Home

Login



User Menu

Who is online

We have 11 guests online

Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday275
mod_vvisit_counterYesterday335
mod_vvisit_counterThis week3426
mod_vvisit_counterLast week6754
mod_vvisit_counterThis month23831
mod_vvisit_counterLast month30314
mod_vvisit_counterAll days1229539

Online (20 minutes ago): 2
Your IP: 18.215.159.156
,
Today: Apr 25, 2019


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Message
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Ci ha lasciato un grande signore della marcia: Antonio Begni PDF Print E-mail
Sunday, 27 January 2019 09:45

Poco fa siamo stati raggiunti da una di quelle notizie che non vorremmo mai ricevere. Un amico ci informava che ha lasciato questo consorzio di transeunti Antonio Begni, un gran signore della marcia italiana, atleta lui stesso, poi competente allenatore, appassionato organizzatore. Aveva 92 anni. Chi di noi lo ha conosciuto ne conserva un magnifico ricordo. Aveva la marcia come grande passione, organizzava nella sua Palazzolo sull'Oglio, un anno il campionato italiano dei 50 chilometri, varie altre gare, nazionali e regionali. Aveva allevato tecnicamente Giancarlo Gandossi, un bel talento, di Lodetto di Rovato, dove anche si organizzarono alcune gare nazionali. Quando le gemelle Rita e Piercarola Pagani decisero di passare dalla corsa (dove erano state molto brave, specie nel cross)  alla marcia, le allenò lui e le portò a livelli nazionali. Così come Maria Grazia Cogoli, e tanti altri ragazzi e ragazze che formavano una bella squadra legata alla Assindustria Atletica Brescia.

Da qualche anno Antonio Begni - che fu grande amico di Pino Dordoni - era andato a vivere nella sua bella casa di Clusane, sul lago d'Iseo. Queste note sono stese di getto, e quindi affrettate e incomplete. Ci torneremo.

Last Updated on Sunday, 27 January 2019 09:51
 
1970, indoor: Bruno Bonomelli fra un tocco ironico e una lezione di storia PDF Print E-mail
Thursday, 24 January 2019 11:14

alt

Un nostro socio che sta lavorando a rimettere ordine nell'enorme materiale lasciato da Bruno Bonomelli, ha ritrovato copia di un suo articolo pubblicato il 7 febbraio 1970 sulle pagine sportive del quotidiano «L' Unità». Tema: arriva - forse - una pista e con essa l'attività al coperto. Puro scritto in stile bonomelliano, fra l'ironico sarcastico e una lezione di storia internazionale e nazionale di atletica al chiuso di una struttura coperta. Ce ne fossero oggi con questa capacità di legare insieme passato e presente, lasciamo perdere il futuro che adesso nessuno vede più in là della punta del suo naso. Chi vuol leggere agevolmente faccia due click sul testo originale e sarà perfettamente leggibile. Atletica al coperto di stretta attualità, visto l'inizio di una nuova stagione, son passati 49 anni.

Last Updated on Friday, 25 January 2019 21:40
 
Censimento degli atleti spagnoli: 140 pagine sul Boletín 102 della AEEA PDF Print E-mail
Monday, 21 January 2019 11:53

