Home News Homepage Estadio Universitario, México City, ore 15.15, finale dei 200 metri, Mennea, 19.72

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi192
mod_vvisit_counterIeri2610
mod_vvisit_counterQuesta Settimana12830
mod_vvisit_counterSettimana scorsa20743
mod_vvisit_counterQuesto mese5079
mod_vvisit_counterMese Scorso75537
mod_vvisit_counterDi sempre1704687

Online (da almeno 20 minuti): 50
il tuo IP: 3.215.182.81
,
Oggi: Apr 03, 2020


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Ireland Ireland



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Estadio Universitario, México City, ore 15.15, finale dei 200 metri, Mennea, 19.72 PDF Stampa E-mail

alt

12 settembre 1979 - 12 settembre 2019. Quarant'anni da quel giorno, da quel primato, 19.72, da quel primatista, Pietro Mennea. Erano le 15,15 del pomeriggio, le 23,15 in Italia. Nell' Estadio Universitario di México City, quello stesso che era servito per i Giochi della XIX Olimpiade del 1968, era in programma la finale dei 200 metri dei Giochi mondiali universitari, la Universiada, come la chiamavo lassù. Quattro decenni fa, quel pomeriggio, in quel posto, c'erano quattro persone che, a titolo pressochè uguale, di professione parliamo, erano lì e videro quella straordinaria volata del giovanotto di Barletta. Chi erano? Ve lo faremo scoprire nei prossimi giorni, con la speranza che ciascuno di loro ci racconti quel pomeriggio, ci faccia partecipe di qualche episodio, aneddoto, sentimento. Nell'attesa, alziamoci reverenti nel ricordare Pietro Mennea, che ci lasciato troppo presto. Corrediamo queste poche righe con la copertina che la rivista «Atletica Leggera» dedicò all'eccezionale evento.