Home News Homepage 28 ottobre 1910: Bruno Bonomelli, in memoriam

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi1759
mod_vvisit_counterIeri2571
mod_vvisit_counterQuesta Settimana4330
mod_vvisit_counterSettimana scorsa20743
mod_vvisit_counterQuesto mese72116
mod_vvisit_counterMese Scorso48826
mod_vvisit_counterDi sempre1696187

Online (da almeno 20 minuti): 33
il tuo IP: 3.235.77.252
,
Oggi: Mar 30, 2020


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

28 ottobre 1910: Bruno Bonomelli, in memoriam PDF Stampa E-mail

Cento e tre anni fa nasceva Bruno Bonomelli, l'uomo a cui si ispira la nostra modesta opera di cultori dell'atletica leggera, lo sport cui il maestro elementare di Rovato dedicò gran parte della sua vita. Atleta, meglio mezzofondista, "inventore" di società sportive, allenatore lungimirante, giornalista, polemista dei più accesi ma soprattutto dei più intelligenti, ricercatore che si consumò molte paia di brache sulle sedie della Biblioteca Nazionale di Firenze di cui conosceva ogni anfratto, e di molte altre in Italia e nel mondo. Antifascista, partigiano con il nome di Mario Verdi, comunista, ma sempre a modo suo, con spirito libertario, mai servo di nessuno, neppure della ideologia in cui credeva.

Nel campo della ricerca storica sull'atletica italiana fu - e resta - un modello insuperato. Guardare oggi i suoi libretti degli Anni '40 e '50, minuscoli nel formato - "la gente alle gare li deve portare in tasca", diceva - ma di una straordinaria innovazione e modernità nei contenuti. Mai banale compilatore che mette in fila numeri senza capirne il senso (mio dio, quanti ancor oggi, anzi soprattutto, di questi contabili...), ma investigatore che attraverso le cifre arrivava ad acute analisi sul presente e a disincantate critiche sul futuro del nostro sport.

Per onorare la ricorrenza della sua nascita, abbiamo scelto di pubblicare due schede originali da lui compilate, due chicche degne della miglior biblioteca sportiva. Trattasi di due schede (che Bruno si faceva appositamente stampare) sulle quali annotò, tra macchina da scrivere e quella sua minuta e limpida scrittura, i primati italiani alla fine del 1897, anno della nascita dell'Unione Pedestre Torinese, che circa un anno più tardi diventerà Unione Pedestre Italiana. Le dedichiamo alla memoria di Bruno e di sua moglie Rosetta e le offriamo a chi ha ancora un po' di passione e di rispetto per il nostro sport.

alt

alt