altCentoquaranta pagine. Avete letto bene: 140 pagine. Tante sono quelle compilate da Antonio Muñoz per mettere in fila, in ordine alfabetico, migliaia di atleti spagnoli. Sono tutti quelli che hanno fatto atletica in quel Paese? No, non può essere, evidentemente. Il compilatore chiarisce i criteri cui si è attenuto per inserire i nomi nella sua ricerca: i libri e le riviste che ha consultato, le manifestazioni che ha preso in considerazione. Di ognuno mette in bell'ordine: cognome, nome, secondo cognome (in Spagna la corretta scrittura comprende nome, cognome del padre e cognome della madre), data di nascita, talvolta altezza e peso, luogo di nascita, quando serve qualche breve nota esplicativa (il soprannome, per esempio). Una occhiata a questo pregevole lavoro, ci ha rimesso davanti agli occhi le compilazioni del nostro Bruno Bonomelli, in quei libretti formato tascabile degli anni ’49 – ‘56 (egli, intelligente, sempre ha sostenuto che gli annuari per gli appassionati di atletica dovevano stare in tasca, per portarseli appresso alle gare, e anche i quadernetti per gli appunti, non gli assurdi formati di oggi, che sembrano più laterizi che libri, ma ormai tutto deve essere fatto a peso non a qualità). Nelle tonnellate di carte del «Lascito Bonomelli» ci sono centinaia di lettere e cartoline postali che lo storico bresciano inviò nella sua vita agli Uffici Anagrafe dei Comuni d’Italia per richiedere, verificare, scoprire. Stiamo parlando di lavori di settanta anni fa, senza togliere meriti a nessuno o stabilire delle primogeniture. Ma sono rimasti una pietra angolare della ricerca atletica in Italia. Per pochi.

Ritorniamo nel Regno di Castilla y León. Antonio Muñoz dichiara la sua lodevole finalità: creare un archivio, oggi si usa chiamarlo base di dati, fa più tecnologico, da rendere pubblico e centralizzato. Che è lo scopo di tutti quanti, anche nostro…Poi da pagina 150 a 270 tutta una serie di ricerche. Apre una elencazione delle posizioni degli atleti spagnoli nelle liste mondiali ed europee dal 1941 al 1954. A seguire, una ventina di pagine di correzioni e aggiunte al gran libro della cronologia dei primati nazionali pubblicato nel 2014, soprattutto la elencazione di tutti i nuovi record dal 1° gennaio 2015. Subito dopo la cronologia dei primati nazionali per gli Under 23 (20 – 21 – 22 anni). A chiudere questo numero 102 del Boletín un tocco di internazionalità con la biografia, dati, dati e ancora dati, anno per anno, niente di raccontato, di Mike Conley, campione olimpico di salto triplo a Barcellona ’92, e sempre nella Ciudad Condal vincitore della Coppa del mondo (1989), inaugurazione piuttosto bagnata, meglio alluvionata, dello Stadio Olimpico di Montjuic. Conley, in carriera, partecipò a quattro competizioni barcellonesi: la prima il 12 luglio 1989, quindi la citata Coppa del mondo, e infine le due gare olimpiche, qualificazione e finale, nel 1992. E ha sempre vinto. Eh dai, già che ci siamo una statistica in più. Della quale diamo merito a Thomas S. Hurst dal quale abbiamo estrapolato i dati, giochino da bambini.

Se qualcuno fra i fruitori di queste righe volesse mai acquistare questi megadettagliatissimi bollettini può inviare una richiesta utilizzando questo indirizzo This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it , il segretario della associazione sarà ben lieto di rispondervi e di informarvi delle condizioni.

Last Updated on Monday, 21 January 2019 15:19
 
Beppe Gentile e i suoi nipotini: una chilometrica compilazione di Rivis e Sabbadin PDF Print E-mail
Thursday, 17 January 2019 10:11

