Home News Homepage Molti Codici etici, Tribunali di integrità, ma esiste ancora la povera, vecchia onestà?

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi646
mod_vvisit_counterIeri755
mod_vvisit_counterQuesta Settimana5133
mod_vvisit_counterSettimana scorsa4530
mod_vvisit_counterQuesto mese10922
mod_vvisit_counterMese Scorso20194
mod_vvisit_counterDi sempre826829

Online (da almeno 20 minuti): 17
il tuo IP: 54.167.44.32
,
Oggi: Dic 16, 2017


Nazione di provenienza

65.5%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Molti Codici etici, Tribunali di integrità, ma esiste ancora la povera, vecchia onestà? PDF Stampa E-mail

"International Association of Athletics Federations (IAAF) Council member Frank Fredericks has been provisionally suspended over a potential breach of the organisation's Code of Ethics. Michael Beloff, chairman of the IAAF Disciplinary Tribunal, imposed the suspension on the Namibian following an application made by the Athletics Integrity Unit (AIU). The investigation related to payments received by Fredericks' company, Yemi Limited, from a company owned and controlled by Papa Massata Diack".

Inizia così la notizia rilanciata questa mattina dal sito www.insidethegames.biz , giornale elettronico quotidiano sempre informatissimo sulle vicende delle organizzazioni sportive mondiali, con occhi puntati e molto attenti in particolare sul Comitato olimpico e sulle Federazioni. E, particolare nel particolare, sulle malefatte dei dirigenti (o digerenti?) ai vertici di queste organizzazioni. La notizia di oggi che tocca da vicino lo sport di cui noi ci occupiamo a livello prevalentemente storico riguarda una persona che fino a qualche anno fa era un grande sprinter: Frankie Fredericks.

Originario della Namibia, ebbe una carriera lunghissima, a livello internazionale dal 1991 al 2004, quando chiuse ai Giochi Olimpici di Atene, per entrare, quasi subito, attraverso la porta principale, nei sancta sanctorum dell'atletica e dello sport: presidente della Federazione namibiana, membro del CIO, componente del Council della IAAF, componente di quelle allegre e spendaccione delegazioni che girano il mondo a valutare le candidature delle grandi aree urbane che vogliono ospitare Giochi Olimpici. Era addirittura presidente di questi spensierati giramondo (ormai una piaga in tutti gli sport, a qualsiasi livello, serve una commissione di esperti anche per assegnare i campionati regionali) che dovevano emettere illuminati giudizi su Paris 2024. Sostituito, in fretta, qualche mese fa, of course. Fulminante carriera come specialista di freeclimbing diremmo, decisamente più veloce fra le poltrone che fra le corsie. Molti, ci capitò di ascoltare, coloro che rimasero stupiti da cotanto improvviso prestigio. Sia come sia, ci interessa la notizia di oggi che, peraltro non è nuova: mister Fredericks si era sospeso (o invitato a... chi lo sa) dal Council della IAAF alcuni mesi fa, in marzo esattamente. Adesso 'sto Tribunale di Integrità (scusate, ma tutte queste roboanti denominazioni ci fanno venir da ridere) ha "imposto" la sospensione, dice il comunicato "imposed the suspension". Il sospetto è "a potential breach" del Codice di etica della IAAF. Per chi non mastica bene la lingua di sor Guglielmo da Stratford-upon-Avon traduciamo con il "Picchi", vocabolario della lingua italiano - inglese e viceversa: breach sta per violazione. Come dire insomma, che i giudici non sono convinti delle spiegazioni dell'imputato, il quale sostiene di aver ricevuto delle palanche (dicesi 300 mila dollari, 284 mila Euro) per "progetti speciali" di cui lo aveva incaricato l'allora presidente della IAAF, Lamine Diack. I soldi passarono da un conto del figlio di Diack, Papa Massata, a un conto alle Seychelles (quindi offshore, ci pare) del signor Fredericks. Per adesso è sospeso, chissà forse è anche innocente, glielo auguriamo di cuore...Piccola appendice: negli ultimi due - tre anni alla Federazione mondiale di atletica i giudici e gendarmi francesi hanno pescato diversi elementi che non conoscono molto bene il significato del vocabolo "Etica", e tutti hanno giustificato il fatto che avevano ricevuto quattrini sempre dagli stessi generosi dispensatori come atti di munificienza per servizi resi, su questo non esiste dubbio alcuno. Niente da dire, ma perchè allora nascondere quei soldi sotto il frigorifero, oppure metterseli in un personalissimo conto bancario offshore? Crediamo che serva urgente lettura di Socrate, Platone, Aristotele, Bernardo di Chiaravalle, Tommaso d'Aquino, Montaigne, e tanti altri. Li trovate tutti, anche di seconda mano, su qualsiasi sito di vendite on line.

Ne avete voglia? Facciamo prima se vi andate a leggere l'articolo di insidethegames, questo è l'indirizzo utile alla bisogna http://www.insidethegames.biz/articles/1052835/fredericks-provisionally-suspended-by-iaaf-over-potential-ethics-breach