Home News Homepage 17.22, 17.23, 17.27, 17.39: li avete mai visti analizzati tutti insieme?

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi857
mod_vvisit_counterIeri1261
mod_vvisit_counterQuesta Settimana6334
mod_vvisit_counterSettimana scorsa7786
mod_vvisit_counterQuesto mese26248
mod_vvisit_counterMese Scorso35449
mod_vvisit_counterDi sempre1361606

Online (da almeno 20 minuti): 24
il tuo IP: 18.205.176.100
,
Oggi: Ago 22, 2019


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Ireland Ireland



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

17.22, 17.23, 17.27, 17.39: li avete mai visti analizzati tutti insieme? PDF Stampa E-mail

Dopo aver confrontato i due salti di Beppe Gentile, il primo 17.22, il quinto 16.54, della finale dei Giochi Olimpici 1968, l'ing. Giorgio Fracchia ci ha regalato un nuovo confronto biomeccanico fra questi due salti dell'atleta italiano e quelli del sovietico Viktor Saneev (17.39, sesto e vincente) e del brasiliano Nelson Prûdencio (17.27). Il tutto in meno di due ore: Gentile saltò alle 15.15; Saneev ottenne il suo primo record (17.23) alle 16.05; Prûdencio rispose con 17.27 alle 17.00, Saneev chiuse la partita con 17.39 cinque minuti dopo, 17.05: un'ora e cinquanta minuti. Di quella straordinaria finale che rivoluzionò la disciplina e che aprì spazi per i successivi miglioramenti, abbiamo avuto modo di parlare e di leggere negli ultimi mesi, sia in questo spazio sia nei ricordi, interviste, interpretazioni, che hanno popolato le pagine dei giornali italiani, sia in un riuscita giornata-ricordo lo scorso mese di ottobre. Non aggiungiamo niente altro, se non l'invito ad andare a «studiare» le immagini che sono pubblicate su questo indirizzo. Da parte nostra, dedicheremo ancora attenzione a questa bellissima disciplina (come tutte le altre del nostro sport, del resto) con nuove e approfondite ricerche statistiche di alcuni nostro soci.