Home News Homepage Sandro, Giorgio, Maurizio, cognome Damilano, raccontati da Giorgio Barberis
Message
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Language Selection

ItalianEnglish
Sandro, Giorgio, Maurizio, cognome Damilano, raccontati da Giorgio Barberis PDF Print E-mail

alt

Una segnalazione per i nostri lettori, che non è solo un atto formale. Ci fa davvero piacere farla perchè riguarda quattro persone a cui va tutto il nostro rispetto, ammirazione e, diciamolo pure senza falsi pudori, affetto. Da pochi giorni ha raggiunto le librerie, vere o virtuali, un libro che vorremmo andasse ad arricchire lo scaffale delle opere sportive nelle case di tutti gli appasionati di atletica. Il libro porta questo titolo: «I fratelli Damilano - Nati per vincere». Giorgio, Sandro e Maurizio in copertina. E fa già tre di quelli cui siamo legati da antica amicizia e frequentazione. E poi c'è il quarto, colui che il libro lo ha riempito con la sua nitida scrittura. Di nome fa Giorgio Barberis. La cosa più importante: è socio della A.S.A.I.! E quindi per noi motivo di orgoglio. Poi viene tutto il resto: torinese, giornalista che ha il suo cursus honorum principale nella redazione sportiva della storica «La Stampa»: redattore, capo servizio, inviato. E non ha fatto solo questo, come racconta la sua biografia. Questa è la sua ultima, per ora, fatica editoriale. Assecondata da un editore, Paolo Fusta, che tiene i suoi moderni torchi a Saluzzo, come dire l'ombelico del mondo per la Damilano Band. Da questa collaborazione - che Giorgio definisce «fra amici più che fra autore ed editore» - è nato questo libro di 252 pagine (al costo di 17 euro e 90) che, attraverso la narrazione, ci fa entrare nella matassa di sentimenti, sofferti allenamenti, gioie e delusioni, affetti familiari, attività professionali dentro e fuori lo sport, vita di ogni giorno, di questi inseparabili tre fratelli gentiluomini di campagna. Per usare una frase un po' trita, si legge quasi d'un fiato. E per chi - parecchi di noi che ruotiamo a vario titolo attorno a questo spazio - ha vissuto tanta parte di questa loro vicenda sportiva, non manca solo il fiato, subentra il ricordo e, talvolta, la commozione. 

Bravo Giorgio, bravo l'editore Fusta. Bravi i Damilano? Ma già lo sapevamo!

 
Banner
Copyright © 2021 ASAI Bruno Bonomelli. All Rights Reserved.
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.