Home News Homepage Il perito edile Luigi Beccali va negli States ma per correre al Madison

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi876
mod_vvisit_counterIeri2633
mod_vvisit_counterQuesta Settimana876
mod_vvisit_counterSettimana scorsa20743
mod_vvisit_counterQuesto mese68662
mod_vvisit_counterMese Scorso48826
mod_vvisit_counterDi sempre1692733

Online (da almeno 20 minuti): 41
il tuo IP: 3.235.65.91
,
Oggi: Mar 29, 2020


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Il perito edile Luigi Beccali va negli States ma per correre al Madison PDF Stampa E-mail

Il lettore E.G., incuriosito dalla notizia che abbiamo scritto ieri a proposito della miglior prestazione italiana indoor sul miglio, ci chiede se possiamo raccontare qualcosa in più di Beccali e della sua trasferta americana nel 1937. Non facciamo altro che riprendere quanto scritto dal mai sufficientemente rimpianto Marco Martini, nostro socio fondatore e vicepresidente per molti anniil quale dedicò un capitolo alla lunga carriera del campione olimpico nel libro (edito dall'A.S.A.I., novembre 2010) «1929 - 1932 - Luigi Beccali, la goliardia e il mito dell'uomo integrale».

Scrisse Martini, nel suo stile stringato e documentatissimo:

"1937 - Luigi va negli Stati Uniti in qualità di perito edile per studiare le costruzioni statunitensi.

20 febbraio, New York, Madison Square Garden, NYAC Games, organizzazione New York Athletic Club, indoor, miglio: 1. Glenn Cunningham (USA) 4:12.4; 2. Gene Venzke (USA) 4:12.9; 3. Beccali 4:14.3 (questo tempo viene considerato come la prima miglior prestazione italiana sulla distanza) ; 4. Miklós Szabó (HUN) 4:17.0.

27 febbraio, New York, Madison Square Garden, Campionati statunitensi, organizzazione Amateur Athletic Union, indoor, 1500m: 1. Archie San Romani (USA) 3:51.2; 2. Beccali 3:51.3 stimato; 3. Gene Venzke (USA) 3:51.4 stimato ; 4. Miklós Szabó (HUN) 3:52.4 stimato; 5. Don Lash (USA).

1 marzo, Newark, New Jersy, indoor, 1 miglio e mezzo: 1. Don Lash (USA) 6:47.0; 2. Beccali non cronometrato.

... marzo, località sconosciuta, indoor, tre quarti di miglio: 1. Glenn Cunningham (USA) 3:10.2; 2. Gene Venzke (USA) non cronometrato; 3. Beccali non cronometrato.

... marzo, Memphis,Tennessee, indoor, miglio: 1. Glenn Cunningham (USA) 4:16.5; 2. Beccali non cronometrato; 3. Gene Venzke (USA) non cronometrato.

17 marzo, New York, Madison Square Garden, NYKofC, organizzazione Knights of Columbus, indoor, miglio: 1. Glenn Cunningham (USA) 4:08.7; 2. Archie San Romani (USA) 4:08.9; 3. Beccali 4:09.0 (miglior prestazione italiana sulla distanza); 4. Gene Venzke (USA) 4:11.1.

24 marzo, Worcester, Massachussets, NYKofC, indoor, miglio handicap: 1. Beccali (scratch in gara a vantaggi); 2. Joseph Mac Cluskey (USA)

Beccali continuerà il suo soggiorno con alcune gare all'aperto, l'ultima a Princeton il 9 giugno.

Visto che parliamo di «primati» in pista coperta desideriamo rendere merito a tre ricercatori che negli anni '80, insieme a Marco Martini, erano tra i migliori statistici al mondo: il francese Jacques Carmelli, lo statunitense Steven J. Mc Peek e l'italiano Giorgio Malisani, di Ferrara, che per parecchi anni fu nostro socio. I tre, nel gennaio 1987, a Ferrara, presentarono un loro lavoro «Cronologia dei primati indoor di atletica leggera mondiali, europei, italiani», ricerca fondamentale cui ci siano riferiti tutti.