Home

Accedi



Menu Utente

Chi è online

 31 visitatori online

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi149
mod_vvisit_counterIeri857
mod_vvisit_counterQuesta Settimana2576
mod_vvisit_counterSettimana scorsa5114
mod_vvisit_counterQuesto mese15078
mod_vvisit_counterMese Scorso22291
mod_vvisit_counterDi sempre938926

Online (da almeno 20 minuti): 12
il tuo IP: 54.92.173.9
,
Oggi: Mag 23, 2018


Nazione di provenienza

65.5%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Nel nome di Marco Martini un lavoro comune fra ASAI e Commissione francese PDF Stampa E-mail
Sabato 17 Febbraio 2018 11:11

Abbiamo ricevuto altri messaggi di cordoglio per la dipartita di Marco Martini. Ci hanno scritto Alain Bouillé, storico dell'atletica francese, il quale ebbe continuo scambio di informazioni fin dagli anni '50 con Bruno Bonomelli, la cui eredità culturale fu raccolta da Marco. Alain ha scritto per i suoi - e nostri - amici francesi un breve curriculum di Marco.

Da parte sua, Luc Beucher ha espresso il suo cordoglio con un sentito messaggio. Luc ha avuto un costante scambio di richieste e informazioni, tanto che, ci dice, aveva ricevuto una lettera da Marco lo scorso 30 gennaio. Luc è veramente un appassionato del nostro sport e la sua disponibilità è eccezionale. Famiglia di origini italiane, bergamasche, ci sembra di ricordare di Albino, Luc ama l'Italia e l'atletica italiana.

Ecco cosa ci ha scritto.

Cher Ottavio, chers tous,

Je suis loin de vous tous mais je viens d'apprendre la très triste nouvelle. Marco m'avait adressé le 30 janvier dernier un mail pour m'informer de son état de santé et nous avions échangé des lettres de voeux pour cette année 2018, comme chaque année depuis........les années 70 !!!!!! C'était mon ami de partage et le lien de mon pays de coeur. Je n'ai pas les mots pour pour vous dire ma peine et je reste là, comme un con..........!  Luc B.

Anche Luc Vollard ci ha inviato un nuovo messaggio, che, in più, contiene una proposta che apprezziamo molto.

J’ai appris la nouvelle comme vous tous hier, et ‘’hasard’’ incroyable, j’étais en train de découvrir une pile de journaux reçue la veille, des Match l’Intran du début des années trente. Il y a un splendide reportage sur le France – Italie du juin 1931 à Bologne (mon père était né depuis deux semaines …)

Ayant comme Luc du sang italien dans les veines (le mien est plus dilué ..) je cherchais une idée de travaux communs avec nos amis Italiens et cela m’est venu, avec ce matin un petit complément. Je vous évoquerai cela lors de notre réunion d’avril

Et merci à Alain pour les précisions sur Marco

Cordialement

PS : cet après midi, je rends visite à José pour récupérer ces journaux. Je ferai le point sur ce que j’aurai à l’issue en double. Si certains sont intéressés, livraison en main propre le 14 avril !

Caro Luc e tutti gli altri amici, l'idea di un lavoro storico - statistico in comune, nel ricordo di Marco, diventa per noi una priorità. Aspettiamo la vostra proposta.

Ultimo aggiornamento Sabato 17 Febbraio 2018 11:53
 
Messaggi di cordoglio per Marco dagli amici francesi e spagnoli PDF Stampa E-mail
Venerdì 16 Febbraio 2018 17:40

Nel pomeriggio abbiamo ricevuto brevi messaggi di cordoglio da Luc Vollard, a nome della Commissione degli storici e statistici francesi, e da José Javier Etayo Gordejuela, presidente della AEEA, la Associazione spagnola degli statistici, e da Ignacio Mansilla, segretario della stessa. Questi i messaggi:

Luc Vollard: "In the name of all the French History and Documentation  Committee, received our sincere condolences. You can also pass on our friendships to Marco’s family".

