Home
Message
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Chi sono i migliori atleti italiani di sempre? Un approccio elaborato da Enzo Rivis PDF Print E-mail
Monday, 15 January 2024 00:00

Circa un mese fa, era esattamente il 20 dicembre, scrivemmo qualche riga per ricordare l'anniversario della scomparsa di Adolfo Consolini. In quella circostanza, facemmo cenno ad una iniziativa in fieri del nostro Archivio storico. Ecco di cosa si tratta. Il nostro socio Enzo Rivis, componente anche del Consiglio direttivo dell' ASAI, ha elaborato una «formula» - definiamola così - per dare una risposta a questa domanda, meglio domandona: chi sono stati i migliori atleti nella storia del nostro sport in Italia, narrazione sportiva iniziata nel 1897? Enzo, uno dei migliori compilatori di liste (quelle che, seppure impropriamente, si usa definire «statistiche») ancora appassionatamente attivo in questa branca della conoscenza atletica, ha messo nero su bianco i criteri che ha puntigliosamente definito per arrivare allo scopo. Lavoro che ha richiesto tempo, accuratezza, competenza. Ce lo aveva anticipato mesi fa, l'abbiamo tenuto in frigorifero, adesso Enzo lo ha aggiornato a fine 2023, ed è pronto per essere dato in pasto ai nostri soci e ai lettori di questo sito.

Con una puntualizzazione molto perentoria, e che a qualcuno potrà suonare fin troppo forte. Ma così è. Oggi pubblichiamo la prima parte del lavoro di Rivis, ossia i «paletti» della sua ricerca. Su questo documento trovate i criteri studiati, calibrati, soprattutto dichiarati dal nostro compilatore. La classifica finale vien fuori da questi calcoli, è una somma di punti, oggettiva secondo questa impostazione. Ci ricordiamo di quanto fece ormai una settantina di anni fa la celebrata rivista americana «Track and Field News» per stabilire ogni anno i migliori dieci atleti in assoluto e per ogni disciplina: stabilì dei criteri e a quelli si attenne. Uno del ristretto Gotha di compilatori di questa attesissima classifica annuale fu, da sempre, il mai dimenticato Roberto L. Quercetani   Poi venne la fobia dei rankings - operazione prettamente commerciale e profumatamente pagata... - in uno sport come il nostro che non ne ha assolutamente bisogno, perchè le regole, quelle vere, le impongono drasticamente il metro e il cronometro, se usati...onestamente.

Per il lavoro che andremo a pubblicare prossimamente, ci atterremo a questo iniziale chiarimento: chi avrà tempo e voglia di leggere le classifiche - uomini e donne - che pubblicheremo prossimamente, è liberissimo di dissentire, ci mancherebbe altro! Ma noi siamo altrettanto liberissimi di ignorare qualsiasi opinione personale sull'argomento. Non daremo seguito a nessun stucchevole talkshow o facebookshow sull'argomento. Prevediamo che arriveranno opinioni contrarie: "per me Turiddu Viendalmare è stato più grande di..."e via cantando. Non daremo fiato a nessuno, i messagi di questo tipo verranno immediatamente rimossi. Vi rammentate del signor Pirandello? «Così è (se vi pare)». Un autore moderno, che non ha mai vinto il Nobel della letteratura e mai lo riceverà, ha scritto una postilla: «E se non vi pare...è così lo stesso»..

A risentirci per la prima corposa lista compilata di Enzo Rivis.

Last Updated on Monday, 15 January 2024 12:53
 
L'occhio fotografico di Pietro Delpero ha dato espressione alla fatica del corridore PDF Print E-mail
Friday, 12 January 2024 11:51

alt

Domani pomeriggio, sabato 13 gennaio, alle ore 17, le sale del Museo Nazionale della Fotografia, con sede nel cuore antico di Brescia, apriranno le porte per dare spazio alle riproduzioni degli scatti di Pietro Delpero. Tema: la fatica del corridore, in questo caso del podista. L'indovinato slogan che accompagna l'esposizione è giocato sulle iniziali della parola SPORT: Sudore, Passione, Ostinazione, Resistenza, Tenacia. Abbiamo scritto "accompagna" ma sarebbe meglio dire "accompagnava", perchè questa esposizione ebbe il suo battesimo nell'agosto scorso, al campo sportivo di Navazzo di Gargnano, in occasione della corsa podistica «Diecimiglia del Garda», che celebrava i cinquant'anni consecutivi di vita organizzativa. Esistevano le belle foto di Pietro (scattate sempre durante precedenti edizioni di questa competizione), c'era l'occasione di una celebrazione importante - cinque lustri di una manifestazione sportiva non sono robetta -, a qualcuno venne l'idea della esposizione. Non suscitò eccessivi entusiasmi, per la verità: evidentemente i podisti sono abituati a guardarsi sopratutto...gli alluci più che ad osservare quello che vien loro offerto davanti alla punta del naso. Ma fu comunque una soddisfazione, sia per il fotografo che per chi aveva avuto l'idea di qualcosa di diverso dal corri, suda, prendi il tuo pacchetto omaggio e scappa.

