Home News Homepage Quando le corse podistiche servivano anche per strappare un sorriso

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi380
mod_vvisit_counterIeri971
mod_vvisit_counterQuesta Settimana2466
mod_vvisit_counterSettimana scorsa7667
mod_vvisit_counterQuesto mese27075
mod_vvisit_counterMese Scorso32528
mod_vvisit_counterDi sempre1293449

Online (da almeno 20 minuti): 17
il tuo IP: 54.243.26.210
,
Oggi: Giu 25, 2019


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Quando le corse podistiche servivano anche per strappare un sorriso PDF Stampa E-mail

Sentite questa, che carina! Siamo nel 1910…cronache e sorrisi d'altri tempi (dal libro di Aldo Capanni e Franco Cervellati).

“Ai primi di ottobre a Prato si svolsero delle gare sportive. Erano in programma corse podistiche, ciclistiche, motociclistiche e una corsa dei ciuchi. Questa la cronaca che apparve su «Il Nuovo Giornale» di Firenze:” La corsa dei ciuchi è stata sospesa per mancanza dei somari, essendo questi intenti allo studio per superare le prove d’esame durante la sessione d’autunno”. Allora si usavano spesso le righe di piombo per far sorridere i lettori: che differenza dalle seriose e spesso pretenziose cronache anche sportive del giorno d’oggi!”.