionato di Spagna. Il secondo libro è lo sviluppo del primo: nel 2007 si pubblicò "Historia del campo a través en España" e nove anni dopo "100 años de campo a través en España - 1916 - 2016". Abbiamo chiesto all'autore il permesso di pubblicare in queste nostre umili pagine un paio di capitoli, i primi, della sua seconda fatica compilatoria. Permesso accordato, e si ringrazia. Da anni abbiamo tentato di instaurare un rapporto di collaborazione fra l' Associazione degli storici e statistici spagnoli e la nostra A.S.A.I. Siamo sinceri: non è successo molto, anzi, diciamola tutta, niente. Purtroppo, ognuno cura il proprio orticello, e si sente appagato. A noi piacerebbe invece molto di più allargare i nostri orizzonti (non di gloria) e stabilire relazioni fra la nostra storia atletica e quella degli altri, una specie di Comunità europea del piste e pedane. Per l'amor di Dio! Non bestemmiamo. Per ora dilettiamoci a leggere la bella ricerca di Ignacio, in castellano, con un po' di attenzione e pazienza si legge senza grandi sforzi. L'uso di idiomi diversi è sempre stato un pallino di questo sito. E poi di che vi lamentate? Non vi facciamo neppure pagare le lezioni di lingua spagnola!

Nei prossimi giorni vi offriremo la seconda parte di questa ricerca.

 

Si bien el 6 de febrero de 1916 marca el pistoletazo de salida para el pos2terior desarrollo del campo a través en nuestro país con la disputa en Madrid del primer Campeonato de España de la especialidad, encontramos antecedentes anteriores de la práctica de esta disciplina o al menos de la carrera a pie, algunos de ellos remontándose incluso a la Edad Media. Es lo que podríamos denominar la “prehistoria” del campo a través en España.

Para acercarnos a esta cuestión tenemos que tener en cuenta que la distinción entre carreras campo a través y en ruta en los orígenes de nuestro deporte no estaba tan bien definida como puede estar en la actualidad debido a una serie de circunstancias. Una de ellas era la ausencia de superficies asfaltadas en la mayor parte del país y otra la precariedad a la que se enfrentaban aquellos pioneros de nuestro deporte, que hacía que utilizaran cualquier superficie para su práctica, como el piso de circuitos urbanos, carreteras asfaltadas o empedradas. Podríamos decir por tanto que ambas especialidades (la ruta y el campo a través) tendrían un origen común en lo que se ha dado en denominar tradicionalmente “pedestrismo”, que tan de moda pusieron los anglosajones en los siglos XVIII y XIX y que también llegó hasta nuestras fronteras en manifestaciones que se encuadraban dentro del programa de las tradicionales fiestas populares que abundaban a lo largo de toda la geografía española. En algunas zonas de España como Valencia, Aragón, Cataluña o el País Vasco hemos encontrado información ampliamente documentada de estas carreras.

Por ejemplo, en varios puntos del territorio español uno de los precedentes más remotos es el de los conocidos “troters”, “troteros” o “trotaconventos”, que eran personajes que cubrían largas distancias en la Edad Media para repartir correo y mensajes corriendo. A finales del siglo XIII tenemos noticias del establecimiento en la Capilla de Marcús de la cofradía de correos de Barcelona, con troteros que realizaban este servicio, siendo la primera organización postal que existió en Europa. Sus salarios se establecían en función de las distancias a recorrer, los días que tardaban o por la prontitud en el servicio prestado. Igualmente, en Aragón el rey Pedro El Ceremonioso en el siglo XIV tenía nada menos que 80 a su cargo para este menester. Estos personajes llevaban las cartas en unas carteras llamadas “busties” y llegaban a recorrer largas distancias. Con el tiempo, forman sus propias asociaciones. Entre ellas, tres alcanzaron, en los reinos hispanos, en el siglo XV, especial profesionalidad en sus tareas mensajeras. Se trata de los correos del reino de Valencia, el Hoste de Correos de Zaragoza, y la citada Cofradía de Correos de Barcelona. Estos personajes también dieron origen a leyendas orales y sus andazas aparecían en textos de la época como en “El Libro del Buen Amor”, escrito por Juan Ruiz, el Arcipreste de Hita, en el siglo XIV. Allí, en uno de los versos se dice “Yo l' dixe: Trotaconventos, ruégote, mi amiga que lieves esta carta ante que yo gelo diga: E si en la rrespuesta non te dexiere nemiga, puede ser que de la fabla otro fecho se ssyga”. En otro también podemos leer lo siguiente: “Estando en mi casa con don Jueves Lardero, troxo á mí dos cartas un lygero trotero. Desirvos hé las nuevas: servos a tardinero, ca las cartas leydas dilas al menssajero...”. Incluso se conoce el nombre de algunos de estos personajes como Pedro Vázquez de Saavedra, trotero mayor de Sevilla.

