Home News Homepage Aldo Capanni, scorre inesorabile il tempo ma il suo ricordo rimane indelebile

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi141
mod_vvisit_counterIeri2610
mod_vvisit_counterQuesta Settimana12779
mod_vvisit_counterSettimana scorsa20743
mod_vvisit_counterQuesto mese5028
mod_vvisit_counterMese Scorso75537
mod_vvisit_counterDi sempre1704636

Online (da almeno 20 minuti): 47
il tuo IP: 3.215.182.81
,
Oggi: Apr 03, 2020


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Aldo Capanni, scorre inesorabile il tempo ma il suo ricordo rimane indelebile PDF Stampa E-mail

alt alt

alt

alt

alt

Il portalettere ci ha consegnato la busta proveniente da Montecatini Terme. All'interno poche righe scritte da don Alessandro Capanni, il quale ci ricorda un appuntamento, che, vicini o lontani che siamo e saremo quel giorno, non potremo mancare, se non con la presenza almeno con un pensiero, con un attimo di pausa e di raccoglimento. Domani, venerdì 10 gennaio, alle ore 18, nella chiesa dell'Isolotto, a Firenze, che sta a poche centinaia di metri della casa dove abitò per molti anni la famiglia Capanni, in via Viani, don Alessandro celebrerà la S.Messa in memoria di Aldo, suo amatissimo fratello e nostro indimenticabile compagno di viaggio nella bella avventura della creazione dell'Archivio Storico dell'Atletica Italiana «Bruno Bonomelli». E con qualcuno di noi, il legame si era annodato, stretto e indissolubile, molto, molto tempo prima. Lo vogliamo ripetere? Ebbene sì: Aldo era una persona eccezionale, temprato in solidi e incrollabili principi etici, cui facevano da contorno una forte tempra di lavoratore, ordinato e meticoloso, e una solida cultura, non crediate solamente sportiva, i suoi orizzonti erano molto più vasti.

Nello stendere queste povere righe abbiamo visto passare immagini come in una pellicola che si riavvolge. Abbiamo allora aperto un cassetto privato e ne abbiamo estratto immagini accumulate nel tempo. Immagini di Aldo, una caricatura perfino. Pubblichiamo una selezione di quelle fotografie, come omaggio alla memoria di un Uomo che ci manca molto.

Chi crede, reciti una prece, come faranno gli amici dei Veterani dello Sport che gli hanno dedicato una preghiera - ricordo. Gli altri rivedano, in raccoglimento, il suo volto ascetico, con affetto.

Un ricordo fotografico di Aldo Capanni (con figuranti intorno...): Lui, così come era, Lui così come ho ha visto un amico che gli ha fatto questa caricatura. Poi, a scendere: insieme a Zanetti Lorenzetti e Castellini, nel 2005, a Navazzo di Gargnano, il giorno della inaugurazione di uno spazio riservato all'A.S.A.I. all'interno della Collezione Ottavio Castellini; a Milano, durante un convegno storico - sportivo (dietro di lui si vede la signora Rosetta Bonomelli); a Firenze, nella sede del Comitato Toscano della F.I.D.A.L. durante una delle Assemblee annuali dell'A.S.A.I., sulla destra, Tiziano Strinati, Sindaco Revisore, sulla sinistra, Aldo intento nella sua funzione di segretario dell'Assemblea.