Home
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Trekkenfild 119: il Gala è Golden sotto la protezione di Lorenzo il Magnifico PDF Stampa E-mail
Mercoledì 28 Giugno 2023 00:00

alt

E siamo a 119. Numeri pubblicati del periodico online «Trekkenfild» versione italiana e parodia del titolo della famosa pubblicazione americana «Track and Field News», nata in California nel 1948 su iniziativa di due fratelli, Bert e Corder Nelson. Rimaniamo nel nostro orticello, ben coltivato, sia detto, e ripassiamo l'indice di questo numero: rassegna del Golden Gala come si conviene, giusto tributo a un ragazzo, Mattia Furlani, che è zompato a 8,44 pur con una bava di vento oltre il limite stabilito dalle convenzioni regolamentari, e a completamento...arte varia, messaggi subliminali, e qualcosa anche di stiracchiato che non ci ha convinto molto. Anche noi stiracchiamo e diamo una risposta, anche se in verità ci pare tempo perso, a un tale che ci ha chiesto come mai noi che ci picchiamo di occuparci dell'atletica d'altri tempi poi diamo notizia di una pubblicazione - e di una soltanto - che parla di attualità. Lo abbiamo già detto altre volte, ma repetita...non servono assoluamente a niente, come nostra esperienza dimostra: noi segnaliamo la pubblicazione dei loro numeri, loro mettono una manchette che ricorda la nostra esistenza, gli unici a farlo, vista la grande attenzione dei padroni del vaporetto sportivo. E l'accordo funziona: ognuno di noi fa il suo mestiere senza pestarci i piedi, a loro l'oggi, a noi quello di ieri, meglio se dell'atro ieri. Tutto qui. Anzi no, diciamolo in altro modo, caro signore dedito a fare le pulci...alla pulce: saremo pur liberi di farci i fatti nostri come ci pare. O no? E adesso leggetevi «Trekkenfild», se ne avete voglia.

Ultimo aggiornamento Venerdì 30 Giugno 2023 08:33
 
Affascinante viaggio nel mondo dei progenitori ottocenteschi dello sport italiano PDF Stampa E-mail
Sabato 24 Giugno 2023 00:00

alt alt

Queste sono le copertine dei CD con cui il nostro Alberto Zanetti Lorenzetti, appassionato e competente collezionista di «reperti» storico sportivi, avvolse riproduzioni di pubblicazioni di fine '800, che arricchiscono le sue librerie. Avendone ancora a disposizione un limitato numero di copie, abbiamo deciso di provare ad offrirle a coloro che seguono questo sito e che hanno un po' di interesse per lo sport del tempo che fu. Le date parlano da sole, non serve spiegare molto, solo che si tratta di documenti affascinanti e ricchi di notizie, che fanno scoprire il mondo dello sport italiano che muoveva allora i primi, timidi, passi, in ritardo rispetto ad altri Paesi, come Grand Bretagna e Francia, ad esempio. Ma quando li aprirete nel vostro computer, farete tante belle scoperte. E con pochi spiccioli. Chi fosse interessato può mandare una mail a questo indirizzo  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.  per conoscere i dettagli.

Ultimo aggiornamento Sabato 24 Giugno 2023 07:34
 
Nuova edizione 2023 delle liste italiane ogni tempo in pista coperta: uomini PDF Stampa E-mail
Giovedì 25 Maggio 2023 00:00

Completiamo la parte di compilazione delle liste italiane di ogni tempo per le gare in pista coperta al termine della stagione invernale 2022-2023: spazio ai risulati degli uomini con la nuova versione curata, come sempre, dai nostri soci Enzo Rivis e Enzo Sabbadin. Gli inserimenti delle nuove prestazioni conseguite nella stagione invernale appena passata sono evidenziati in giallo per renderne immediata l'individuazione visiva nelle ormai lunghe elencazioni. Le liste - aggiornate al 31 marzo 2023 - sono consultabili nella apposita sezione «Liste italiane di ogni tempo» che figura nell'indice dei contenuti di questo sito. La nuova versione si può consultare alle voce «uomini», con l'indicazione «NEW». Nel caso qualcuno abbia da apportare correzioni, aggiunte, dettagli, lo invitiamo ad inviarli direttamente ai nostri compilatori Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , ,  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Our statisticians Enzo Sabbadin and Enzo Rivis compiled a new updated version of the Italian All - time Indoor Rankings: Men