Legg tutto...

Ultimo aggiornamento Lunedì 24 Luglio 2017 07:56
 
Storia di un elzeviro, ce la racconta Augusto Frasca, ascoltando l'Adagio di Albinoni PDF Stampa E-mail
Martedì 11 Luglio 2017 12:00

 

alt

 

Chissà se qualcuno dei nostri utenti, pochi o tanti che siano i misteriosi "contatti", avrà dedicato un ritaglio di tempo, normalmente sprecato sui "social" (o meglio "a-social"), per leggere Giovanni Arpino, di cui abbiamo riprodotto uno scritto datato 1976, nel numero speciale del mensile "Atletica" dopo i Giochi della XXI Olimpiade. Parliamo di Giovanni Arpino, capito bene?, uno scrittore vero, non di qualche imbrattacarte come noi. Nel presentare quell'elzeviro vi dicemmo che c'era un nostro socio che era stato pronubo di quel contributo per una delle due riviste tutte dedicate al nostro sport - oh, ab illo tempore - usando amicizia e stima reciproca e vicinanza fisica nella tribuna stampa dello Stadio Olimpico canadese (vedasi foto a corredo). Augusto Frasca fu uno degli intrepidi fondatori di questa combriccola cui fu dato nome di Archivio Storico ecc. ecc. ecc. Frasca, chi era costui? Non vi parliamo della persona ma del ruolo, e allora leggete:

Comunicato n.162 del 18 dicembre 1969, sulla riunione del Consiglio Federale del 14 dicembre, e tra gli argomenti...

Ufficio Stampa - Il Dr. Pasquale Stassano ha pregato il Presidente di esimerlo, causa i suoi incarichi ed aumentati impegni nell'ambito del Comitato d'Europa della I.A.A.F., dall'incarico di Capo dell'Ufficio Stampa. Il Presidente ha ringraziato, a nome di tutto il Consiglio Federale, il dott Stassano per il ventennale lavoro svolto in questo settore. L'incarico di Capo Ufficio Stampa è stato affidato al Sig. Augusto Frasca.

E lì rimase, "come roccia che non vacilla" (Libro dei Salmi), nella buona e nella cattiva sorte, fino al giugno del 1989. Ma non vogliamo raccontarvi la vita di "Augustarello", come parecchi dei giornalisti italici lo apostrofava, semmai ci penserà lui stesso in una corposa autobiografia futura. Di Frasca, Arpino e di quel testo di 41 anni fa abbiamo preso impegno a riferirvi. E per farlo, abbiamo chiesto conforto proprio all'amico abruzzese,  che in quella terra solcata da profonde ferite ha le sue solide radici, alla sua memoria, al suo archivio. Ecco cosa ne è venuto fuori.

Conobbi Giovanni Arpino

...a Torino, in occasione delle Universiadi del 1970. Lo rividi l'anno successivo, in una livida serata invernale, a Venezia, lui alle prese con le selezioni del premio Campiello, io catturato sentimentalmente da una deliziosa ma poco arrendevole figura femminile. Dinanzi ad un paio di whisky, salatissimi, all'Harry's Bar, Arpino mi regalò copia del suo ultimo romanzo, Randagio è l'eroe. Nella solitudine notturna di una stanza d'albergo, coinvolto dall'intensità del racconto, dalla qualità della scrittura e dal particolare stato d'animo, ne portai velocemente a termine la lettura. La mattina successiva, nell'isola di San Giorgio, ne feci omaggio alla mia accompagnatrice, mai immaginando che da quella lettura sarebbe nata nel giro di poche ore una radicale quanto inattesa trasformazione del nostro rapporto. Incontrai Arpino successivamente, in più occasioni, frequentandolo in particolare durante l'Olimpiade di Montreal del 1976, fianco a fianco in tribuna stampa nei lunghi giorni del programma atletico. Gli raccontai la vicenda veneziana, e di come la lettura del suo romanzo ne avesse felicemente favorito la conclusione. Gli chiesi, inoltre, di scrivere qualcosa per i lettori di Atletica. Cosa che fece puntualmente, con un meraviglioso saggio. Un mese dopo ricevetti il seguente messaggio:     

