Home

Accedi



Menu Utente

Chi è online

 49 visitatori online

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi799
mod_vvisit_counterIeri2633
mod_vvisit_counterQuesta Settimana799
mod_vvisit_counterSettimana scorsa20743
mod_vvisit_counterQuesto mese68585
mod_vvisit_counterMese Scorso48826
mod_vvisit_counterDi sempre1692656

Online (da almeno 20 minuti): 39
il tuo IP: 3.235.65.91
,
Oggi: Mar 29, 2020


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Parry O'Brien, l'uomo con le dita enormi The man with enormous fingers PDF Stampa E-mail
Venerdì 13 Gennaio 2012 12:44

 

Questo articolo, firmato dal nostro socio prof. Marco Martini, ricostruisce la breve tournée effettuata nell’estate 1951 nel nostro Paese dal più grande lanciatore di peso di tutti i tempi, Parry O’Brien. Pubblicato sul numero 1/2011 della rivista AtleticaStudi, viene qui presentato anche con la traduzione in lingua inglese.

 

This article, written by our member prof. Marco Martini, talks about the brief italian tour of summer 1951 of Parry O’Brien, the greatest shot putter who has ever lived. It was published in the number 1/2011 of the magazine AtleticaStudi, and here we offer also its translation into English.

 

alt alt

Bologna 1° luglio 1951. Come si vede, O’Brien lanciava ancora con la semplice traslocazione, partendo fianco alla direzione di lancio.
Bologna, july the 1st 1951. As the photograph shows, O’Brien was still using the old technique, a simple glide executed sideways starting with the left hip facing the front of the circle, in the direction of the throw.

Lo Sport Illustrato 1953. Parry, ormai famoso perchè campione olimpico e primatista del mondo, in azione con il nuovo stile da lui coniato.
Lo Sport Illustrato 1953. Parry, by then olympic champion and world record holder, had already set up his new style, starting with his back to the stopboard.

 

 

Leggi la versione italiana

            

Ultimo aggiornamento Lunedì 16 Gennaio 2012 12:56
 
Accordo ASAI - IAAF per l'acquisto di libri e video PDF Stampa E-mail
Lunedì 02 Gennaio 2012 09:20

Si ricorda a tutti i soci dell'A.S.A.I. che è sempre in vigore l'accordo fra la nostra Associazione e la Federazione mondiale di atletica per l'acquisto di libri, video, DVD, prodotti dalla IAAF. L'accordo prevede uno sconto del 25 % sul prezzo stabilito, accordo valevole per quei soci che abbiano versato la quota volontaria per l'anno in cui viene formulata la richiesta di acquisto.

Queste vanno inoltrate indirizzando una e mail a Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , la persona che gestisce il bookstore della IAAF, indicando chiaramente di essere soci della A.S.A.I.. L'impiegato della IAAF verificherà la correttezza della richiesta con un componente del Consiglio Direttivo A.S.A.I. e informerà sulle modalità di acquisto.

Ultimo aggiornamento Lunedì 02 Gennaio 2012 10:19
 
Benvenuti nel 2012! PDF Stampa E-mail
Domenica 01 Gennaio 2012 09:37

 

Buon Anno Nuovo a tutti

 

A Happy New Year to everybody

Ultimo aggiornamento Domenica 01 Gennaio 2012 09:37
 
Auguri ASAI a tutti i nostri soci e ai lettori del nostro sito PDF Stampa E-mail
Venerdì 23 Dicembre 2011 17:38

Con il logo originale dell'A.S.A.I. - disegnato dal nostro indimenticabile amico Martino Gerevini - desideriamo far giungere i migliori auguri per le imminenti Festività a tutti i soci della nostra Associazione e a tutti i lettori del nostro sito 

alt

 

Buon Natale e Felice Anno Nuovo

Season's Greetings

Yoyeuses Fêtes

Felices Fiestas

Frohes Fest

Boas Festas

С праздником

हैप्पी छुट्टियाँ

عطلات سعيدة

節日快樂 

Ultimo aggiornamento Sabato 24 Dicembre 2011 14:15
 
Reale il Parco, sportivo il sudore PDF Stampa E-mail
Lunedì 19 Dicembre 2011 15:35

alt

In occasione del Campionato italiano di società di corsa campestre, disputato a Monza nel 2008, il Comitato regionale lombardo della Federazione italiana di atletica leggera, in collaborazione con l’A.S.A.I. "Bruno Bonomelli", pubblicò una ricerca dei nostri soci Sergio Giuntini ed Alberto Zanetti Lorenzetti intitolata “Il Parco Reale e Monza – una storia di sport ed atletica”. La pubblicazione è andata presto esaurita. Si è allora deciso di offrire ai nostri lettori la possibilità di consultarla sul sito dell’Archivio Storico dell'atletica italiana.

Per illustrare i contenuti di questa "chicca" storica  niente di meglio della stessa presentazione scritta dagli stessi autori:

Se dovessimo stendere una lista dei luoghi più significativi dello sport italiano, ed in particolare dell’atletica leggera, Monza sarebbe inserita in uno dei primi posti: la strada che la unisce a Milano, grazie all’impresa di Achille Bargossi, è stata la sede di quello che a tutt’oggi è considerato il primo atto della nostra atletica e, qualche anno più tardi, di una delle principali “classiche” del podismo italiano.

Il Parco della Villa Reale, conosciuto in ogni angolo del mondo per quel tempio della velocità che è l’Autodromo, ha ospitato corse campestri a partire da quando, nel corso del primo conflitto mondiale, le alte gerarchie militari compresero – meglio tardi che mai – che l’efficienza dei soldati non era solo una questione di rigida disciplina. Da allora furono numerose le manifestazioni che si disputarono: cross nazionali, Campionati italiani individuali e di società, fino al Cross delle Nazioni del 1974. Senza dimenticare la Maratona d’Inverno, organizzata a partire dall’inizio degli anni Settanta e per molti anni puntuale evento d’inizio d’anno.

Talvolta le vicende dello sport incrociano la storia, quella con la “esse”maiuscola. A Monza è accaduto il 29 luglio 1900, quando Umberto I alla fine del concorso ginnastico organizzato dalla “Forti e Liberi” venne ucciso dalle rivoltellate di Gaetano Bresci.

Sport e tragedia, quindi, in un binomio che a poche centinaia di metri di distanza si sarebbe consumato più volte sul circuito automobilistico. Ma anche sport e trionfo, in una più naturale sintonia con l’essenza dell’agonismo che nel Parco Reale ha negli anni accomunato Carlo Speroni e Tazio Nuvolari, Paola Pigni e Niki Lauda, Francesco Panetta e Michael Schumacher.

 

Architettura, natura, tecnica, agonismo, storia patria e racconti di sport. Tutto questo è l’aspetto di Monza che abbiamo voluto descrivere in queste pagine e che il Parco Reale ci ha dato l’opportunità di “fotografare” nella sua peculiarità unica non solo in Italia, ma in tutto il mondo”.

 

Buona lettura!

Ultimo aggiornamento Lunedì 19 Dicembre 2011 15:49
 
<< Inizio < Prec. 171 172 173 174 175 176 177 178 179 Succ. > Fine >>

Pagina 176 di 179