Home

Liste italiane di ogni tempo

Accedi



Menu Utente

Chi è online

 74 visitatori e 1 utente online
  • ottavioPublisher

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi354
mod_vvisit_counterIeri315
mod_vvisit_counterQuesta Settimana1135
mod_vvisit_counterSettimana scorsa2072
mod_vvisit_counterQuesto mese8598
mod_vvisit_counterMese Scorso17941
mod_vvisit_counterDi sempre744985

Online (da almeno 20 minuti): 21
il tuo IP: 54.156.54.104
,
Oggi: Ago 23, 2017


Nazione di provenienza

65.5%Italy Italy
8.6%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

È morto a Brescia Enzo "Franco" Volpi, uno dei migliori fondisti italiani fra gli anni '50 e '60 PDF Stampa E-mail
Venerdì 15 Marzo 2013 15:59
altQui a fianco: da sinistra, Antonio Ambu, Franco Volpi e Luigi Conti nella Pineta di Viareggio in occasione dei Campionati italiani di corsa campestre del 1964. Vinse Ambu, secondo Conti, terzo il bresciano Albertino Bargnani, allievo di Bonomelli, e quarto Franco Volpi.
 
 
  Sotto: Antonio Ambu seguito da Franco Volpi sul percorso del "Campaccio", nella edizione 1962 vinta, per la seconda volta, dal bresciano.
Le foto sono tratte dal libro "Corsa campestre, scuola di campioni" di Bruno Bonomelli e Enrico Arcelli.
alt

Per tutti, nel mondo dell'atletica bresciana e fra i tanti amici che aveva, era "Poiana", nome di un uccello rapace tipico dell'Europa. Enzo Volpi era un atleta che seppe librarsi alto proprio come i rapaci, sempre nella massima libertà, insofferente ad ogni tipo di costrizione e di inquadramento da caserma, come avrebbero voluto i "federali" dell'epoca, e di tutte le epoche...

Enzo Volpi è mancato la sera del 14 marzo, a Brescia. Era nato nella città della Leonessa il 16 agosto del 1936. Enzo all'anagrafe ma per tutti "Franco", non lo abbiamo mai sentire chiamare Enzo. Chi lo ha conosciuto ne ricorda la gioia di vivere, la spensieratezza, il cameratismo, era un giocherellone sempre pronto allo scherzo con i suoi compagni: era un eterno ragazzo che prendeva la vita con allegria. Famose le sue "mattate": durante le corse podistiche nelle montagne bresciane raccontava (pura verità) che si fermava a raccogliere erbe, asparagi selvatici, funghi, lui conoscitore della natura come pochi ne abbiamo incontrati. E nonostante le soste, vinceva le gare, arrivando al traguardo con un bel mazzo di asparagi di montagna. E non è che gli altri fossere delle "pippe".

Uno sport vissuto in allegria quello di Franco Volpi , fatto soprattutto di corsa in libertà, sulle strade, nei campi, nelle montagne. Pista poca, lo stretto indispensabile. Un keniota ante litteram, nato nella terra compresa fra il fiume Oglio e le sponde del lago di Garda. Non parliamo dei cosiddetti raduni collegiali, che evitava come la peste, con gran dispitto della Federatletica. E per questa sua libertà pagò. Infatti i "federali" lo colpirono nel peggiore dei modi: lo esclusero dai Giochi Olimpici di Roma '60, una partecipazione che avrebbe ampiamente meritato.

Aveva vinto il titolo italiano dei 10000 metri nel 1959, stabilendo il nuovo primato italiano, 30:05.8. Meglio dire: rivinto, perche' la prima maglia tricolore l'aveva indossata nel 1956, sulla stessa distanza. Grande attraverso i prati, soprattutto. Il cross era il suo regno. Elenchiamo i suoi piazzamenti ai Campionati italiani di corsa campestre: quarto nel 1956, campione italiano nel '57, a Bergamo, davanti all'atleta di casa, Franco Baraldi, terzo nel '58, ancora campione italiano nel '60 con quasi 30 secondi di vantaggio su Luigi Conti che ai Giochi Olimpici fu iscritto nei 5000 e fece il primato italiano in batteria, mentre Franco rimase a Brescia...a raccoliere funghi, grazie alla FIDAL, straordinario! La lista continua con i secondi posti del 1962 e del 1963, il quarto del 1964, il terzo del '68, il quinto del '70.

E ancora: secondo alla "Cinque Mulini" nel 1962 alle spalle di un "tale" di nome Michel Jazy; e ben quattro terzi nel '57, '58, '60 e '63. Vincitore della prima edizione del "Campaccio" nel 1957, gara che vincerà nuovamente nel 1962. Parliamo degli anni di Baraldi, di Giorgio Gandini, di Conti, di Francesco Perrone, del nascente Antonio Ambu, di Antonelli, Lavelli, Sommaggio, Francesco Bianchi, Silvio De Florentis.

Franco "Poiana" Volpi incarnò, insieme all'altro fondista bresciano Albertino Bargnani, il prototipo del corridore come lo pensava, vedeva e plasmava Bruno Bonomelli.

Noi che ti abbiamo conosciuto di ricordiamo con devota amicizia.