Caro Frasca, vedo il numero di "Atletica" e ti ringrazio per il rilievo dato alla mia cosuccia canadese. Con maggior calma avrei potuto far meglio, naturalmente. Ho visto Luca Argentieri, mio figlioccio, durante un rapido passaggio a Roma per il pallone maledetto. M'ha detto come tu l'abbia appoggiato. E te ne sono gratissimo. Spero che possa venir fuori dalle panie. Ne ho parlato anche a Giorgio Tosatti: chissà. Bisogna pur far qualcosa per questi ragazzi d'oggi: proprio i migliori rischiano lo sbando. Per quanto ancora farai, hai già tutta la mia riconoscenza. E magari riuscirò ancora ad esserti paraninfo letterario. Ricordati che a ottobre esce un mio libricino (Einaudi) che potrà servire da chiavistello. Un abbraccio da Giovanni Arpino. 30 settembre 1976.

Scorcio della tribuna stampa allo Stadio Olimpico di Montréal 1976: in piedi Elio Papponetti; in prima fila, a sinistra Vanni Lòriga, e Salvatore Massara; a salire, cominciando sempre da destra, Giovanni Arpino, Augusto Frasca, Giulio Signori, Bruno Perucca; in terza fila, Mario Gherarducci; in quarta Gianni Melidoni, Luigi Vespignani, Franco Colombo; in quinta, Elio Trifari, Gianni Brera, Marco Cassani, Dante Merlo, Donato Martucci (Capo Ufficio Stampa del C.O.N.I.) e Fiammetta Scimonelli (che gli sarebbe succeduta) - Archivio Augusto Frasca

 

 


 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 12 Luglio 2017 05:24
 
Liste italiane ogni tempo: una nuova versione aggiornata con i risultati del 2017 PDF Stampa E-mail
Domenica 09 Luglio 2017 09:15

Prima edizione delle liste italiane di ogni tempo allestite dai nostri soci Enzo Rivis ed Enzo Sabbadin, dopo la prima parte della stagione 2017.

Veloce promemoria sulla ricerca e utilizzo che l' appassionato di compilazioni statistiche può fare delle liste. Nella colonna di sinistra della "copertina" del nostro sito l'utente trova una rubrica che recita "Liste italiane di ogni tempo" con due sottotitoli "Uomini", "Donne" , dove sono pubblicate le liste degli atleti/atlete italiani di ogni tempo, che vanno ad affiancare quello storiche compilate e aggiornate da Marco Martini, in altra Sezione. Troverete per tutte le attuali discipline olimpiche, e in aggiunta 3000 metri - mezza maratona - marcia 10 mila metri - giavellotto vecchio modello, i / le migliori 40 - 50 atleti/e, e le migliori 20 prestazioni. Evidenziati in rosso/giallo i risultati ottenuti nel 2017; performances e record personali in pista coperta sono in calce ad ogni disciplina. Pubblicheremo la prossima edizione di queste liste alla vigilia dei Campionati del mondo, in programma a Londra nel prossimo mese di agosto. Chiunque, dopo averle consultate, avrà dei rilievi da fare, o apportare aggiornamenti, o correggere qualche dato del passato, sia tanto gentile di farle avere direttamente ai due compilatori ai loro indirizzi di posta elettronica   Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.   e  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  

NEW - On the left site of this page you can find a new section "Liste italiane di ogni tempo - Uomini - Donne". It is a compilation of the Italian All-time Lists, Men & Women, compiled by the two ASAI members Enzo Sabbadin and Enzo Rivis. The Lists (40 athletes, 20 performances for each event) are updated  as at May 2017 season/ Listas italianas todos tiempos: el link en la columna de la izquierda de esta misma pagina/ Listes italiennes de tous le tempes: hommes, femmes

Ultimo aggiornamento Giovedì 17 Agosto 2017 10:21
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 118