Home Documenti Sociali Relazione 2011 del Consiglio Direttivo ai Soci

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi622
mod_vvisit_counterIeri1093
mod_vvisit_counterQuesta Settimana8149
mod_vvisit_counterSettimana scorsa9478
mod_vvisit_counterQuesto mese20792
mod_vvisit_counterMese Scorso27951
mod_vvisit_counterDi sempre1160618

Online (da almeno 20 minuti): 20
il tuo IP: 107.23.176.162
,
Oggi: Feb 16, 2019


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Relazione 2011 del Consiglio Direttivo ai Soci PDF Stampa E-mail

ARCHIVIO STORICO DELL’ATLETICA ITALIANA
“BRUNO BONOMELLI”
ASSEMBLEA 2012
Firenze, 22 aprile 2012

 

Se ne è andato anche Luciano Fracchia, lasciando in quelli di noi che avevano avuto il piacere di conoscerlo, una vena di malinconia per la perdita di una grande figura di galantuomo e di straordinario innamorato del nostro sport. Socio fondatore, aveva aderito subito alla idea della A.S.A.I. e, finchè la salute glielo aveva consentito era stato dei “nostri” alle Assemblee annuali, sempre apportando qualcosa di nuovo e di stimolante. Alcuni di noi ricordano la sua commozione quando, in omaggio a lui, tenemmo la nostra Assemblea a Asti, la sua città.
Oggi, 22 aprile 2012, qui a Firenze, apriamo questo nostro consueto appuntamento, nel suo incancellabile ricordo.


La Relazione 2011 del Consiglio Direttivo recepisce integralmente le decisioni annunciate in quella di un anno fa. Scrivemmo che ci eravamo stancati di perdere il nostro tempo e che ci saremmo comportati di conseguenza, più che mai decisi a continuare questa esperienza, ma altrettanto fermi nel proposito di non farci prendere per il naso.
Essendo successo poco o niente da parte di molti, di troppi, cosa dovevamo fare? Al tempo stesso, dobbiamo rilevare con piacere di aver trovato disponibilità e tangibile aiuto in alcuni soci che a nostra richiesta o spontaneamente hanno risposto: è nostro dovere ricoscere anche gli aspetti positivi.
Chi non si ricorda cosa avevamo scritto un anno fa, se lo vada a leggere, se vuole, nel nostro sito
http://www.asaibrunobonomelli.it/

alla voce Documenti Sociali.
Non c’è nient’altro da aggiungere, se non che dalle prossime settimane nell’elenco dei soci pubblicato nel nostro sito appariranno solo i nomi di coloro che tangibilmente hanno fatto o dato qualcosa alla nostra Associazione negli ultimi due-tre anni.

Bilancio 2011


Senza sforzarsi molto, è sufficiente leggere il commento del nostro Revisore, Tiziano Strinati:
“Il rendiconto finanziario per l’anno 2011 presentatomi dal Consiglio direttivo risulta essere migliore dello scorso anno, infatti è stato registrato un avanzo di esercizio di € 197,40, grazie ad una maggiore sensibilità da parte dei soci che hanno versato quote associative per € 1.450, così permettendo all’associazione di spendere in pubblicazioni per € 2.000. Ulteriore dato significativo di questo anno è la richiesta di volumi pari a € 785,00”
.
Ancor più istruttivo quello che lo stesso Strinati scrisse due anni fa nella sua Relazione:
“Mi rivolgo ai soci, sensibilizzandoli al fatto che per raggiungere i nostri scopi associativi è necessario oltre che il dedicarsi in favore dell'ASAI (ciò viene fatto dai pochi soliti) anche il sostegno finanziario e questo è sufficiente versando regolarmente la quota associativa che “per ora” è volontaria, ma per la nostra coscienza deve essere obbligatoria”
.

Attuazione delle decisioni annunciate nelle precedenti Assemblee


Da circa un anno e mezzo è attivo un c/c bancario per i versamenti. Lo verremmo ricordare a coloro che fanno girare inutilmente messaggi di quei pochi che chiedono di comperare un libro o versare una quota, perdendo e facendo perdere tempo quando potrebbero fornire le indicazioni direttamente. In particolare, la raccomandazione va ai soci che, in più, fanno anche parte del Consiglio. I dati sono stati – e sono – disponibili sul nostro sito, è sufficiente aprirlo e leggere.