Domani, l'esposizione al Museo Nazionale della Fotografia darà a questo originale lavoro un significato di spessore culturale più appropriato. Un riconoscimento a Pietro che a noi dell'ASAI non può che far piacere. Ma chi è 'sto Pietro? si chiederanno altri soci. Non è nostro socio, ma dovrebbe esserlo per i numerosi contributi che ha dato con la sua passione fotografica documentando vari momenti della nostra vita associativa, alcune indimenticabili iniziative che vedevano l'ASAI coinvolta in prima fila. E con lui altri innamorati del...diaframma - quello fotografico, ovvio - la moglie Chantal e il cognato Marco. Persone che, del tutto disinteressatamente, hanno dato alla nostra associazione professionalità e impegno. Occasione per rivedere delle belle foto, impreziosite dalla magia del bianco e nero.

Last Updated on Friday, 12 January 2024 16:13
 
Giochi Olimpici, atletica e altri sport: una lista di libri disponibili a richiesta PDF Print E-mail
Tuesday, 09 January 2024 16:32

Abbiamo ricevuto una breve lista di pubblicazioni che sono appartenute a Gustavo Pallicca, deceduto alcuni mesi fa. La famiglia ha deciso di metterle a disposizione di chi ne avesse interesse. I libri disponibili  sono elencati in questo documento. Un avvertimento: per più dettagliate informazioni contattare direttamente il signor Claudio a questo indirizzo mail  This e-mail address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it .

Last Updated on Tuesday, 09 January 2024 18:48
 
Elio Forti sta camminando solitario dal suo Montegargnano ai sentieri del cielo PDF Print E-mail
Monday, 01 January 2024 21:01

Il primo giorno del nuovo anno è mancato improvvisamente Aurelio Forti, da anni socio dell’ASAI. Aveva 71anni ed ha sempre abitato a Navazzo di Gargnano, piccolo centro sui primi rilievi che fanno da contrafforte alla Riviera bresciana del lago di Garda. Nel borgo e nei centri dell’Alto Garda Bresciano ha lavorato pertutta la vita quale titolare del proprio studio tecnico. Geometra per studi, ha onorato la professione riscuotendo stima ed apprezzamento per serietà, competenza e rigore. Grande appassionato di atletica leggera, è stato nei primi Anni Settanta tra i fondatori del Gruppo Sportivo Montegargnano. Sodalizio tuttora in attività di cui è stato autentico protagonista sotto il profilo organizzativo per oltre mezzo secolo. Lo scorso mese di agosto ha portato a compimento l’edizione numero 50 della Diecimiglia del Garda, gara internazionale di corsa su strada che nel corso degli anni ha visto la partecipazione di fuoriclasse quali Paul Tergat, Tegla Loroupe e Moses Tanui, che tuttora ne detiene il primato. Camminatore instancabile, un paio d’anni fa aveva raggiunto a piedi Firenze, con partenza da casa, per partecipare alla nostra assemblea. Il giorno di Capodanno, poco dopo il rientro a casa dopo la presenza ad un evento sportivo, è stato colto daun malore improvviso che lo ha portato via.

Aurelio Forti lascia i figli Marco e Stefania, la nuora Elena e il genero Antonio. Mercoledì 3 gennaio, alle 10, l’ultimo saluto con il funerale che sarà celebrato nella chiesa parrocchiale di Santa Maria Assunta, partendo dall’abitazione di via Valvestino 7 dove è allestita la camera ardente. Alla famiglia e agli amici la sentita e commossa partecipazione al lutto da parte di tutti i soci dell’Archivio Storico dell’Atletica Italiana “Bruno Bonomelli”.

Last Updated on Monday, 01 January 2024 21:11
 
Gli amici di Trekkenfild hanno riservato uno spazio anche per noi sul numero 125 PDF Print E-mail
Monday, 25 December 2023 00:00

  alt

E in quello spazio viene recensito l'ultimo impegno editoriale del nostro Archivio storico dell'atletica italiana "Bruno Bonomelli": l'undicesimo volume della storia dei Campionati italiani, numero monografico riservato all'anno 1947. Non vi diciamo di più, perchè, se avete interesse, potete leggere quanto scrive «Trekkenfild". Sicuramente la recenzione del nostro libro non è l'argomento più importante del numero 125 della ormai radicata pubblicazione telematica promossa e sostenuta da Daniele Perboni e Walter Brambilla, due "vassalli" degli Sforza, uno a Vigevano e uno a Milano. Radici che - magari - qualcuno avrebbe piacere recidere...Le voci fuori dal coro, come questa, danno sempre l'orticaria ai «padroni del vapore». E ai possibili aspiranti a questa categoria, in un futuro prossimo venturo (fine 2024), i nostri «fondisti», non quelli che fanno le lunghe distanze ma gli altri che scrivono sui giornali, diciamo meglio «opinionisti», dedicano una bella fetta di spazio sulle loro pagine. Dopo aver degnamente celebrato Nadia Battocletti, figlia d'arte come tutti sanno, che ha ottenuto un secondo posto considerevole ai Campionati europei di corsa campestre, unico acuto in una spedizione non proprio brillante. 

Visto il giorno di pubblicazione di queste poche righe, insieme al ringraziamento per lo spazio dedicato al nostro libercolo, uniamo un cordiale "Buon Natale" per Daniele e Walter.

Last Updated on Monday, 25 December 2023 07:58
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 3 of 255