Home News Homepage Scuola di marcia Giuseppe Malaspina a Genova: una iniziativa del nipote del tecnico di Abdon Pamich

Login



User Menu

Visitors Counter

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterToday1031
mod_vvisit_counterYesterday997
mod_vvisit_counterThis week2028
mod_vvisit_counterLast week7959
mod_vvisit_counterThis month16670
mod_vvisit_counterLast month37211
mod_vvisit_counterAll days1389239

Online (20 minutes ago): 14
Your IP: 3.227.254.12
,
Today: Sep 15, 2019


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Message
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Scuola di marcia Giuseppe Malaspina a Genova: una iniziativa del nipote del tecnico di Abdon Pamich PDF Print E-mail

alt

Dobbiamo alla cortesia del nostro socio e amico genovese Edoardo Giorello se siamo venuti a conoscenza di una bella iniziativa che riguarda il mondo della marcia italiana. Stefano Malaspina, nipote di quel Giuseppe che fu il Pigmalione di Abdon Pamich per tutta la lunga e straordinaria carriera su cui brilla il titolo olimpico sulla 50 km a Tokyo 1964, ha dato avvio ad un progetto per una Scuola di marcia intitolata al nonno. Sede Genova, ovviamente, stadio di riferimento il mai dimenticato (dagli appassionati del nostro sport...) Campo Scuola di Villa Gentile. Ne diamo notizia con piacere, augurando a Stefano il miglior successo, per il quale dovrà lavorare parecchio visti i chiari di luna che ci sono, vuoi nelle pubbliche Amministrazioni (permetteteci: se però politici e amministratori rubassero un po' meno, abbiamo detto solo "un po' meno" non che smettessero di rubare, troppo difficile, un po' di soldi in più ci sarebbero, che dite?) vuoi nel nostro sport che arranca nonostante gli sforzi che pur si fanno. Noi dell'A.S.A.I. ci mettiamo a disposizione per aiutare la diffusione di quanto verrà intrapreso, realizzato, progettato.

Per ora vi lasciamo alla lettura del documento preparato da Stefano Malaspina e dal tecnico Emidio Orfanelli, documento che trovate qui. E, a corredo, una bella foto (con un doppio click la potete ingrandire) dall'archivio personale di Giuseppe Malaspina, al centro fra Abdon Pamich e Pino Dordoni. Con un ringraziamento a Stefano.