Home News Homepage L'atletica ad Agazzano alza l'asticella come ha fatto Lucrezia Lavelli

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi388
mod_vvisit_counterIeri2277
mod_vvisit_counterQuesta Settimana10416
mod_vvisit_counterSettimana scorsa20743
mod_vvisit_counterQuesto mese2665
mod_vvisit_counterMese Scorso75537
mod_vvisit_counterDi sempre1702273

Online (da almeno 20 minuti): 19
il tuo IP: 3.235.74.184
,
Oggi: Apr 02, 2020


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Canada Canada
0.3%Belgium Belgium
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

L'atletica ad Agazzano alza l'asticella come ha fatto Lucrezia Lavelli PDF Stampa E-mail

alt alt

alt alt

 

Terza ai Campionati italiani juniores in pista coperta, quarta nello stesso campionato all'aperto, primatista emiliana juniores al coperto, pure primatista piacentina assoluta, un miglior risultato personale fissato, per il momento, a 3 metri e 80 centimetri. Sono questi i titoli di merito che hanno fatto scegliere Lucrezia Lavelli, dell'Atletica Piacenza, come meritevole del Premio Fratelli Baldini, istituito l'anno scorso dalla famiglia per ricordare Felice e Claudio Enrico. Premio ma meglio chiamarlo Challenge perchè si trasferisce di anno in anno, passa di mano, e dopo un anno viene assegnato ad altro meritevole, mentre i nomi rimangono incisi sul basamento. Andrea Dallavalle, triplista che ormai ha lasciato la categoria "speranze" per entrare in quella "delle realtà" in attesa di essere consacrato - è il nostro augurio - definitivamente "campione", fu il primo atleta prescelto un anno fa. Avrebbe dovuto passare il trofeo a Lucrezia ma una concomitanza lo ha trattenuto da un'altra parte. Ci hanno pensato il fratello Lorenzo (triplista pure lui, con una partecipazione onorevole ai Mondiali juniores nel 2014 a Eugene, negli Stati Uniti) e la sorella Chiara a supplirlo.

È stato il momento focale della premiazione annuale della A.D.A.A. Felice Baldini Agazzano, che ha chiamato a raccolta, nella sala del Centro Parrocchiale del bel borgo sulle colline della Valluretta, in provincia di Piacenza, un centinaio di persone, fra atleti, allenatori, dirigenti, amministratori locali e amici. Questa società è il risultato della tenace volontà di Giovanni Baldini e di sua moglie Gabriella, che hanno coagulato attorno a loro altre persone, in primo luogo la signora Ivana Romanini, che del club è presidente. Una settantina i tesserati delle categorie giovanili, pregevole risultato in così poco tempo, e in situazioni non ottimali. 

Eppure le soddisfazioni sono arrivate. In sintesi: secondo posto ai Campionati emiliani "ragazze" nella staffetta 3 x 800, e sempre in questa categoria, terza la squadra delle prove multiple, quarte nella corsa campestre, quinte in pista: anche le "cadette" hanno fatto quarte nelle prove multiple. Elena, Greta, Sara, Emma, Matilde, Ilaria, Letizia, Giulia, Carmen e Riccardo i premiati, diciamo, più premiati degli altri per merito, ma un riconoscimento per il loro impegno hanno ricevuto tutti.

Il sindaco di Agazzano, Mattia Cigalini, e quelli di Gazzola e Piozzano, Simone Maserati e Lorenzo Burgazzoli, hanno reso merito al club, e gliene va dato atto. Con l'augurio che la loro non sia solo una presenza una tantum ma il primo passo di un impegno ad aiutare, favorire, creare condizioni migliori per poter lavorare con i giovani. Troppo si usano i giovani, come slogan, li si esibiscono sui palchi, si sventolano promesse troppo spesso non mantenute, li si illudono, per poi disilluderli. Si può, con gesti semplici e azioni concrete, aiutare davvero i giovani, magari con uno sport bello, stupendo, come l'atletica. Che cosa significa "atletica" nella crescita dei giovani è emerso nei pregevoli interventi del prof. Augusto Santini, saltatore in alto nei suoi giorni giovanili, poi docente alla Facoltà di scienze motorie a Pavia, e di Roberto Costaldi, lui velocista e saltatore in lungo, Maestro dello Sport, tecnico e anche lui docente di scienze motorie. Due interventi che si sono fatti ascoltare. Il Comitato Emilia Romagna della Federazione è stato rappresentato da Daniele Ofidiani.

Bando alle lectio magistralis, e passiamo al prosaico. Il momento conclusivo della festa 2017 è stato affidato - come sempre - alla regia di Silvestro Pinotti e della moglie Lorella. Silvestro è presidente onorario del club agazzanese, e mai titolo onorifico fu in migliori mani. A quel punto della cerimonia è iniziata la parte "agonistica", soprattutto mandibolare.

Auguri alla A.D.A.A. Felice Baldini Agazzano per il 2018.

Nelle foto, da sinistra e in senso orario: tutti i premiati; Elena Pelizzari, Greta Pelizzari e Sara Magistrali, seconde nella staffetta 3 x 800 ai Campionati regionali, premiate dal prof. Augusto Santini; Lorenzo e Chiara Dallavalle affidano alle mani di Lucrezia Lavelli il Trofeo Fratelli Baldini; presidente e responsabile tecnico, le signore Ivana Romanini e Gabriella Rondoni Baldini, "quote rosa" al vertice nel club agazzanese.