José Javier Etayo Gordejuela:"Lo siento mucho, Ottavio. Gracias por comunicárnoslo. Un fuerte abrazo".

Ignacio Mansilla:"Gracias por informarnos y por favor transmite las condolencias de la AEEA a todos los colegas italianos".

Marco era molto noto all'estero per la sua cultura e per la sua disponibilità. Spesso aveva aiutato alcuni dei colleghi francesi, e collaborava con ricerche con la rivista dei NUTS, gli storici e statistici inglesi.

Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Febbraio 2018 17:52
 
Cultura, un sostantivo che aveva un profondo significato per Marco Martini PDF Stampa E-mail
Venerdì 16 Febbraio 2018 09:11

Riceviamo da Paolo Marabini, amico e componente del Consiglio direttivo del nostro Archivio Storico, queste righe di sentito ricordo di Marco Martini.

CIAO MARCO 

Mi viene chiesto spesso come ho trovato una determinata informazione, la data di un record che nessun annuario ufficiale riporta, una fotografia di un secolo fa, il risultato in una garetta provinciale del 1930. Lo devo alla mia passione e alla mia sete di conoscenza nei confronti di questo sport. E naturalmente a una minuziosa ricerca ultratrentennale, che però ha potuto avvalersi del lavoro unico, incredibile, maniacale, appassionato di poche persone. 

Una di loro, da ieri mattina, non è più fra noi. E la notizia della sua morte, a 64 anni, mi ha molto rattristato. Perché Marco Martini era prima di tutto un uomo speciale, poi anche - ma quel poi non appaia riduttivo - un appassionato di atletica e di statistica come ce ne sono pochi nel mondo, che ha dedicato tutta la sua vita alla ricerca, meticolosa ed esemplare. 

Da ragazzo era stato atleta, quattrocentista del Cus Roma, ma non verrà certo ricordato per i suoi risultati in pista, che egli stesso definiva “meno che modesti”. Invece non potranno essere dimenticati i suoi inediti lavori storici e statistici, frutto appunto di quella sua mania per la ricerca che è stata la missione della sua ascetica e monacale esistenza. 

Non a caso, insieme a Ottavio Castellini, Aldo Capanni e ad Alberto Zanetti Lorenzetti, è stato l’anima dell’ASAI Bruno Bonomelli, l’archivio storico dell’atletica italiana, fondato 25 anni fa, di cui molti di voi probabilmente conosceranno la valenza, a differenza di disattenti dirigenti federali che ne hanno spesso sottovalutato il peso specifico, convinti che la cultura non abbia importanza quando devi costruire medaglie... 

Il contributo di Marco a questa parola "spaventosa" - cultura - è stato immenso, totale. Le sue pubblicazioni resteranno delle assolute pietre miliari, a cominciare dal ciclopico lavoro sulla storia dell'atletica maschile italiana “Da Bargossi a Mennea”. Per non parlare dell’insostituibile apporto di ricerca e conoscenza ai volumi della storia dei campionati italiani, redatti insieme ad altri stimati storici e statistici. E poi la ricostruzione degli incontri della Nazionale, finanche una divagazione oltre i confini italiani, ovvero un bellissimo volume sulla storia dello sport fra le popolazioni indigene. 

Ci lascia un grand’uomo, di rara sensibilità. Un uomo d'altri tempi, verrebbe da dire, dai modi gentili e delicati. Proprio come il suo fisico minuto, che negli ultimi anni si era sempre più indebolito sino a portarlo, ieri sera, al prematuro addio dalla vita terrena. Sentivo il dovere - in questo ambito che divulga molte informazioni storiche frutto anche del suo instlavorile o - di tributargli un ricordo, per quanto mai abbastanza adeguato a quello che è stato realmente Marco. Io gli sarò eternamente grato. E lo ricorderò sempre con affetto.