Les meilleurs athletes italiennes de tous les temps en salle: Hommes

Listas italianas de marcas de todos tiempos en pista cubierta: Hombres

Ultimo aggiornamento Giovedì 25 Maggio 2023 20:19
 
Un ricordo di Alfredo Rizzo: viene da Piacenza, secondo Trofeo Diana, anno 1954 PDF Stampa E-mail
Martedì 23 Maggio 2023 00:00

alt alt

alt alt

Didascalie - In alto: i due ritagli degli articoli pubblicati sulla «Gazzetta dello Sport» a firma Gian Maria Dossena e su «Tuttosport» a firma Renato Morino. In basso: la copertina del programma della manifestazione e la foto di un salto di Edmondo Ballotta

*****

Riceviamo e pubblichiamo:

Ho letto con non poca commozione l’elegante ricordo di Alfredo Rizzo che avete pubblicato sul vostro sito firmato dal signor Gianfranco Carabelli. Questo mi ha spinto a rovistare fra vecchie malandate carte di quasi settant’anni fa ereditate da dirigenti dell’epoca, ripescando gli sbiaditi risultati della seconda riunione nazionale – allora non si chiamava meeting – intitolata Trofeo Diana, dal nome del calzaturificio piacentino che, a partire dal 1953, aveva deciso di aiutare economicamente la società di atletica locale, favorendo in questo modo il rientro nella sua città del campione olimpico Pino Dordoni, il quale per alcuni anni aveva vestito i colori della famosa Virtus Bologna, quella della «V nera». Già nel ’53 la società del comm. Aldo Albonetti mise in pista una gara nazionale allo stadio di Barriera Genova, appunto il Trofeo Diana. Nei risultati della seconda edizione, quella del 1954 – il 19 aprile era il Lunedì dell’Angelo – ho trovato il nome di Alfredo Rizzo fra i vincitori. Così mi prendo la libertà di farvi pervenire, sperando che possa essere utile, qualche appunto su quella manifestazione”.

Ringraziamo il nostro amico di Piacenza, e volentieri pubblichiamo le sue note, corredandole con la riproduzione di materiale giornalistico originale. Dal quale estrapoliamo alcuni brani dei commenti degli inviati. Renato Morino, per «Tuttosport», sul successo di Alfredo Rizzo:” Anche un giovane, il milanese Rizzo, si è imposto negli 800 m. dominando allo sprint Maggioni e Universo dopo una gara piuttosto strana dal lato tattico. Rizzo ha grandi qualità potenziali che il mediocre limite odierno non riesce però a mettere in luce”. Anche Gian Maria Dossena sulla «Gazzetta dello Sport» fa notare lo strano andamento sugli 800 metri:” …Rizzo vincitore malgrado tutte le rotture di ritmo, davanti al tempestivo Maggioni e ad un Universo ricco di mordente”.

Presenziò il commissario tecnico Giorgio Oberweger; giudice arbitro fu Elio Buldrini, che sarà poi consigliere federale e in seguito direttore della Scuola nazionale di atletica leggera a Formia. E adesso il racconto della manifestazione.

