Home

Accedi



Menu Utente

Chi è online

 46 visitatori online

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi155
mod_vvisit_counterIeri857
mod_vvisit_counterQuesta Settimana2582
mod_vvisit_counterSettimana scorsa5114
mod_vvisit_counterQuesto mese15084
mod_vvisit_counterMese Scorso22291
mod_vvisit_counterDi sempre938932

Online (da almeno 20 minuti): 16
il tuo IP: 54.92.173.9
,
Oggi: Mag 23, 2018


Nazione di provenienza

65.5%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Il nostro socio Paolo Marabini piange la perdita di suo padre Nerio PDF Stampa E-mail
Martedì 27 Febbraio 2018 14:22

alt

Pessima notizia ci ha raggiunti questa mattina: ieri ha concluso la sua operosa vita terrena Nerio Marabini, padre del nostro amico e socio, componente del Consiglio direttivo, Paolo, giornalista alla "Gazzetta dello Sport" nella redazione ciclismo. Il signor Nerio, persona di vivacissima personalità, imprenditore, era un grande appassionato dello sport del pedale, atleta lui stesso, poi promotore di società ciclistiche, organizzatore, sostenitore di realtà bergamasche, fino alla presidenza della Unione Ciclistica Bergamasca 1902. Riproduciamo l'articolo della "rosea" milanese con il ricordo firmato da un collega di Paolo. L'estremo saluto al signor Nerio verrà officiato domani pomeriggio a Grassobbio.

All'amico Paolo, alla sua mamma e alle sue sorelle esprimiamo tutto il nostro affetto in questo momento di dolore.

Sempre domani, in mattinata, alle 11, troveranno finalmente pace le povere spoglie del nostro amico Marco Martini, morto nella sua casa romana il 15 febbraio scorso. La cerimonia funebre si celebrerà nella Cappella prossima all'obitorio, all'Ospedale A. Gemelli, a Roma.

Ultimo aggiornamento Martedì 27 Febbraio 2018 15:39
 
Assemblea A.S.A.I. 2018 il 25 marzo a Firenze: convocazione e delega PDF Stampa E-mail
Domenica 25 Febbraio 2018 08:29

Come abbiamo già comunicato qualche giorno fa, l'Assemblea annuale ordinaria 2018 dell' Archivio Storico dell'Atletica Italiana "Bruno Bonomelli" si terrà domenica 25 marzo a Firenze, nella sala riunioni del Comitato toscano della Federazione di atletica, all'interno dello stadio che una volta era intitolato al marchese Ridolfi. Struttura che la nostra organizzazione ha già utilizzato parecchie volte negli anni. Aprendo questo documento avrete a disposizione la Convocazione con ordine del giorno e modulo per eventuale delega nel caso non poteste presenziare alla Assemblea. Ricordiamo che la delega deve essere firmata per avere validità.

Ultimo aggiornamento Martedì 27 Febbraio 2018 14:12
 
1945, l'ultimo contributo di Marco Martini alle liste storiche italiane PDF Stampa E-mail
Mercoledì 21 Febbraio 2018 08:30

Rilette oggi quelle poche righe inviateci martedi 13 febbraio con la posta elettronica ci avevano molto preoccupato ma non ne avevamo capito la gravità. Adesso ci fanno capire che erano un congedo, il congedo alla vita di Marco Martini. "Ti prego di un ultimo favore: inserire sul sito ASAI la nuova versione delle liste 1945, con importanti integrazioni di Alberto  Zanetti (vedi allegati)" così scrisse. Nelle sue approfondite ricerche sullo sport giuliano dalmata Alberto Zanetti Lorenzetti aveva "scovato" nuovi risultati conseguiti in competizioni disputate quell'anno nell'area geografica di suo interesse. Li aveva passati a Marco il quale teneva costantemente monitorizzate le "sue" liste storiche 1908 - 1945 che, da anni, il nostro sito, grazie a lui, offre ai suoi utenti. Marco considerava l'ultimo anno della Seconda Guerra Mondiale uno spartiacque delle sue ricerche, così come i Giochi Olimpici di Roma 1960 erano, per lui, il capolinea dell'atletica e dello sport olimpico prima dell'inquinamento prodotto dal denaro, dalla politica, dal potere.

Pubblichiamo dunque oggi, nella Sezione "Momenti di Storia, Liste storiche 1908-1945, uomini", questo nuovo aggiornamento relativo all'anno 1945. In aggiunta alla versione pubblicata sul sito, anche il consueto documento in formato PDF / A new update of the Italian historical rankings is now available (PDF format also) for the year 1945. Click on the link "Momenti di storia", here up.

Ultimo aggiornamento Domenica 25 Febbraio 2018 08:33
 
L'Assemblea annuale ASAI convocata a Firenze per domenica 25 marzo PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Febbraio 2018 08:00

Già lo scorso anno ci aveva scritto per scusarsi di non poter essere presente a Piacenza per la nostra consueta Assemblea annuale."La salute vacilla, ormai non posso allontanarmi troppo da casa", furono le parole che ci disse Marco Martini. Abbiamo deciso di riportare l'appuntamento annuale a Firenze nella speranza di forzarlo a salire sul treno ed essere presente. Tremenda illusione, le sue condizioni erano ormai totalmente compromesse, lo abbiamo capito quando abbiamo ricevuto alcune righe con le quali ci informava che aveva preso atto della proposta e ringraziava tutti: "Grazie per la stima che mi avete accordato in tutti questi anni".

