Home News Homepage La marcia prende commiato da Antonio Begni domani a Clusane d'Iseo

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi210
mod_vvisit_counterIeri665
mod_vvisit_counterQuesta Settimana3026
mod_vvisit_counterSettimana scorsa6754
mod_vvisit_counterQuesto mese23431
mod_vvisit_counterMese Scorso30314
mod_vvisit_counterDi sempre1229139

Online (da almeno 20 minuti): 8
il tuo IP: 184.73.14.222
,
Oggi: Apr 24, 2019


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

La marcia prende commiato da Antonio Begni domani a Clusane d'Iseo PDF Stampa E-mail

altSi svolgeranno domani, alle 14,30, nella chiesa parrocchiale di Clusane d' Iseo, i funerali di Antonio Begni, atleta, allenatore e organizzatore con una grande passione per la marcia. Begni aveva sempre svolto la sua attività sia professionale sia sportiva a Palazzolo sull'Oglio, dove aveva organizzato quasi ogni anno una competizione di marcia. Nel 1974, in occasione della sessantesima edizione del Campionato italiano, aveva organizzato la gara valida per il titolo nazionale dei 50 chilometri. La gara fu vinta da Vittorio Visini, ed era il suo quinto titolo su questa distanza. Ma Begni non disdegnava neppure le gare per i giovanissimi, e spesso Palazzolo era sede di qualche prova del Trofeo Frigerio, da cui sono usciti tanti atleti che si sono poi distinti nella attività nazionale ed internazionale. Antonio Begni fu davvero un grande esempio di serietà, passione, umiltà: allenava, e lo fece con grandi soddisfazioni, ma non ha mai chiesto nulla per sé, onori, cariche, riconoscimenti. Con lui se ne va un uomo di cui si sta perdendo traccia, non solo nel mondo dello sport. Fu sempre contornato dall'affetto dei suoi ragazzi e delle sue ragazze, verso i quali aveva sempre un atteggiamento paterno ma allo stesso tempo fermo, come deve essere un allenatore che ha a cuore sia la crescita umana degli suoi allievi ma anche quella tecnica e agonistica. Aveva una attenzione speciale per i giovani, aveva occhio e vedeva chi aveva le qualità per emergere, eppure non ha mai fatto l'allenatore per professione. Antonio godeva della stima incondizionata di Pino Dordoni, con il quale i contatti erano frequenti, improntati a fraterna amicizia.