• Sede postale: tutta la corrispondenza scritta relativa alla nostra attività va indirizzata al recapito del presidente, a Navazzo. Anche questi dati sono da tempo disponibili sul sito.
• Materiale A.S.A.I. (documenti sociali, libri giacenti e un armadio): è stata l’ultima operazione conclusa un anno fa proprio in occasione della Assemblea a Firenze. Tutte le “carte” di nostra proprietà furono trasportate e messe a dimora a Navazzo, grazie alla disponibilità del socio Elio Forti che ha individuato locali di sua proprietà per stivare questo materiale. Non per l’eternità.
• Sempre Elio si è fatto carico delle spese vive (benzina, autostrada e due persone che lo hanno aiutato) per questo trasporto da Firenze a Navazzo. Sembra doveroso dirgli almeno “grazie”.
• Scrivemmo l’anno scorso: “deve essere molto chiaro a tutti che non possiamo tenere giacenti e inutilizzati centinaia di volumi”.
Dobbiamo ringraziare il socio William Verrecchia che, lo scorso novembre, è salito a Navazzo e ha prelevato un bel numero di pacchi di libri, che ha provveduto poi a distribuire a società di atletica, che ne hanno fatto dono ai loro atleti, e a biblioteche della sua zona. E lo ringraziamo anche di averci tenuti informati di come procedeva la “distribuzione”. Il discorso vale sempre, caso mai esistesse qualche altro “volonteroso”. In ogni caso, l’operazione di smaltimento continuerà, in qualche forma, che preservi comunque la dignità delle nostre pubblicazioni.


Pubblicazioni A.S.A.I.


A cura di Ottavio Castellini e Alberto Zanetti Lorenzetti sono stati completati gli

“Atti del Convegno su Bruno Bonomelli in occasione dei 100 anni della sua nascita”
.

Un ringraziamento va ai relatori Gabriele Rosa, Massimo De Paoli, Enrico Arcelli e ai nostri soci Sergio Giuntini e Marco Martini. Non possiamo dimenticare i soci Elio Forti, Gianni Galeotti, Albertino Bargnani e Giulio Salamina che hanno messo a disposizione foto dai loro archivi, foto che hanno trovato ampio riscontro nella pubblicazione.

L’altra pubblicazione prevista per questo 2012 riguarderà la storia del Campionato italiano di marcia sulla distanza dei 50 km, opera legata al nome del nostro indimenticabile socio Claudio Enrico Baldini, che ne aveva iniziato la stesura. In autunno il libro verrà stampato e la presentazione avverrà nel mese di novembre a Piacenza, per espresso desiderio della famiglia.
Abbiamo deciso di scindere le due pubblicazioni (Atti Convegno e marcia 50 km) in due momenti diversi, in modo da dare la dovuta attenzione ad entrambi.

Essendo esaurita la versione cartacea del libro di Sergio Giuntini e Alberto Zanetti Lorenzetti
“Il Parco Reale di Monza, una storia di sport e atletica”

pubblicato con il marchio A.S.A.I. ad iniziativa del Comitato Regionale Lombardo FIDAL, ne è stata decisa, nel dicembre scorso, la collocazione nel nostro sito Internet, dove è possibile la consultazione. Si veda, a questo proposito, il punto relativo alla nuova gestione del sito.

Spese sostenute


Si informano i soci che i costi relativi al libro degli Atti del Convegno Bonomelli verranno imputati al bilancio 2012.