Ultimo aggiornamento Venerdì 16 Febbraio 2018 09:19
 
In punta di piedi Marco Martini ha concluso la sua serena avventura umana PDF Stampa E-mail
Giovedì 15 Febbraio 2018 20:08

alt

Ore 20.45: trilli del telefono portatile ci richiamano al legame con la realtá mentre siamo attratti da un servizio intelligente su una etnia della foresta amazzonica, trasmesso dalla televisione spagnola. Ci raggiunge Augusto e, subito, dalla voce percepiamo che non è portatore di buona novella. Marco Martini ci ha lasciato questa mattina, nella solitudine di cui si era circondato da sempre ma soprattutto dopo la morte dei genitori. Non vedendolo arrivare in ufficio, alla sede romana della Federazione italiana di atletica leggera, una collega, dotata di particolare sensibilità, si è allarmata, conoscendone da tanti anni la meticolosità, l'educazione, il sacro rispetto del lavoro, cui si era dovuto piegare pur non essendo quello che gli confaceva. I successivi interventi hanno portato alla certezza dell'accaduto.

Durante il servizio sulla tribù amazzonica erano passate immagini di un combattimento di lotta fra gli indigenti e con il giornalista francese che ha realizzato il reportage. L'associazione con Marco Martini e il suo pluridecennale lavoro di ricerca sui legami fra lo sport e il sacro, sullo sport nelle popolazioni antiche, era passato come un flash nella nostra mente. Nel 2014 aveva trovato una casa editrice che aveva pubblicato il suo eccezionale lavoro "L'energia del sacro. Lo sport tra i popoli di interesse etnologico". Ricerca che considerava ancora parziale e alla quale dedicava gran parte del suo tempo libero. Marco, lui sì, avrebbe avuto diritto ad una cattedra universitaria di storia dello sport, e invece stava a fare il passacarte in una federazione sportiva.

Avevamo ricevuto da Marco poche righe, proprio martedì scorso, a seguito di una nostra comunicazione, riservata ai componenti del Direttivo, sulla prossima Assemblea dell'Archivio Storico. Da qualche anno ricopriva la carica di vicepresidente. La riportiamo nella sua integrità:

"Ricevuta notizia prossima assemblea ASAI. Disastroso mio crollo fisico dalla seconda metà del  2017. Sono contento di essere riuscito a fornire il mio contributo per il libro del  1945. Il 2018 è il mio ultimo anno (parziale) sul pianeta Terra. Grazie per la stima accordatami in tutti questi anni, che ricambio. Ti prego di un ultimo favore: inserire sul sito ASAI la nuova versione delle liste  1945, con importanti integrazioni di Alberto  Zanetti (vedi allegati)".

Tristezza, commozione, il peso gravoso di una perdita umana e professionale. Riposa in pace, caro Marco, sorretto come per tutta la vita da una Fede salda e profonda.

Nella foto: un commosso Marco Martini mostra il Premio Bruno Bonomelli, che ricevette durante la Assemblea dell'A.S.A.I. a Castenedolo nel 2013.

Ultimo aggiornamento Domenica 18 Febbraio 2018 17:36
 
Volete saperne di più sull'atletica francese? Allora la "Lettre" fa per voi, apritela PDF Stampa E-mail
Lunedì 12 Febbraio 2018 10:04

Gilbert Rossillo ci rinfresca la memoria sul consueto appuntamento con il sito degli storici e statistici francesi. Nel nuovo aggiornamento parecchi argomenti che possono interessare i nostri soci e lettori.

Bonjour à toutes et à tous,                         

A​u nom de la Commission Documentation et Histoire de la Fédération Française d'Athlétisme, j'ai le plaisir de vous adresser la 76ème lettre mensuelle d'informations avec son traditionnel résumé des études réalisées ou mises à jour au cours de janvier que vous pouvez consulter plus en détail via le lien suivant : http://cdh.athle.com/  

Rendez-vous incontournable l'EDITO - C'EST ARRIVÉ EN FÉVRIER ... 1987​, Rédaction Luc Vollard

Images intégrées 1   Les championnats d’Europe en salle 1987 furent une grande réussite à Liévin, notamment avec le record du monde de Bruno Marie-Rose, le titre de Thierry Vigneron mais aussi la confirmation du talent deSerge Hélan. Le triple-sauteur du CA Montreuil avait déjà battu le record de France l’été précédent mais il attaqua l’année sur des bases encore meilleures. Le 15 janvier, déjà à Liévin, il ...

