Home News Homepage Ci ha lasciato un grande signore della marcia: Antonio Begni

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi820
mod_vvisit_counterIeri1261
mod_vvisit_counterQuesta Settimana6297
mod_vvisit_counterSettimana scorsa7786
mod_vvisit_counterQuesto mese26211
mod_vvisit_counterMese Scorso35449
mod_vvisit_counterDi sempre1361569

Online (da almeno 20 minuti): 24
il tuo IP: 18.205.176.100
,
Oggi: Ago 22, 2019


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Ci ha lasciato un grande signore della marcia: Antonio Begni PDF Stampa E-mail

Poco fa siamo stati raggiunti da una di quelle notizie che non vorremmo mai ricevere. Un amico ci informava che ha lasciato questo consorzio di transeunti Antonio Begni, un gran signore della marcia italiana, atleta lui stesso, poi competente allenatore, appassionato organizzatore. Aveva 92 anni. Chi di noi lo ha conosciuto ne conserva un magnifico ricordo. Aveva la marcia come grande passione, organizzava nella sua Palazzolo sull'Oglio, un anno il campionato italiano dei 50 chilometri, varie altre gare, nazionali e regionali. Aveva allevato tecnicamente Giancarlo Gandossi, un bel talento, di Lodetto di Rovato, dove anche si organizzarono alcune gare nazionali. Quando le gemelle Rita e Piercarola Pagani decisero di passare dalla corsa (dove erano state molto brave, specie nel cross)  alla marcia, le allenò lui e le portò a livelli nazionali. Così come Maria Grazia Cogoli, e tanti altri ragazzi e ragazze che formavano una bella squadra legata alla Assindustria Atletica Brescia.

Da qualche anno Antonio Begni - che fu grande amico di Pino Dordoni - era andato a vivere nella sua bella casa di Clusane, sul lago d'Iseo. Queste note sono stese di getto, e quindi affrettate e incomplete. Ci torneremo.