Home

Accedi



Menu Utente

Chi è online

 29 visitatori online

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi753
mod_vvisit_counterIeri458
mod_vvisit_counterQuesta Settimana1650
mod_vvisit_counterSettimana scorsa9198
mod_vvisit_counterQuesto mese20101
mod_vvisit_counterMese Scorso28138
mod_vvisit_counterDi sempre1253947

Online (da almeno 20 minuti): 14
il tuo IP: 54.227.76.35
,
Oggi: Mag 21, 2019


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

La relazione del Consiglio Direttivo che verrà presentata alla prossima Assemblea PDF Stampa E-mail
Lunedì 25 Marzo 2019 09:43

Su questo indirizzo i soci dell'Archivio Storico dell'Atletica Italiana "Bruno Bonomelli" trovano la Relazione 2018 che il Consiglio Direttivo presenterà domenica 14 aprile, a Firenze, in occasione della Assemblea annuale ordinaria. La riunione si terrà in una Sala Aldo Capanni nella sede della società ASSI Giglio Rosso (qui tutte le indicazioni http://www.assigigliorosso.it/). La presidenza e il Consiglio Direttivo rivolgono un invito a tutti i soci affinchè in questa occasione almeno partecipino alla Assemblea: senza tanto clamore, l'A.S.A.I. taglia il traguardo dei 25 anni di vita e di attività. Vale la pena ricordarsene. O no? 

Ultimo aggiornamento Lunedì 25 Marzo 2019 10:29
 
Lo sapevate? Le elezioni per il presidente della Federatletica anticipate di un anno PDF Stampa E-mail
Mercoledì 20 Marzo 2019 10:12

alt

 

Eh vabbuò…Volete giocare? E giochiamo, e noi facciamo un titolo canzonatorio. Abbiamo ricevuto il nuovo numero di «Trekkenfild», preceduto da un subdolo invito di Walter Brambilla: domani riceverete…ecc…leggere il pezzo di apertura. Ormai sgamati a tutti i trucchi, ‘sti giornalisti d’assalto. E noi siamo caduti nel trabocchetto, e, appena ricevuto il foglio telematico sopravvissuto alle bizze del vecchio PC di Daniele Perboni, siamo andati avidamente a leggere. Non siamo particolarmente astuti, ma ci è parso che il tono complessivo sia da presa per i fondelli: il personaggio misterioso, la Piattaforma Voltaire, gli intrighi, i portavoce, e via mescolando l’atletica alle avvilenti vicende, che ci fa schifo definire politiche, nazionali.

Noi, per una scelta precisa, non ci occupiamo a tempo pieno delle tristezze odierne, ma abbiamo la testa girata indietro. E ce ne fanno una colpa, ma ce ne può fregá de meno. Che alla presidenza federale vada Ciccio Capuccio, o Pierino Cagafusi, ci interessa meno di niente. Tanto, per la signora federatletica, che sia nazionale, regionale, locale, parrocchiale, il nostro Archivio Storico e le nostre pubblicazioni non sono mai esistite. Anzi, non è vero: siamo esistiti solo per farci tirare per i famosi fondelli, qualche volta non tante. Ci consideriamo eredi di Bruno Bonomelli, neppure la bottiglia brandita da un arrembante consigliere federale che voleva rompergliela sulla testa, lo spaventò e lo zittì.

Manovre elettorali a distanza di diciotto mesi o anche più? Roba da riderci sopra. Questione di omini (pochi), mezz’omini (che c’accontenteremmo), ominicchi, la quarta categoria ve la risparmiano per dovere di educazione ma è affollatissima, e quaquaraqua. Il © è di Leonardo Sciascia, «Il giorno della civetta».

Divertitevi pure, Daniele e Walter con i vostri sfottò. Ma prima di mettere in piedi la Piattaforma Voltaire, assicuratevi che continuino a funzionare i vecchi e stanchi programmi informatici per far uscire «Trekk». Magari chiedendo un po' di soldi a Giggino che è munifico con altre piattaforme. Il resto di questo numero, chi vuole se lo legga cliccando sulla copertina qui sopra.

Ultimo aggiornamento Giovedì 21 Marzo 2019 10:50
 
Il fascino della maglia, azzurra come il colore del bel mare di Liguria PDF Stampa E-mail
Lunedì 18 Marzo 2019 16:32

alt

 

Quatto quatto, zitto zitto, Edoardo Giorello, nostro socio prolifico autore di libri storico – statistici sull’atletica ligure, ne ha sfornato uno nuovo. Avvalendosi anche della collaborazione di Pasquale Buongiorno, che già ha condiviso con lui un precedente lavoro. Stavolta il tema è la maglia azzurra, partendo da quella azzurrina della nazionale juniores prima e delle altre varie rappresentative poi. Un bel documento, che ci ha dato modo di spolverare nomi, facce (molte le fotografie), tempi e misure. Un nuovo, importante contributo alla conoscenza dell’atletica ligure.