Sito internet


Questo tema è stato oggetto sia di alcune riunioni avvenute negli anni scorsi con la partecipazione del socio Enzo Sabbadin, del presidente e del vicepresidente, sia di discussione durante le Assemblee annuali. Presa e attuata la decisione della ristrutturazione tecnica e grafica in senso più moderno del nostro sito (il nuovo look fu presentato ai soci in occasione della Assemblea a Montecatini, nel 2010), serviva una decisa svolta nella gestione, nella tempestività e nei contenuti, come ripetutamente auspicato un po’ da tutti. Serviva qualcuno che se ne facesse carico con continuità avendone la disponibilità.
Alcuni mesi fa, a partire dall’autunno 2011, si è preso di petto il problema, che non poteva più essere rinviato. Con l’impegno diretto, personale e appunto continuativo di Ottavio Castellini, il sito ha subìto trasformazioni profonde sia nella “copertina”, sia nelle rubriche, sia nella tempestività, con una impronta più giornalistica, che unisca gli aspetti di attualità a quelli della ricerca storica e della compilazione statistica.
Fino ad oggi sembra di poter affermare che questa semplice operazione sta dando i suoi frutti: un anno fa ad aprile, in occasione della Assemblea, potevamo scrivere nella Relazione che il nostro sito, nella sua storia precedente, aveva avuto 33.000 contatti; l’appena trascorso 12 aprile, cioè a distanza di un solo anno, il numero dei contatti ha superato la barriera degli 83.000.
Ha attivamente partecipato a questo sforzo di attualizzazione Marco Martini, convinto sostenitore della nuova impostazione, così come hanno dato validissimi contributi Zanetti Lorenzetti e Sergio Giuntini con la pubblicazione del loro ormai introvabile volume sul Parco di Monza, e Gabriele Manfredini, con uno scritto storico-statistico relativo al decathlon ai Giochi Olimpici di Roma.
Alcuni dei testi di Marco Martini pubblicati anche in inglese hanno contribuito ad aprire il nostro sito ad utenti di altri Paesi: stupefacente il 19 per cento dei contatti in Giappone o il quasi 17 per cento degli Stati Uniti.
Il sito resta aperto ai lavori di ricerca di tutti i soci purchè in linea con le tematiche di interesse generale dell’A.S.A.I..Ovviamente, questa disponibilità prosegue alle stesse condizioni.
Punto di riferimento “operativo” Ottavio Castellini.
Non sembri superfluo ricordare che il sito ha una sua storia e che coloro che, nel corso degli anni, hanno contribuito alla sua nascita, alla sua crescita e ai positivi cambiamenti, sono stati e sono parte integrante di questo nostro strumento. I tempi ci impongono una dinamica diversa, dobbiamo saper rispondere a questa richiesta.


Prima di chiudere su questo argomento, un dovuto ringraziamento va dato ancora una volta a Marco Martini, che con i suoi lavori mantiene da anni la qualità della sezione “Momenti di storia”, che può contare sui seguenti approfondimenti:

Biografie di atleti

I grandi duelli del passato

Gli incontri della Nazionale italiana di atletica leggera

Liste italiane maschili 1908-1945

L’atletica italiana nella Grande Guerra


Attività di rappresentanza


A Roma, il 21 settembre 2011, grazie all’organizzazione dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia, ha avuto luogo il convegno “Lo sport giuliano-dalmata in campo e nella storia”. Fra i relatori erano presenti due nostri associati: Alberto Zanetti Lorenzetti (che ha svolto il tema: “Alle origini dello sport giuliano-dalmata”) e Ferruccio Calegari (con un intervento sullo sport del remo: “Il canottaggio nella Venezia Giulia e Dalmazia: passione ed emozioni”).

Iniziative 2012


Ricordiamo ancora una volta che, grazie alla disponibilità dei soci Elio Forti e Antonio Callegari, negli anni dal 2007 al 2011, la gara podistica internazionale “Diecimiglia del Garda”, che ha luogo a Navazzo, sul lago di Garda, e che ha festeggiato nel 2011 la sua 38esima edizione consecutiva, ha assegnato il Trofeo Aldo Capanni. Diversi soci sono sempre intervenuti alla manifestazione. Il G.S.Montegargnano, organizzatore dell’evento, ha confermato la sua iniziativa anche per la 39esima edizione (5 agosto 2012).

Iniziative 2013


Il prossimo anno l’A.S.A.I. compirà 20 anni. Due le anticipazioni:
• Essendo la nostra Associazione nata a Brescia, celebreremo la Assemblea 2013 nella città della Leonessa; per quanto riguarda data e dettagli organizzativi, verranno comunicati in seguito;
• Come iniziativa editoriale per i 20 anni punteremo sul proseguimento del progetto della storia dei Campionati italiani. Prima di tutto si sonderà la disponibilità dei soci che hanno contributo alle puntate precedenti (sei finora quelle pubblicate, dal 1897 al 1932) per realizzare un volume doppio 1933-1940.

Raccolta pubblicazioni


Alberto Zanetti Lorenzetti ha proseguito la raccolta della “Gazzetta dello Sport”.




Navazzo, aprile 2012