Home News Se oggi abbiamo l'Annuario FIDAL ogni anno dobbiamo dire "grazie" alla "proposta Bonomelli" del 1959

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi911
mod_vvisit_counterIeri2633
mod_vvisit_counterQuesta Settimana911
mod_vvisit_counterSettimana scorsa20743
mod_vvisit_counterQuesto mese68697
mod_vvisit_counterMese Scorso48826
mod_vvisit_counterDi sempre1692768

Online (da almeno 20 minuti): 38
il tuo IP: 3.235.65.91
,
Oggi: Mar 29, 2020


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Se oggi abbiamo l'Annuario FIDAL ogni anno dobbiamo dire "grazie" alla "proposta Bonomelli" del 1959 PDF Stampa E-mail
Giovedì 01 Ottobre 2015 09:20

Qualche giorno fa, avendo ricevuto la richiesta di acquisto di uno degli Annuari FIDAL - Lascito Rosetta e Bruno Bonomelli - da un nostro socio spagnolo, prima di impacchettare il libro e spedirlo ci ha preso curiosità di sfogliarlo, se non altro per vedere se "Bibis" avesse fatto qualche annotazione o correzione, come era sua abitudine. Ci siamo imbattuti subito nella prima pagina di presentazione dell'Annuario, anno 1967, nelle parole del presidente della FIDAL, Cap. Giosuè Poli, che scrive:"Per la settima volta consecutiva, in adempimento della «proposta Bonomelli» accolta dal Congresso di Trento, nel 1959, la FIDAL pubblica il proprio Annuario". Ce ne eravamo dimenticati, colpevolmente. E invece è proprio così: se ancora oggi abbiamo ogni anno l'Annuario italiano del nostro sport edito direttamente dalla Federazione, dobbiamo dire "grazie" a Bruno Bonomelli, che nella sua vasta cultura fu sempre un sostenitore delle "compilazioni", lui stesso ne fu autore in proprio fra la fine degli anni '40 e la metà degli anni '50. E alcuni di noi da lui hanno mutuato questa cultura, dagli Annuari della provincia di Brescia (insieme allo stesso Bruno) fino agli Annuari della Federazione mondiale.

Purtroppo questa cultura ha subìto negli ultimi anni lo spregio di parecchie Federazioni, che, con varie e risibili scuse, hanno cancellato gli Annuari o ne hanno proposto dei surrogati. L'Italia resiste e noi ci auguriamo che sugli scaffali delle nostre biblioteche la fila degli Annuari FIDAL si allunghi. E ogni volta che la guarderemo diremo "grazie Bruno".

Ultimo aggiornamento Giovedì 01 Ottobre 2015 12:02