En lire plus en page d'accueil du site au centre ou accès via la colonne de gauche Editos
DU NEUF, DES COMPLEMENTS ET DES MISES A JOUR ...

Rédaction Gérard Dupuy

Images intégrées 2

 

Bien entendu toute l'équipe de la CDH vous adresse ses meilleurs vœux pour 2018 ! Un maximum de plaisir dans tout ce que vous entreprendrez et nous l'espérons aussi en parcourant votre site préféré !

Du nouveau avec un aperçu du bilan du désormais traditionnel meeting en salle de Nantes depuis sa création et la rubrique curiosités vous propose quelques conseils pour courir lorsque vous êtes sous les drapeaux en plein conflit mondial il y a un siècle.
Il y a quasiment un siècle également, nos ancêtres pratiquaient déjà l'athlétisme avec ferveur et les bilans très complets des années 1919 et 1920 vous attendent dans le menu "bilans anciens".

Le dictionnaire de l'athlétisme français a été remis à jour à l'issu de l'année 2017 en ce qui concerne les féminines, les masculins se préparant à venir les rejoindre.

Enfin des mises à jour parfois conséquentes, d'autre fois un peu moins ont été apportées aux familles d'internationaux (menu curiosités), aux nationalités acquises ou double nationalités (menu utilitaires) et commetrès régulièrement aux finalistes des championnats de France essentiellement des temps "héroïques" ainsi queles bilans collectifs de ces championnats de France qui vont désormais jusqu'en 1929.

Bonne lecture, et n'hésitez pas à visiter le site de fond en comble, vous y découvrirez des trésors à n'en pas douter ! 

4 x 100 M - BILANS TOUS TEMPS TOUTES CATÉGORIES F. et M. Etude de Gilbert Rosillo . Comme annoncé débout janvier, voici le premier volet des bilans tous temps relatifs au relais 4 x 100m. Les autres suivront à plus ou moins long terme, le 4 x 400m sera la prochaine étape avant si possible les Interclubs. Accès direct via ce lien :  http://cdm.athle.com/upload/ssites/001059/100%20mpf%20tt/relais__4x100m_toustemps-tc.pdf

PALMARES : MEETING EN SALLE

Rédaction Olivier Martinot Lagarde

1) Mise en ligne du meeting de Val-de-Reuil :
La salle de Val de Reuil a la particularité de posséder une salle d’échauffement dans le prolongement de la piste, qui permet de courir un 110 m haies à l’abri ! Mais c’est aussi un écrin magnifique qui accueille, depuis 2010, un excellent meeting et des épreuves parfois hors normes comme le 400 m haies, Félix Sanchez ayant enchanté le public à plusieurs reprises. Mais il n’est pas le seul à s’être illustrer … La dernière édition a lieu le samedi 27 janvier.

Liens vers le palmarès : http://cdm.athle.com/asp.net/espaces.html/html.aspx?id=26799

vers le site de l'organisateur : http://eure.athle.com/asp.net/espaces.html/html.aspx?id=35941

2) Mise en ligne du meeting de Nantes :

Achevée en 2013, la salle de Nantes fait partie des nouvelles installations qui permettent à l’athlétisme hivernal de poursuivre son développement. Dès 2014, un meeting national a naturellement pris sa place dans le calendrier, attirant nos meilleurs athlètes à quelques semaines des championnats de France. La cinquième édition a eu lieu le samedi 20 janvier.
Liens vers le palmarès : http://cdm.athle.com/asp.net/espaces.html/html.aspx?id=26799

vers le site de l'organisateur : http://nmathle.fr/

Cette lettre a pour but de vous présenter les principales mises à jour du mois précédent. Mais en fonction de vos propres pôles d'intérêts, vous pouvez parcourir sans modération les différents dossiers qui vous sont présentés.

 

Ultimo aggiornamento Lunedì 12 Febbraio 2018 19:12
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 7 di 134