Ultimo aggiornamento Domenica 17 Marzo 2013 08:14
 
Dodici borse di studio per un Master in diritto e economia dello sport alla Università di Teramo PDF Stampa E-mail
Martedì 12 Marzo 2013 15:11

Riceviamo e volentieri aderiamo all'invito di rilanciare sul nostro sito questo bando di concorso dell'Università di Teramo rivolto ai giovani laureati. Si tratta del Master in diritto ed economia dello sport nell'Unione Europea.

Il Master, coordinato dal prof. Giuseppe Sorgi, ripropone la dizione di uno storico corso della Università di Teramo, attivato negli anni Novanta da Luciano Rossi.

Chi è interessato a maggiori informazioni può aprire qui...

Ultimo aggiornamento Mercoledì 13 Marzo 2013 08:06
 
Un nuovo contributo di Marco Martini alle liste storiche italiane maschili: 1912-1913-1914 e 1945 PDF Stampa E-mail
Sabato 09 Marzo 2013 08:04

La Sezione storico-statistica del nostro sito si arricchisce di un nuovo interessante contributo di Marco Martini, che ha ricompilato le liste degli anni 1912-1913 e 1914 e ci propone la nuova compilazione 1945. Chi ha interesse a consultarle può premere qui...

Ultimo aggiornamento Sabato 09 Marzo 2013 08:42
 
C'era una volta, tanto tempo fa: raccontiamo l'atletica italiana attraverso le immagini d'epoca (2) PDF Stampa E-mail
Mercoledì 06 Marzo 2013 12:43

alt

Provate a guardare sopra la testa di Luigi Facelli (mettete il cursore del vostro PC sulla foto e premete). Cosa vedete? Una tribuna piena di gente, un folto pubblico accorso per assistere all'incontro Italia - Svizzera. Siamo nel 2012? No, no, siamo al 27 settembre del 1931, ottant'anni fa, a Bergamo, allo stadio "Mario Brumana", come si chiamava a quei tempi. Lo stadio, dove giocava la Atalanta Bergamasca Calcio, era stato inaugurato tre anni prima, nel 1928. Anzi, pare che ci siano state due cerimonie: la prima il 1° novembre con la partita Atalanta - Triestina (4 a 1), e poi ancora il 23 dicembre dello stesso anno, partita in cartello Atalanta - La Dominante Genova (che, nel dopoguerra, prenderà il nome di Sampdoria). Risultato: 2 a 0. Stadio che, pur con le necessarie ristrutturazioni, continua ad esistere, genericamente conosciuto come "il Comunale" e poi, in epoca più recente, ribattezzato "Atleti Azzurri d'Italia".

Ritorniamo all'atletica. Saccheggiando il tesoro di insegnamenti del nostro Marco Martini, che ha catalogato tutti gli incontri della Nazionale, possiamo far sfoggio di cultura e dire che era la quarta volta che le due squadre si incontravano, la seconda in uno scontro diretto (il primo a Basilea nel luglio 1930), le altre due volte c'era di mezzo anche la Francia. Gli azzurri avevano sempre largamente dominato sui bianchi rossocrociati della Svizra, per usare la lingua romancia. La pista di Bergamo confermò ampiamente la tradizione: 104,5 a 69,5 il punteggio finale. Sulle 17 gare del programma, si annotano 13 successi italici.

Svetta fra gli elvetici un nome, quello di Paul Martin, che partecipò a cinque edizioni dei Giochi Olimpici fra il 1920 e il 1936, sugli 800 e sui 1500. Sulla distanza più breve vinse l'argento nel 1924, dietro al britannico Douglas Lowe, al termine di una lotta appassionante (1:52.4/1:52.5). A Bergamo Martin vinse in 1:57.1/5 sul connazionale Schwebel (1:58.3/5).

La nostra fotografia (riprodotta dalla Domenica Sportiva)  documenta i 110 metri ostacoli e il netto dominio di Luigi Facelli. Il cronometro gli assegnò 15.1/5, vicino al suo primato nazionale; Gianni Caldana (primo a destra) finì a due metri, l'elvetico Mägli  a 10 e Guhl ancora più indietro.

Facelli e Martin si ritrovarono nella frazione conclusiva della 4x400, ma non ci fu confronto: il divario fra i due quartetti era troppo vistoso, circa otto secondi.

Ultimo aggiornamento Mercoledì 06 Marzo 2013 17:34
 
Cerco, compro, scambio, vendo PDF Stampa E-mail
Mercoledì 27 Febbraio 2013 16:36

Conoscendo la grande passione che anima i nostri soci  nell'acquisto di libri, annuari, riviste di atletica, visto anche il successo della rubrica "Cerco, compro, scambio, vendo", siamo certi che faremo loro cosa gradita segnalando l'indirizzo di un amico inglese che ha un ricco catalogo di pubblicazioni "di seconda mano" che trattano del nostro sport. Chiariamo, ad evitare malintesi, che Mister Len Lewis fa commercio e quindi va rubricato alla voce "vendo", e, di conseguenza, per tutti gli altri vale la voce "compro".

Coloro che sono interessati possono consultare il suo catalogo qui...

Ultimo aggiornamento Venerdì 01 Marzo 2013 13:28
 
<< Inizio < Prec. 101 102 103 104 105 106 107 108 109 110 Succ. > Fine >>

Pagina 104 di 115