Home News Homepage Trekkenfild 65: si parla di campestre, di atletica malandata e di giustizia ingiusta

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi64
mod_vvisit_counterIeri922
mod_vvisit_counterQuesta Settimana4969
mod_vvisit_counterSettimana scorsa8730
mod_vvisit_counterQuesto mese26342
mod_vvisit_counterMese Scorso27951
mod_vvisit_counterDi sempre1166168

Online (da almeno 20 minuti): 19
il tuo IP: 34.203.28.212
,
Oggi: Feb 21, 2019


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Trekkenfild 65: si parla di campestre, di atletica malandata e di giustizia ingiusta PDF Stampa E-mail

alt

Ci è stato recapitato via etere il nuovo numero della pubblicazione telematica "Trekkenfild", siamo arrivati al 65esimo. Perboni e Brambilla, gli ideatori e gli editori, sono patiti - ultimi brontosauri della disciplina - della corsa campestre, e per loro i Campionati d'Europa del fango sono un appuntamento fisso. E quindi spazio all'evento e ai protagonisti di Tilburg, lsanda dei tulipani. Poi si parla anche di due «processi»: uno all'atletica italiana, alle sue patologie e alle possibili terapie (ognuno ne ha una, e quindi ciascuno va per la sua strada) e l'altro l'ormai interminabile telenovela del cosiddetto «caso Schwazer», storiaccia che manda sugli altari finti santi e punisce innocenti presunti peccatori. Copertina, due click, e leggete, se ne avete voglia.