Home News Giurin giurello, Martinho Nobre dos Santos giura per tutti anche per quelli un po' troppo birichini

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi795
mod_vvisit_counterIeri2633
mod_vvisit_counterQuesta Settimana795
mod_vvisit_counterSettimana scorsa20743
mod_vvisit_counterQuesto mese68581
mod_vvisit_counterMese Scorso48826
mod_vvisit_counterDi sempre1692652

Online (da almeno 20 minuti): 38
il tuo IP: 3.235.65.91
,
Oggi: Mar 29, 2020


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Giurin giurello, Martinho Nobre dos Santos giura per tutti anche per quelli un po' troppo birichini PDF Stampa E-mail
Venerdì 07 Ottobre 2016 13:20

alt

Saremmo curiosi di sapere che cosa è passato nella mente di Martinho Nobre dos Santos quando ha appreso (non certamente dai giornali come noi) che 36 tra arbitri e giudici che avevano svolto il ruolo di ufficiali giudicanti ai Giochi Olimpici di Rio erano stati sospesi dall'Associazione mondiale della boxe dilettantistica, sospesi in attesa dei risultati di una indagine aperta sul loro operato. Sospesi non vuol dire condannati, ovviamente. Durante i Giochi "rumori" di verdetti perlomeno incomprensibili erano ricorrenti, non casi isolati. Non è la prima volta, non sarà l'ultima. Le discipline sportive soggette a giudizio umano spesso hanno avuto grossi problemi: ginnastica, tuffi, pugilato appunto, e altre.

Martinho Nobre dos Santos. Chi è costui? Un pezzo di storia dell'atletica brasiliana, ci sia consentito. Se ci mettiamo a scrivere la sua storia personale dovremmo farla in più puntate. In stretta sintesi: Segretario Generale della Federazione carioca, giudice internazionale, fino a raggiungere l'apice con la chiamata a Direttore Tecnico dei Giochi di Rio per il Comitato Organizzatore Locale. E, sorpresissima per chi come noi, pur essendo lì, non aveva avuto "soffiate", ce lo siamo trovati sul podio nello Stadio Maracaná la sera della Cerimonia d'apertura dei Giochi  come simbolo di tutti i giudici nazionali e internazionali di tutti gli sport che avrebbero operato nelle due settimane di gare. Anche di quelli del pugilato....Martinho è un caro amico da molti anni, abbiamo spesso lavorato con lui in diverse organizzazioni mondiali, l'anno scorso a Cali, in Colombia, per i Mondiali U18. Ci ha fatto molto piacere che la scelta sia caduta su di lui per il giuramento.

Risvoltino storico per i non addetti ai lavori: il giuramento degli arbitri è stato introdotto nel cerimoniale olimpico nel 1972, all'apertura dei Giochi invernali a Sapporo, in Giappone.

Nella foto sopra, scattata sulla pista dello Stadio Olimpico di Rio, Carlos Fernández Canet e Ottavio Castellini posano con Martinho Nobre dos Santos. Sotto: il video del giuramento di Martinho.

Ultimo aggiornamento Lunedì 10 Ottobre 2016 13:21