Mettete voi una frase di circostanza, e poi prendete nota: l'Assemblea annuale ordinaria dell'Archivio Storico dell'Atletica Italiana "Bruno Bonomelli" si terrà a Firenze, nella mattinata di domenica 25 marzo, nella sala riunioni del Comitato toscano della Federazione di atletica, allo stadio che una volta era intitolato al marchese Ridolfi. Sede che abbiamo già utilizzato molte altre volte, l'ultima nel 2016 in occasione della duplice Assemblea, quella straordinaria fu per cambiare lo Statuto. Ringraziamo i dirigenti del Comitato toscano per la disponibilità. A giorni pubblicheremo ordine del giorno, modulo per eventuali deleghe e documenti contabili.

Ultimo aggiornamento Lunedì 19 Febbraio 2018 09:17
 
Augusto Frasca: in ricordo di Marco Martini PDF Stampa E-mail
Domenica 18 Febbraio 2018 16:47

Abbiamo ricevuto da Augusto Frasca, nostro amico e socio fondatore dell'Archivio Storico dell' Atletica Italiana "Bruno Bonomelli, questo toccante ricordo di Marco Martini, che pure era stato uno dei pochi ma convinti sostenitori iniziali dell'idea di un piccolo drappello di "archeologi" del nostro sport, che ha vissuto e vive nella totale indifferenza degli esperti in "coccodrillite lacrimosa". Vogliamo ricordare chi, insieme a Marco che tanto ha fatto per la A.S.A.I., ci ha lasciato: Rosetta Nulli Bonomelli, Luciano Fracchia, Gianni Galeotti, Claudio Enrico Baldini, Aldo Capanni. Furono "fondatori" perchè, ventiquattro anni fa, credettero in questa idea. Leggiamo le parole di Augusto.

 "Ha vissuto in solitudine, e da solo ci ha lasciati. Riposa in pace, povera creatura… parole sublimi, scritte dal giovane novantunenne Vanni Lòriga alla notizia della scomparsa del sessantacinquenne Marco Martini, volontariamente privo di collegamenti esterni e trovato morto nel pomeriggio di giovedì nella casa romana posta a ridosso della cupola di Buonarroti. La comare secca era appesa da tempo alla precarietà di un fisico debilitato e definitivamente compromesso trent'anni addietro dal lungo periodo trascorso dall'82 all'88 entro le terribili mura della comunità conventuale di clausura dell'Abbazia certosina di Farneta. Di un'agghiacciante morte fin troppo annunciata aveva dato testimonianza tre giorni prima lo stesso Marco in un messaggio inoltrato ad Ottavio Castellini: «Ricevuta notizia prossima assemblea Archivio Storico dell'Atletica Italiana. Disastroso mio crollo fisico dalla seconda metà del 2017. Il 2018 è il mio ultimo anno (parziale) sul pianeta Terra. Grazie per la stima accordatami in tutti questi anni».

Impossibile definire o semplicemente circoscrivere quale e quanta l'immensità della sua cultura umanistica e quali e quante le dimensioni della perdita di un Uomo che, come dolorosamente commentato a caldo da Castellini, «avrebbe avuto diritto, lui sì, ad una cattedra universitaria di storia dello sport in luogo di fare il passacarte in una federazione sportiva».

Difficile anche esprimersi meglio di quanto messo nero su bianco nelle  sue riflessioni quotidiane da Ruggero Alcanterini nell'immediatezza della notizia, al punto da lasciare alle sue parole il senso più compiuto della scomparsa. «Dare vita ad un fondo documentario dell'atletica in sua memoria potrebbe forse essere un modo per raccogliere il suo messaggio e il suo insegnamento, quello di un uomo silente e solitario».

Cosa aggiungere sulla singolarità del personaggio, alla segnalazione dei suoi primi anni di insegnamento scolastico, al ricordo della traumatica decisione di ritirarsi in clausura, unico ed eccezionale privilegio quello di ricevere mensilmente nell'angustia di una cella la rivista federale, alla sottolineatura di un Credo profondamente vissuto, all'elencazione degli innumeri saggi, articolati in un sapere che, come testimoniato dalle pagine che all'inizio degli anni Duemila lo videro tra i protagonisti nella costruzione della prima Enciclopedia Garzanti dello Sport, passò con magistrale capacità dall'atletica, affidatagli a piene mani, all'antropologia, dall'etnologia al colonialismo, dalla religione al dilettantismo e professionismo, dallo sport tradotto al femminile al significato del mito…

Pagine esemplari, come quell'eccezionale lavoro "L'energia del sacro. Lo sport tra i popoli di interesse etnologico", un prodotto completamente inedito nella pubblicistica italiana e internazionale, o come la storia al maschile dell'atletica nazionale, testo imprescindibile per chiunque voglia accostarsi all'arcaicità o alla contemporaneità di una disciplina che da oltre un secolo detta nella sua interezza le linee culturali del movimento sportivo.

Sì, orfani, nella tristezza, con il peso gravoso di un'incommensurabile perdita umana e professionale.

                                                                                                                                     

Ultimo aggiornamento Domenica 18 Febbraio 2018 17:47
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 134