Home News Homepage Abbassiamo i fucili mitragliatori e alziamo l'asticella della pace e dello sport

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi8
mod_vvisit_counterIeri896
mod_vvisit_counterQuesta Settimana3058
mod_vvisit_counterSettimana scorsa5285
mod_vvisit_counterQuesto mese9122
mod_vvisit_counterMese Scorso23892
mod_vvisit_counterDi sempre1101804

Online (da almeno 20 minuti): 9
il tuo IP: 54.227.31.145
,
Oggi: Dic 13, 2018


Nazione di provenienza

65.4%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Abbassiamo i fucili mitragliatori e alziamo l'asticella della pace e dello sport PDF Stampa E-mail

 

alt

 

Nello spazio che normalmente in questo periodo riserviamo ad uno dei milioni di biglietti di auguri natalizi pubblichiamo una foto, uno scatto che ci ha colpito molto e che è carico di significati. La foto è opera di Ahmad Gharabli, fotografo del Gruppo LensCulture, ed è stato diffuso dalla Agenzia France Presse, e pubblicato sulla prima pagina del quotidiano "la Repubblica" di qualche giorno fa. La didascalia ci informa che è stata presa alla Porta di Damasco, una delle entrate alla Città Vecchia di Gerusalemme, dove Ahmad vive. Una fotografia che dovrebbe essere proposta come logo per il Premio Nobel per la Pace. 

Abbiamo deciso di sceglierla come biglietto d'auguri per queste imminenti Festività, che dovrebbero essere di pace. Se celebrare il Natale significa celebrare la pace, ebbene, celebriamolo, nel rispetto di tutti coloro che hanno un Natale diverso. Quella mano del vecchio palestinese che abbassa la canna del mitra della soldatessa israeliana è il miglior gesto di pace che potessimo immaginare, facciamolo nostro. Abbiamo tutti bisogno di quella mano ossuta, difronte alle follie di certi Dottor Stranamore che prolificano in questo nostro povero mondo.

Pace a tutti, ma, per favore, abbassate la voce, i toni, le dispute, basta sopprusi, insulti, urla, minacce di ritorsioni, lanci sperimentali di strumenti di morte, simbologie angoscianti che ricordano solo efferatezze. Abbassate, soprattutto, in ogni parte del mondo, le canne dei vostri mitra. Forse, con meno rumore, si potranno udire meglio i messaggi di pace.

Auguri e pace anche allo sport che, ci pare, sta navigando in un mare tempestoso di ruberie, confusione di idee, distruzione di valori. Ai nostri soci, agli utenti di questo nostro spazio, a tutti coloro che ancora si avvicinano a questa nostra bellissima disciplina sportiva, alle loro famiglie, i migliori auguri dell'Archivio Storico dell'Atletica Italiana "Bruno Bonomelli".