Home News Homepage Al nostro socio Paolo Marabini un augurio "in rosa"

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi248
mod_vvisit_counterIeri731
mod_vvisit_counterQuesta Settimana1621
mod_vvisit_counterSettimana scorsa4492
mod_vvisit_counterQuesto mese13449
mod_vvisit_counterMese Scorso22145
mod_vvisit_counterDi sempre809162

Online (da almeno 20 minuti): 11
il tuo IP: 54.196.127.107
,
Oggi: Nov 21, 2017


Nazione di provenienza

65.5%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Al nostro socio Paolo Marabini un augurio "in rosa" PDF Stampa E-mail

Paolo Marabini, giornalista da parecchi anni alla "Gazzetta dello Sport" prima alla redazione Sport Vari con particolare attenzione a atletica e scherma, passato poi in forza alla redazione ciclismo, inizia oggi la nuova avventura professionale al Giro d'Italia numero 100. Già negli anni scorsi ha firmato come inviato dal "Giro". Sulla sovracopertina della "Gazzetta" di oggi Paolo ha firmato un bellissimo pezzo su Felice Gimondi e i suoi 14 Giri: 3 vittorie, mai un ritiro, altre sei volte sul podio finale. Una epopea. All'interno, il nostro socio (e confermato componente del Consiglio) firma l'analisi della tappa.  Segnaliamo anche che nel libro edito dalla "Gazzetta" sulle 100 edizioni del "Giro", Paolo ha firmato una decina di pezzi storici, da Koblet a Gaul, e poi ad altri vincitori fino ai nostri giorni. Ci fa piacere spendere qualche parola per lui che viene dall'atletica, e all'atletica resta con passione, una competenza come pochi, una vasta cultura storica. Da anni sta aggregando materiale storico e statistico sull'atletica bergamasca. In famiglia atletica e ciclismo si dividono la tradizione: il padre Nerio, ciclista e organizzatore, la zia Bice, "Bicetta" per tutti, scomparsa anni fa, anima per decenni dell'Atletica Bergamo '59, dirigente del Comitato lombardo FIDAL, giudice apprezzatissima per il suo equilibrio e la sua intelligenza.

A Paolo, un semplice ma sentito "Buon lavoro".