*****

2º Trofeo Diana, riunione nazionale, Piacenza, Stadio di Barriera Genova, 19 aprile 1954

La prima gara di corsa, in apertura del programma avviato con il lancio del martello, fu un 1000 metri denominato «Popolarissima», riservato ai giovani studenti piacentini: primo si classificò Sergio Sandali (2’54”4) che superò di poco Enrico Condi (2’55”1); quarto Vito Barbieri, quinto Luigi Capelli; tutti si erano distinti durante la stagione di corsa campestre. Condi, Barbieri e Capelli, con la maglia verde del Calzaturificio Diana, gareggiarono poi per parecchi anni in specialità dai 100 ai 400, sia piani che con ostacoli; Condi un paio di anni dopo indossò la maglia azzurra della Nazionale juniores. Si persero presto invece le tracce di Sergio Sandali, che aveva aveva vinto il campionato studentesco di cross con i colori dell’Istituto Tecnico Romagnosi, quello che sfornava geometri e ragionieri, come Enrico Condi e Vito Barbieri, il quale aprì il suo studio di geometra, fino alla prematura e tragica morte nel gennaio del 1967. Sandali e Barbieri saranno protagonisti qualche giorno dopo (5 maggio) ai campionati in pista per gli studenti sui 1000 metri: primo Sandali 2’52”9, secondo Barbieri 2’54”3; nello stesso campionato Condi iniziò la sua carriera di ostacolista: vinse sugli 80 metri con barriere in 10”8.

Martello: Silvano Giovannetti, di Carpi, con un lancio di 53,10, che resterà il suo migliore dell’anno, lasciò dietro di 15 centimetri l’«Adone di Bondeno», Teseo Taddia (52,95); terzo il «giramondo» Danilo Cereali (51,70). Giovannetti farà poi parte per qualche stagione della società atletica piacentina. È deceduto nel novembre 2016.

110 ostacoli: si aggiudicò la prima batteria (15”7) il varesino Valerio Colatore, che era anche un buon velocista e lunghista; Armando Filiput fu terzo (16”3); nella seconda, primo Albano Albanese (15”5), quarto (16”5) il pupillo di Sandro Calvesi, Giampiero Massardi (Atletica Brescia), ventenne, che nei due anni successivi indosserà la maglia di campione d’Italia.

100, batterie: se ne corsero ben otto. Prima: vinse Sergio D’Asnasch (11 netti), il primo atleta della Riccardi Milano che aveva vestito la maglia azzurra; nella seconda, il fiorentino Lucio Sangermano (futuro avvocato) fece meglio (10”9), quarto Gian Carlo Sichirollo (11”6) che, insegnante di educazione fisica, si dedicherà anni dopo ad allenare i velocisti all’Assindustria Atletica Brescia; terza: Giovanni Ghiselli (11”0), secondo il vigevanese Armando Pollini (11”1), che diventerà uno dei più geniali e ammirati imprenditori del settore calzaturiero con le sue creazioni Maurizio Pollini Design che furono ai piedi di attrici e attori fra i più famosi; il giovanotto, che allora era diciannovenne (classe 1935, deceduto per infarto nel giugno 2021), pochi giorni dopo fece meglio: 10”9; terzo Colatore che aveva prima corso anche i 110. Quinta batteria: Luigi Gnocchi 10”9; sesta: l’esuberante Luigi Jacob, di Rovereto, in 10”8 su Andrea De Facqz (11”0); settima: Achille Giannoni 11”1; ottava: Carlo Serio 11”1. Quasi tutto il meglio della velocità nazionale in quel momento.

400, batterie: nella quinta tornò in pista Armando Filiput, 51”9.

800, batterie: ed eccoci ad Alfredo Rizzo, che vinse la prima in 1’58”9, davanti a Vittorio Maggioni (1’59”9) il quale si era aggiudicato i titoli nazionali sia sugli 800 sia sui 1500 l’anno prima. Terzo Enrico Dall’Anese (nato in Francia, a Metz, nel 1929), quell’anno accasato alla Unione Giovane Biella. Al sesto posto Giuliano Gelmi – del quale si è scritto altre volte su questo sito – con la casacca del CUS Pavia (2’01”9). Nell’altra, più lenta, nell’ordine Gianfranco Bernini, Giuseppe Universo e il bresciano Aldo Bonfadini, che in anni recenti aveva ricoperto la carica di presidente dell’Atletica Brescia 1950; è deceduto nel marzo del 2021.