alt  alt

Nuova puntata della nostra telenovela statistico-compilatoria sul salto triplo. Visto che ci è stato chiesto, rispondiamo al quesito: come mai tutte 'ste liste solo sul salto triplo? Pensavamo fosse abbastanza palese per tutti, ma, evidentemente, non è così. Breve spiegazione anche se non ci pare che dobbiamo spiegazioni a nessuno. Diciamo: per educazione, ci è stato chiesto, rispondiamo. Stavolta, ma non fateci l'abitudine. Alcuni nostri soci presero l'iniziativa di omaggiare Giuseppe Gentile in occasione dei cinquanta anni dai Giochi Olimpici di México '68. Speriamo che almeno su questo non dobbiamo dire perchè. L'iniziativa - totalmente privata e pagata con baiocchi altrettanto privati - si fece dalle parti collinari della provincia di Piacenza una domenica di ottobre. Vi presero parte lo stesso Gentile e tutti gli altri campioni italiani che nella loro carriera sono atterrati al di là dei 17 metri: Donato (foto a sinistra), Greco, Camossi (a destra, lapalisse), Schembri e Badinelli. Oltre a tre graziose e simpatiche madamin (adesso va di moda il termine in piemontèis) Magdalin, Antonella e Barbara. E poi tanti altri, saltatori di ieri, di oggi e, speriamo, di domani, come il bravo piacentino Andrea Dallavalle. In occasione dell'iniziativa, un nostro socio ha dato alle stampe, sempre con contributi del ministero familiare delle Finanze, un libercolo, 122 pagine. Dentro queste pagine, una lunga compilazione (fino a 16 metri e 20 centimetri) richiesta a due che s'intendono di queste cose: Enzo Rivis, lumbard, e Enzo Sabbadin, discendente degli Euganei o dei Veneti, mah...

Detto questo il seguito. Essendo coinvolti vari soci di questa congregazione di tombaroli dell'atletica, si è pensato di utilizzare questo materiale compilatorio, che ha richiesto il suo bel tempo per essere aggregato, mettendolo a disposizione di tutti, soci, non soci, gente che va gente che viene, su questo spazio. E per chiudere, chiediamo aiuto a Luigi Pirandello: così è (se vi pare).

E non contenti, oggi pubblichiamo solo la compilazione relativa ai risultati ottenuti sotto il cielo stellato, riservandoci nei prossimi giorni di chiudere l'argomento con quella degli zompi nel chiuso di un edificio. Due possibilità: o aprire direttamente queste paroline azzurrine, oppure andare alla voce «Liste italiane di ogni tempo», quindi «Triplo uomini», dove conserveremo, d'ora in poi, queste liste, che verranno aggiornate se Enzo e Enzo Bis ne avranno voglia, diciamo, una volta l'anno.

Last Updated on Thursday, 17 January 2019 14:20
 
L'atletica con il cappotto: le nostre liste compilate da Rivis e Sabbadin PDF Print E-mail
Monday, 14 January 2019 16:03

alt

Ci siamo, o meglio dovremmo esserci: atletica invenale, nel fango, poco di questi tempi con il secco che fa al Nord, nel freddo dei palazzetti, quei pochi, dove si fa attività da equimesi. Noi ci occupiamo di ciò che è stato, dal 1970 più o meno, alla stagione scorsa. Liste nazionale a cielo coperto compilate dai nostri due «big data», Enzo Sabbadin e Enzo Rivis, che compilano e tengono aggiornato. Quelle che vi offriamo oggi sono le liste uomini e donne, il nostro contributo agli appassionati che tenacemente seguono le vicende dell'atletica del nostro allungato stivale. Qualche aggiunta, rifinitura, poche cose. Adesso ci rivredemo fine marzo o aprile, e vedremo se avremo fatto qualche passettino avanti. I compilatori sono sempre affamati di correzioni e aggiunte, soprattutto contenti di verificare che non ci sono nè aggiunte nè correzioni. Quasi quasi dovrebbero metterci dentro qualche strafalcione per vedere se qualcuno se ne accorge...Ultimo memo: quest'anno il focus della stagione fredda saranno i Campionati europei, messi a dimora sulla pista del' Emirates Arena di Glasgow, segnare le date: 1 - 3 marzo. E adesso buona lettura per ricordarci di come eravamo e di sognare come saremo! A proposito di lettura, per coloro che di tanto in tanto ci chiedono come fare a trovare il materiale sul nostro sito. In questo testo ci sono le paroline «uomini» e «donne» in azzurrino, facendoci click sopra si aprono direttamente le liste. Oppure sulla sinistra della pagina di copertina  fare un click su Pista coperta uomini (New) e Pista coperta donne (New), sono le liste che pubblichiamo oggi.

Last Updated on Monday, 14 January 2019 16:38
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 7 of 154