Home In memoriam Ricordo di Aldo Capanni

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi26
mod_vvisit_counterIeri1064
mod_vvisit_counterQuesta Settimana6809
mod_vvisit_counterSettimana scorsa7846
mod_vvisit_counterQuesto mese22448
mod_vvisit_counterMese Scorso37211
mod_vvisit_counterDi sempre1395017

Online (da almeno 20 minuti): 10
il tuo IP: 18.206.194.83
,
Oggi: Set 21, 2019


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Aldo Capanni PDF Stampa E-mail
Scritto da Creator   
Giovedì 15 Gennaio 2009 01:06

alt

 


 

ALDO CAPANNI, deceduto il 10 gennaio 2007

 

 

 


 

 

 

Ricordo dell'amico Gustavo Pallicca

 

 

 

Quando un destino crudele ti fa perdere un amico carissimo, lo strazio per la perdita ti appare al momento difficilmente tollerabile; se a questo dolore si unisce anche la consapevolezza che la persona che se ne è andata era di una competenza e di una capacità fuori del comune, allora al dolore si unisce anche lo sconforto per il vuoto che tutto d'un tratto ti si spalanca davanti....

 

Aldo era nato a Firenze il 9 dicembre 1952. Nel 1974 si era diplomato in Educazione Fisica presso l’ISEF di Firenze.
Era stato ordinario di Educazione Fisica nelle scuole medie dal 1978. Dal 1980 era stato Assistente alle esercitazioni per la cattedra di atletica leggera del Prof. Giuseppe Ocello presso l’ISEF di Firenze.
Allenatore di atletica leggera dal 1972 e giudice di gara della Fidal dal 1970, tecnico di pallamano dal 1990, ha rivestito numerosi incarichi federali e professionali nell’ambito tecnico e sportivo.
Fra l’altro ha ricoperto dal 1985 al 1988 la carica di consigliere e segretario del Comitato provinciale Fidal di Firenze.
Dal 1971 al 1988 ha fatto parte della società Assi Banca Toscana di atletica leggera quale consigliere, coordinatore organizzativo delle manifestazioni di avviamento all’atletica per studenti, capo della sezione atletica e direttore tecnico della squadra femminile.
Nel novembre del 1971 lanciò l’idea che portò alla fondazione del “Centro Studi e Documentazione Assi Giglio Rosso”, associazione della quale è stato fin dall’inizio il Direttore.
Socio ordinario del “Centro Studi per l’Educazione Fisica e la Attività Sportiva di Firenze”, è stato socio fondatore dell’ “A.S.A.I. – Archivio Storico dell’Atletica Italiana”, organismo in seno al quale ha ricoperto dall’origine la carica di Segretario. Anche la “S.I.M.S. – Società Italiana per il Management dello Sport”, lo ha visto fra i soci fondatori e svolgere le mansioni di segretario-tesoriere.
L’ultimo organismo del quale è stato fondatore è la “S.I.S.S. – Società Italiana di Storia dello Sport”, sezione italiana del CESH – European Committee for Sport History.
Ha pubblicato propri articoli di carattere sportivo su vari quotidiani e periodici: “Programma Sport”, “Stadio”, “Il Giornale di Brescia”, “Atletica Leggera”, “La Marcia”, “Atletica”, “Universo Atletica”, “Correre”, “Spiridon Italia”, “Assi news”. Per sette anni, dal 1975 al 1981, ha diretto il periodico di tecnica dell’atletica leggera “Rivista del Centro Studi e Documentazione Assi Giglio Rosso” sulla quale ha pubblicato, oltre a numerosi editoriali e a varie rubriche, tre propri lavori originali e ben sessantaquattro proprie traduzioni, venti dalla lingua francese e quarantaquattro da quella inglese.
L’attività del Centro Studi è stata celebrata da Aldo Capanni con il volume “Ventotto anni di cultura per lo sport” realizzato nel 1999 insieme ad altri collaboratori.
Nel 1993 ha curato, per conto dell’Assessorato allo Sport della Provincia di Firenze, la seconda edizione della “Guida alle biblioteche fiorentine specializzate nel campo delle attività motorie sportive”.
Un importante anniversario nella storia della società ASSI venne celebrato con il volume: “1922-1997 – Settantacinque anni sul Viale dei Colli” scritto con Franco Cervellati.
Nel 1999 ha coordinato la redazione e la pubblicazione, insieme con Marcello Marchioni, degli “Atti del 4° Congresso di Storia dello Sport in Europa” per conto del CESH.
Nella collana voluta dalla Provincia di Firenze ha pubblicato varie opere di storia dello sport fiorentino. Fra queste: “Storia dell’atletica in provincia di Firenze dalle origini al 1945” e “Dal velocipedismo a Gino Bartali”, “Dal Dopolavoro agli Scudetti – Storia della pallavolo in provincia di Firenze dalle origini al 1980” con Gustavo Pallicca. Dopo aver curato la supervisione del quarto volume: “Fiorentini in acqua d’Arno – Storia degli sport natatori in provincia di Firenze dalle origini al 1945” realizzato da Gherardo Bonini e Franco Cervellati, stava ora avorando al quinto libro della serie dedicato alla storia dell’automobilismo fiorentino.
Per il Comune di Firenze ha pubblicato “Dall’assedio di Firenze alla serie A”, ancora con Franco Cervellati, e per quello di Prato “Le attività ciclistiche nel Comune di Prato” con Mauro Brucini.
L’ultima opera è dell’ anno scorso: “Due canestri sull’Arno – Trenta anni di storia della Florence Basket” scritto a sei mani insieme a Paolo Allegretti e Gustavo Pallicca.
Nel 2002 per festeggiare il compimento dei suoi 50 anni, alla stregua di quanto aveva fatto il suo amico Ottavio Castellini, dette alle stampe un libretto (di quelli che si usa chiamare “aurei”) “Di tutto un po’’ (saggi, racconti ed altro ancora), che racchiude una trentina di pezzi “brevi”, oltre alle presentazioni scritte in occasione della pubblicazione di cinque dei libri editi dal Centro Studi.
Ha curato inoltre la realizzazione e l’allestimento di diverse mostre di carattere storico-iconografico sulla storia dello sport locale ed è stato, sempre nell’ambito delle attività del Centro Studi in collaborazione con il Comitato Promotore locale della Fondazione Museo del Basket “Giorgio Chimenti”, fra i principali artefici della realizzazione on-line del Museo Internazionale del Basket a Lucca.
Ultimo aggiornamento Mercoledì 16 Marzo 2011 15:06