100, semifinali: furono tre, la più interessante la prima: D’Asnasch (10”9) davanti a Jacob (11”0). Le altre a Ghiselli (11”0) e Sangermano (11”2).

5000: arrivo ravvicinato: la spuntò (15’48”) Giobatta Martini, romagnolo di Bagnacavallo, che poi si trasferirà a Piacenza e vi rimarrà tutta la vita; dietro (15’49”) Walter Mazzon, biellese, buon crossista, e il bresciano allievo di Bruno Bonomelli, Riccardo Azzani (15’50”1). A seguire due veterani il bergamasco Luigi Pelliccioli e il cremonese, intramontabile, Giuseppe Italia, che quell’anno prestava i suoi garretti, stagionati ma robusti, alla società atletica piacentina. Sesto, dopo rettifica del primo ordine d’arrivo, il pratese Edoardo Righi, che nel 1952 aveva vinto il titolo nazionale di corsa campestre.

asta: senza storia: «Mondo» Ballotta a 4 metri, il secondo, il modenese Carlo Rinaldi trenta centimetri sotto. Stesso ordine dell’anno precedente e sempre 4 metri per il robusto giovanotto di Caorso. Scrisse Renato Morino:” Continuò la serie Ballotta, sicuro ai 3,60, 3,80 e 4 metri superati tutti alla prima prova. Poi Ballotta tentò il record italiano a 4,22 e per tre volte abbatté il regolo. Va detto, però, che la conclusione della gara si è avuta proprio nel periodo di maggior freddo. Comunque Ballotta ha dimostrato di poter arrivare al record in breve tempo”. Dossena sulla «rosea» scrisse che Ballotta “fallì di pochissimo”.

giavellotto: misure modeste, ebbe la meglio (53,64) Giuseppe Moretti, ventitreenne di Carrara, che a fine stagione avvicinerà i 60 metri. Ma è il nome del secondo che richiama l’attenzione: il mancino Giovanni Lievore, originario di Carrè, provincia di Vicenza, che negli anni a venire salirà a misure internazionali, imitato poi dal più giovane fratello Carlo che arriverà, nel 1961, a stabilire il primato del mondo (86,74). Sulla pedana piacentina superò per tre centimetri (52,05 e 52,02) il bresciano Arturo Benevenia. Quinto un intramontabile della specialità: Bruno Rossi, originario della provincia di Mantova, classe 1920, gran fisico (1,87 per 92 kg), prima volta oltre i 60 metri nel 1938, più volte campione d’Italia e per una quindicina d’anni almeno sempre protagonista del campionato al tempo di Bruno Testa, Raffaele Drei, Amos Matteucci. Rossi era stato il vincitore della prima edizione «calzaturiera» l’anno prima.

400, semifinali: nella seconda il milanese Luigi Grossi (51”1) ebbe la meglio su Filiput (51”4).

800, finale: successo di Rizzo (1’58”4) su Maggioni (1’59”0) e Universo (1’59”1), poi Dall’Anese e Bernini con lo stesso 1’59”3, settimo il bresciano Bonfadini (2’02”1).

alto: due giovanissimi liguri al vertice: Gianmario Roveraro, classe 1936, di Albenga, e Brunello Martini, del 1935, di Imperia. Roveraro l’anno prima aveva saltato 1,70 in una gara studentesca. Secondo quanto scrisse Renato Morino questa a Piacenza doveva essere il debutto della sua carriera. Il ragazzo superò 1,84, Martini 1,80. Roveraro finirà la stagione con 1,90, misura che gli concesse anche il titolo nazionale. Due anni più tardi sarà il primo italiano a superare i due metri. Tragica la sua vicenda umana: membro dell’Opus Dei, arrivato ai vertici del mondo finanziario cattolico, fu barbaramente massacrato, fatto a pezzi con un machete, per la vendetta di un socio in affari alquanto opachi; i poveri resti furono ritrovati sotto un cavalcavia in provincia di Parma, era il 2006.

