Home News Homepage I tempi elettrici delle quattro gare di Livio Berruti (e di altri) a Roma 1960

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi1008
mod_vvisit_counterIeri1027
mod_vvisit_counterQuesta Settimana1008
mod_vvisit_counterSettimana scorsa7379
mod_vvisit_counterQuesto mese23063
mod_vvisit_counterMese Scorso33535
mod_vvisit_counterDi sempre1322972

Online (da almeno 20 minuti): 27
il tuo IP: 54.81.69.220
,
Oggi: Lug 21, 2019


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

I tempi elettrici delle quattro gare di Livio Berruti (e di altri) a Roma 1960 PDF Stampa E-mail

alt

Codicillo all'articolo di ieri nel quale abbiamo dato conto delle quattro gare di Livio Berruti ai Giochi Olimpici 1960. Allora i tempi rilevati elettricamente erano ancora non ufficiali. Solo le successive ricerche compiute dagli statistici (in particolare l'inglese Bob Sparks) presso la compagnia di rilevazione consentì di conoscere i tempi elettrici. In ottemperanza a quanto in vigore, il Rapporto Ufficiale compilato - come vuole la prassi - dal Comitato Organizzatore dei Giochi ( in questo caso due completissimi volumoni fra i migliori mai editati) riporta solo i tempi manuali, come i nostri lettori hanno potuto vedere nel documento di omologazione predisposto dai giudici italiani. In seguito si conobbero i tempi rilevati da apparecchiatura completamente automatica. Potete così confrontarli con quelli manuali.

Livio Berruti

batteria 21.0 21.14
quarti di finale 20.8 20.91
semifinale 20.5 20.65
finale 20.5 20.62

 

La finale

1. Berruti 20.5 20.62
2. Carney (USA) 20.6 20.69
3. Seye (FRA) 20.7 20.83
4. Foik (POL) 20.8 20.90
5. S. Johnson (USA) 20.8 20.93
6. Norton (USA) 20.9 21.09

 

Abbiamo accompagnato queste righe con la fotografia della copertina dell' Annuario Federale 1961, edito per la prima volta dalla F.I.D.A.L., e da allora in poi, pur con alterne vicende, pubblicato ogni anno. Quell'Annuaroio 1961 era la realizzazione di una battaglia di Bruno Bonomelli che si era battuto sempre perchè la Federazione avesse un suo Annuario. Basterebbe leggere parecchi dei suoi interventi in Assemblea. Quella prima edizione 1961 si riferisce all'anno 1960, quanto a contenuti. La foto non poteva che essere quella dell'arrivo dei 200 metri: Livio che tende il filo di lana, Carney il primo a sinistra, il franco-senegalese Seye in azzurro, vicino a lui con maglia bianca il polacco Foik, dietro l'americano Johnson, manca solo il deludentissimo Ray Norton.Saremo anche nostalgici, ma quel filo di lana che attraversa tutta la foto piegato dal torace di Livio Berruti un certo brivido lo dà ancora! Quell'Annuario fu stampato dalla editrice La Fiaccola che teneva bottega in Viale di Tor di Quinto, a Roma; finirono di stamparlo il 15 maggio.