Home

Login



User Menu

Who is online

We have 13 guests online

Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday275
mod_vvisit_counterYesterday335
mod_vvisit_counterThis week3426
mod_vvisit_counterLast week6754
mod_vvisit_counterThis month23831
mod_vvisit_counterLast month30314
mod_vvisit_counterAll days1229539

Online (20 minutes ago): 2
Your IP: 18.215.159.156
,
Today: Apr 25, 2019


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Message
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Da Versailles a Paris per il Challenge Lemonnier: una antica «classica» francese PDF Print E-mail
Sunday, 13 January 2019 09:31

Consueto appuntamento di inizio mese con le nuove richerche degli amici della Commissione Documentazione e Storia della Federazione francese. Luc Vollard ci fa conoscere una delle grandi corse francesi: Challenge Lemonnier. Gilbert Rosillo è un metronomo nel scandire il tempo...»

Bonjour à toutes et à tous, Nous avons le plaisir de vous adresser la 87ème lettre mensuelle d'informations de la Commission Documentation et Histoire de la Fédération Française d'Athlétisme qui vous présente le résumé des études réalisées ou mises à jour au cours du mois de décembre 2018. Vous pouvez les consulter plus en détail en ouvrant le lien suivant :  http://cdm.athle.com/

EDITO - C'EST ARRIVÉ EN JANVIER ... 1931  

Rédacteur Luc VOLLARD

alt
Fondé en 1902 par Jacques Lemonnier afin de perpétuer le souvenir de son frère André, champion de France du 800 m en 1894, le challenge Lemonnier devint rapidement l'un des principaux rendez-vous de la saison. Organisé par le Racing Club de France, sur le parcours Versailles - Paris... en lire plus en page d'accueil du site 

 

NOUVEAU

CE SITE EST TENU PAR DES PASSIONNÉS BÉNÉVOLES A 100%

Pour éviter toute méprise, nous tenons à signaler que le site de la CDH est tenu par un groupe de ... en lire plus en page d'accueil du site sur la première ligne de la colonne de gauche.

 

ACTUALITES - DES DECOUVERTES ET DES MISES A JOUR

Rédacteur Gérard DUPUY

alt
  

Des nouveaux documents et des mises à jour vous sont proposés pour vos fêtes de fin d'année ! 
Commençons par les mises à jour : le palmarès collectif des championnats de France porte désormais sur la période 1889 - 1965, les finalistes individuels de la même période ont vu beaucoup de précisions apportées, le dictionnaire a été réactualisé au 15 décembre, dans la rubrique "curiosités", les familles d'internationaux se développent, et les bilans tournant autour des années 1920  s'étalent désormais de 1917 à 1922. Enfin, dans la rubrique "utilitaires", un accroissement notable de la liste des modifications d'identités (mariages, divorces, changements de prénoms, etc.) a été enregistré.

Pour les nouveautés se trouve dans le menu "Etudes diverses - par spécialité"  un glossaire de la marche (tous les champions de France ou recordmen de la spécialité, les meilleures réussites en grandes compétitions, etc.). De nouveaux portraits vous sont proposés, parfois vus sous un autre angle (Jean BouinYohann Diniz) ou plus original un autoportrait signé Suzanne Liebrard, une des pionnières de notre sport. Une autre athlète précurseur en la matière, Paule Fercoq du Leslay nous évoque le sport au féminin dans la rubrique "curiosités".

Enfin pour terminer, quatre nouveaux noms d'athlètes reconnus mondialement pour tout autre chose que l'athlétisme accroissent la liste intitulée "qu'ont-ils fait en dehors de l'athlétisme", toujours dans la rubrique curiosités, on y trouve pêle-mêle un grand gouverneur, un peintre renommé, frère d'un espion encore plus renommé, un grand prix de Rome, et une spécialiste des régions polaires (photo).

Bonne lecture, et n'hésitez pas à nous contacter, si nous pouvons répondre à vos interrogations, nous le ferons très volontiers. Si c'est au-delà de nos compétences, nous vous le dirons sans détour !