100, finale: resterà forse la miglior gara disputata nell’anno: Sangermano 10”6, Ghiselli 10”7, Jacob 10”7, D’Asnasch 10”8, Gianoni 10”9, tutti nei primi undici della graduatoria di fine anno. Avete fatto caso? Tre volate in un pomeriggio, per di più freddino: batterie, semifinali, finale. Alla faccia delle strombazzate programmazioni dei mega allenatori dei nostri giorni, che centellinano le uscite dei loro coccolati e ben stipendiati assistiti.

disco: sulla riva destra del Po, «Dolfo» Consolini bissò il successo dell’anno precedente: 52,95 stavolta, prima gara delle 28 complessive che contò a fine anno. In pedana anche qualche martellista (Cereali, Tavernari, Spaggiari). Al quinto posto un giovanotto ventunenne nato a Oderzo e approdato a Biella, Carmelo Rado, che ottenne 40,03, che resterà il suo miglior lancio dell’anno; il prossimo agosto Rado festeggerà i 90 anni essendo nato nel 1933.

400, finale: gomito a gomito Luigi Grossi e Armando Filiput: 50”8 e 50”9, tempi da inizio stagione. Nota: batterie, semifinali e finale nello stesso pomeriggio…

staffetta 4x100: vinse l'Atletica Riccardi (43”4) con Italo Masera – Sergio D’Asnasch – Enzo Annoni –  Adolfo Gandini.

marcia metri 5000: passerella dell’idolo cittadino: il campione olimpico Pino Dordoni. Si lasciò dietro di circa un minuto il trentino Bruno Fait, uno tosto sulle brevi distanze, che quell’anno vestiva i colori del club Lane Rossi Schio. 22’17”0 per Dordoni, 23’10”3 per Fait. 

110 ostacoli, finale: ordinaria amministrazione per l’istriano, di Parenzo, Albano Albanese, campione italiano dal 1948 al 1952, anche nella edizione del 1945, che era un Campionato Alta Italia, essendo il Paese ancora spaccato in due. Lasciò (15”6, aveva fatto meglio in batteria) a cinque decimi Colatore e Fantuzzi, quest’ultimo decisamente più bravo sui 400 con barriere. Filiput sesto, per onor di firma.

Ultimo aggiornamento Venerdì 26 Maggio 2023 12:31
 
Nuova edizione 2023 delle liste italiane ogni tempo in pista coperta: oggi le donne PDF Stampa E-mail
Sabato 20 Maggio 2023 21:26

Lasciamo la precedenza alle donne, da navigati gentiluomini di un tempo andato. Presentiamo la nuova versione delle liste italiane femminili di ogni tempo per le gare in pista coperta al termine della stagione invernale 2022-2023, compilazione curata, come sempre, dai nostri soci Enzo Rivis e Enzo Sabbadin. Gli inserimenti delle nuove prestazioni conseguite nella stagione invernale appena passata sono evidenziati in giallo per renderne immediata l'individuazione visiva. Le liste - aggiornate al 31 marzo 2023 - sono consultabili nella apposita sezione «Liste italiane di ogni tempo» che figura nell'indice dei contenuti di questo sito. La nuova versione si può consultare alle voce «donne», con l'indicazione «NEW». Nel caso qualcuno abbia da apportare correzioni, aggiunte, dettagli, lo invitiamo ad inviarli direttamente ai nostri compilatori Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , ,  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Our statisticians Enzo Sabbadin and Enzo Rivis compiled a new updated version of the Italian All - time Indoor Rankings: Women

Les meilleurs athletes italiennes de tous les temps en salle: Femmes

Listas italianas de marcas de todos tiempos en pista cubierta: Mujeres

Ultimo aggiornamento Lunedì 22 Maggio 2023 13:29
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 6 di 251