Home News Homepage L'asticella della vita di Roberto Quercetani ancora più in alto: auguri, Maestro

Accedi



Menu Utente

Contatore Visitatori

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi165
mod_vvisit_counterIeri857
mod_vvisit_counterQuesta Settimana2592
mod_vvisit_counterSettimana scorsa5114
mod_vvisit_counterQuesto mese15094
mod_vvisit_counterMese Scorso22291
mod_vvisit_counterDi sempre938942

Online (da almeno 20 minuti): 16
il tuo IP: 54.92.173.9
,
Oggi: Mag 23, 2018


Nazione di provenienza

65.5%Italy Italy
8.7%United States United States
6.3%France France
5.4%Spain Spain
4.1%Monaco Monaco
1.5%Sweden Sweden
1.3%Germany Germany
1.2%United Kingdom United Kingdom
0.8%Brazil Brazil
0.6%Poland Poland
0.3%Belgium Belgium
0.3%Canada Canada
0.3%Czech Republic Czech Republic
0.3%Netherlands Netherlands
0.3%Romania Romania
0.2%Lithuania Lithuania
0.2%Switzerland Switzerland
0.2%Russian Federation Russian Federation
0.1%Austria Austria
0.1%Croatia Croatia



Designed by:
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

L'asticella della vita di Roberto Quercetani ancora più in alto: auguri, Maestro PDF Stampa E-mail

alt alt alt

Oggi Roberto Luigi Quercetani compila una statistica molto personale, lui che ha raccolto dati anagrafici di migliaia di atleti: quella dei suoi anni, oggi festeggia il suo compleanno. Il nostro maestro, dire che è anche nostro presidente onorario sarebbe riduttivo, ancor meglio identificarlo come nostro amico, un amico che ha guidato i nostri incerti passi nel vasto e affascinante mondo dell'atletica. Guidato, mai pontificato, mai salito in cattedra, proprio come i maestri di un tempo, che erano punto di riferimento,  come il faro per i naviganti, per gli alunni, per le famiglie, dispensatori di nozioni ma soprattutto di rispetto, di umanità, di educazione. Roberto ci ha educato all'atletica. Maestro, anche Bruno Bonomelli lo era, per davvero, esercitò il non facile compito educativo in alcune scuole bresciane, e ci teneva che si sapesse, niente dottore, ma maestro elementare. E anche lui ci fu guida nella conoscenza di questo nostro meraviglioso sport. Siamo stati buoni allievi? Quien sabe. Una lezione abbiamo appreso, forse: quella del rispetto per i nostri maestri. E oggi che Roberto raggiunge un traguardo non frequente negli esseri umani gli siamo vicini, per augurargli una serena giornata nella sua nuova residenza fiorentina, insieme alla conservatrice della chiave del suo cuore, la signora Maria Luisa.

Con tanto affetto da tutti noi, Maestro.

Tre primi piani di Roberto Quercetani fermati dall'obiettivo di Marco Peiano alla Assemblea ASAI del 2016 a Firenze