LES RELAIS TOUS TEMPS DES EQUIPES DE FRANCE SALLE & PISTE

Rajout des performances 2018

salle :      4x200m - 4x400m - 4x800m

plein air :  4x100m - 4x200m - 4x400m - 4x800m - 4x1 500m

A consulter sans modération au milieu de la colonne de gauche :  

MEILLEURES PERFS TOUS TEMPS

 

MEETING NATIONAL EN SALLE DE MAYENNE

Rédacteur Guillaume BAR - Olivier MARTINOT-LAGARDE

Mise à jour après l'édition du 23 décembre 2018

http://cdm.athle.com/upload/ssites/001059/epreuves_anciennes/meetingmayenne26122018.pdf

 

MISE A JOUR DU SITE

En ouvrant le menu situé en haut et à droite de la page d'accueil, vous aurez accès à plus d'informations : Mises à jour du site

 
LA CDH ITALIENNE

Un site équivalent à la CDH française, mais réalisé pour l'Italie.
A découvrir absolument !              http://www.asaibrunobonomelli.it/

  

INFOS PRATIQUES : LES REVUES FFA

La revue fédérale Athlétisme Magazine en partenariat avec la BNF a mis en ligne tous les numéros du magazine officiel de la FFA de 1921 à 2000. - de 1921 à 1932 ICI   - de 1932 à 1934 ICI
- de 1935 à 2000 ICI
Cliquez sur les liens précédents pour avoir accès aux revues mensuelles numérisées ou y accéder à partir de la page d'accueil du site.

 

Last Updated on Sunday, 13 January 2019 11:16
 
Triplo donne in pista coperta: come erano lunghi quei salti di quindici anni fa! PDF Print E-mail
Friday, 11 January 2019 16:10

Seconda puntata della nostra telenovela del salto triplo. Stavolta vi proponiamo il lavoro compilatorio di Enzo Rivis ed Enzo Sabbadin relativo alla lista di tutti i tempi delle prestazioni ottenute dalle atlete durante competizioni in pista coperta. Magdalin Martinez guida la lista con un «triplice» misurato 14.81; avvenne a Budapest durante la qualificazione dei Campionati mondiali indoor. Era il 5 marzo 2004. Pure il secondo e il terzo salto della italica lista furono ottenuti nello stesso anno, sempre dalla atleta: 14.67, ancora a Budapest nella finale mondiale, e 14.62 pochi giorni prima al meeting tedesco di Karlsruhe.

Prima di lasciarvi alla lettura, qualche dato complessivo: sono 333 le prestazioni oltre i 13 metri, ottenute da 36 atlete. Il loro numero sale a 189 per quelle che hanno superato i 12 metri. Un ringraziamento ai nostri compilatori, che saranno ben lieti (ammesso che ce ne sia bisogno) di ricevere aggiunte e correzioni al malloppo di dati che ciascun utente di questo sito può trovare a questo indirizzo.

Last Updated on Friday, 11 January 2019 16:19
 
Domani alla chiesa dell'Isolotto a Firenze ricorderemo Aldo Capanni PDF Print E-mail
Wednesday, 09 January 2019 08:59

“Cari amici, eccoci all’appuntamento annuale in memoria di Aldo. La Santa Messa di suffragio la celebrerò nella Chiesa dell’Isolotto, al solito, il 10 gennaio 2019 alle ore 18. Anche per quest’anno interverranno i membri dell’Associazione Veterani dello Sport con la preghiera – ricordo.

“Quest’anno ho pensato ad un ricordo particolare. Veramente non è una novità: l’ho messo anche nella busta-ricordo che ho distribuito in occasione del funerale di Aldo. Trattasi dell’articolo «Se n’è andato in punta di piedi», apparso su giornali dell’epoca, e riportato nel libro di mio fratello alle pagine 77 – 79.

“Colgo l’occasione per benedirvi e ringraziarvi di tutto cuore.

D. Alessandro Capanni

Questa la lettera che ci ha inviato don Alessandro per ricordare l’anniversario della scomparsa di suo fratello e del nostro amico Aldo, socio fondatore di questo Archivio Storico e segretario ininterrottamente dal 1994 al gennaio 2007. Forse l’abbiamo già detto altre volte, ma ci dà sempre un battito accelerato ricordare che ancora poche settimane prima di subire l’offesa della impossibilità fisica, volle predisporre il bilancio per l’Assemblea che si sarebbe tenuta qualche mese dopo. Questo era Aldo, un gigante, di efficienza, di onestà comunque la si voglia guardare, ci ha sempre messo del suo, non ha mai posto le mani nelle tasche degli altri.

Alessandro cita l’articolo che Aldo scrisse in memoria di Piero Massai, titolato «Se n’è andato in punta di piedi» e pubblicato, era il 2001, su due riviste fiorentine: «Spiridon Italia» e «ASSI News», questa la voce della storica società Arno Società Sportiva Italiana Giglio Rosso Firenze, di cui Aldo fu dirigente per lunghi anni, lasciando una eredità unica, di lavoro, cultura, dedizione. Il titolo di quell’articolo in morte del suo amico Piero Massai vale anche per lui: se n’è andato in punta di piedi. Troppo presto, purtroppo.