Di seguito, pubblichiamo due brani che riguardano la prima Nazionale juniores uomini (era il 1955) e i primi passi delle donne nella stessa categoria. Ma ci ripromettiamo di tornare sull’argomento, grazie agli spunti che ci ha dato la pubblicazione di Giorello e di Buongiorno.

Chi fosse interessato ad averne copia deve contattare direttamente Edoardo Giorello alla sua posta elettronica  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

«La storia della Nazionale juniores ha inizio nell’estate ’55 con una chiara vittoria contro la Francia a Chambery. Presenti in squadra ben cinque atleti liguri che certamente non furono solo spettatori, come possiamo vedere nel dettaglio. Tra loro, Franco Galbiati e Gian Mario Roveraro, che iniziano a sentire profumo di Olimpiadi. Atipica la presenza in squadra di ben due lanciatori, Manlio Cristin e Ugo Soetyè, le cui carriere avranno sviluppi opposti: il primo vestì 14 volte la maglia azzurra, quella «vera», e nel 1961 stabilì il record italiano assoluto con oltre 61 metri; senza sbocco invece la storia atletica di Soetyè di cui presto si persero le tracce. Ed infine Franco Masuelli – confermato nella stagione successiva per la rivincita con la Francia – che nel frattempo trovò l’occasione di stabilire il record italiano della nuova categoria nel salto triplo, con 14.52, record che durò cinque giorni. Troppo poco per passare alla storia».

Per quanto riguarda le ragazze:

«Il comunicato della FIDAL emesso nel settembre 1955 riguardo la costituzione della categoria juniores è completato da un paio di decisioni che sono un pesante esempio di prudenza se non di paura: la decisione è presa, ma prima di assegnare i titoli italiani di categoria è meglio aspettare tre anni; addirittura dieci prima di osare la disputa di un incontro internazionale…

I tre anni passano e il primo titolo italiano assegnato è quello del cross nell’aprile del 1958: alla partenza una ventina di atlete tra senior e under 18. Tra le più giovani vince Lucia Falqui, della A.A.A. Genova, quinta assoluta. Così il ghiaccio è rotto.

Passano altri sette anni e finalmente ecco l’incontro internazionale contro la Francia. Gara più lunga in programma gli 800 metri, per cui venne convocata l’altra «amatorina» Paola Casula, che per fare atletica era costretta ad accontentarsi della velocità pur avendo notevoli doti di resistenza e della mentalità giusta per affrontare distanze più lunghe. La sua presenza verrà confermata nella stagione successiva contro il Belgio. Ma finalmente i tempi stavano cambiando».

Ultimo aggiornamento Mercoledì 20 Marzo 2019 09:46
 
Presentato a Trieste "Sport e Guerra Fredda in Venezia Giulia 1945 - 1954" PDF Stampa E-mail
Venerdì 15 Marzo 2019 16:13

alt

Questa è solo una veloce anticipazione della riuscita presentazione del libro di Alberto Zanetti Lorenzetti che si è tenuta a Trieste mercoledi pomeriggio, con una buona partecipazione di pubblico, nella bella sede dell'Istituto Regionale per la Cultura Istriano-giuliano-dalmata. Ci limitiamo a riprodurre la copertina del libro del nostro amico Alberto (libro, ricordiamolo, che porta anche il logo del nostro Archivio Storico), mentre nei prossimi giorni riferiremo dell'evento con maggiori dettagli.

Ultimo aggiornamento Sabato 16 Marzo 2019 10:55
 
Assemblea A.S.A.I.: i documenti di bilancio e la relazione del Sindaco Revisore PDF Stampa E-mail
Lunedì 11 Marzo 2019 08:36

Come già annunciato in un paio di precedenti occasioni in questo nostro spazio, i soci dell' Archivio Storico dell'Atletica Italiana "Bruno Bonomelli" si ritroveranno a Firenze domenica 14 aprile, nella Sala Aldo Capanni nella sede dell'ASSI Giglio Rosso, per la Assemblea annuale ordinaria. Pubblichiamo oggi i documenti relativi ai bilanci, consuntivo 2018 e preventivo 2019, con la relazione del nostro Sindaco Revisore, Tiziano Strinati. Le potete leggere insieme alla convocazione, ordine del giorno e delega:

Appuntamento domenica 14 aprile: convocazione, ordine del giorno ed eventuale delega li trovate qui.

Documenti di bilancio aprendo questi due documenti:

Ultimo aggiornamento Martedì 12 Marzo 2019 06:31
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 157