Le due vite, quella di Piero e quella di Aldo, si sono a lungo intersecate, o forse sarebbe più appropriato usare quella famosa definizione usata da Aldo Moro quando, per vicende politiche, parlò di «convergenze parallele». Perché no? Piero e Aldo operavano parallelamente, nella società sportiva, ma vivevano la loro passione, la loro cultura, in maniera convergente, era un sentire comune, che convergeva, appunto. L’articolo (apparso poi nel libro di Aldo «Di tutto un po'») che riproduciamo è l’esatta fotografia di quella convergenza umana. Per leggerlo agevolmente cliccare sulle singole pagine e si ingrandiranno.

alt alt alt


 

Last Updated on Wednesday, 09 January 2019 09:31
 
Ragazze, in queste liste mancano solamente i tripli salti mortali, il resto c'è tutto PDF Print E-mail
Sunday, 06 January 2019 10:10

alt

Ogni promessa è debito, almeno così si diceva una volta, adesso guardandoci in giro ci sembra che non sia più tanto vero. Ma noi siamo all'antica. Qualche giorno fa avevamo scritto che avremmo dato seguito alle molte notizie che un nostro socio aveva reso disponibili sul suo sito personale. Tema: il salto triplo, recentemente «celebrato» con una giornata rievocazione, anche con un libro, e con tante immagini, fotografie, indagini biomeccaniche, filmati. Stamani fra i molti regali che abbiamo ricevuto dai Re Magi - o dalla Befana - ci è stato recapitato un dossier di ben 31 pagine che contiene, incredibile da vero, tutte le atlete italiane che hanno saltato più di 12 metri in uno stadio all'aria aperta. E son 290. Ma Enzo Rivis ed Enzo Sabbadin, che sono i competenti compilatori di questo malloppo, non si sono fermati lì: hanno messo in fila 1053 prestazioni, ossia tutte, dei salti oltre i 13 metri. Ci sono poi altri dettagli, risultati con vento a favore, ecc ecc, tutte quelle compilazioni che fanno delle liste delle ottime liste. E i nostri due soci sono fra i più bravi.

Chi vuole imparare a memoria le liste non ha che  da aprire questo indirizzo, e buona lettura. Codicillo conclusivo: vi diamo appuntamento ai prossimi giorni con altre compilazioni. Ce ne sono per tutti i gusti, per esempio le stesse liste ma in pista coperta, tanto per dirne una. Nella foto: Magdalin Martinez, qui in una gara con la maglia della Nazionale italiana, unica atleta ad aver superato i 15 metri, e ben 38 volte i 14.50. Ha costruito la sua dimensione internazionale sulle pedane dei campi del Bresciano, in particolare a Castenedolo, dove la seguì fin dal suo arrivo in Italia, il tecnico Erminio Rozzini, che aveva forgiato, in anni precedenti, Dario Badinelli.

Last Updated on Sunday, 06 January 2019 11:19
 
17.22, 17.23, 17.27, 17.39: li avete mai visti analizzati tutti insieme? PDF Print E-mail
Thursday, 03 January 2019 10:23

Dopo aver confrontato i due salti di Beppe Gentile, il primo 17.22, il quinto 16.54, della finale dei Giochi Olimpici 1968, l'ing. Giorgio Fracchia ci ha regalato un nuovo confronto biomeccanico fra questi due salti dell'atleta italiano e quelli del sovietico Viktor Saneev (17.39, sesto e vincente) e del brasiliano Nelson Prûdencio (17.27). Il tutto in meno di due ore: Gentile saltò alle 15.15; Saneev ottenne il suo primo record (17.23) alle 16.05; Prûdencio rispose con 17.27 alle 17.00, Saneev chiuse la partita con 17.39 cinque minuti dopo, 17.05: un'ora e cinquanta minuti. Di quella straordinaria finale che rivoluzionò la disciplina e che aprì spazi per i successivi miglioramenti, abbiamo avuto modo di parlare e di leggere negli ultimi mesi, sia in questo spazio sia nei ricordi, interviste, interpretazioni, che hanno popolato le pagine dei giornali italiani, sia in un riuscita giornata-ricordo lo scorso mese di ottobre. Non aggiungiamo niente altro, se non l'invito ad andare a «studiare» le immagini che sono pubblicate su questo indirizzo. Da parte nostra, dedicheremo ancora attenzione a questa bellissima disciplina (come tutte le altre del nostro sport, del resto) con nuove e approfondite ricerche statistiche di alcuni nostro soci.

Last Updated on Thursday, 03 January 2019 10:43
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 8 of 154