Home News Homepage L'Associazione degli storici tedeschi di atletica ricorda Gabriele Manfredini
Message
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Language Selection

ItalianEnglish
L'Associazione degli storici tedeschi di atletica ricorda Gabriele Manfredini PDF Print E-mail

Abbiamo ricevuto da Hans-Peter Car un documentato ricordo del nostro socio e amico Gabriele Manfredini, repentinamente mancato a metà gennaio. Herr Car è membro della associazione tedesca degli storici e statistici di atletica (DGLD), Gabriele era iscritto a tale organizzazione da molti anni, interessato com'era a tutto quanto aveva sapore di atletica e di prove multiple sopra ogni altra disciplina. Anzi, per dirla proprio tutta, l'atletica per lui era solamente Decathlon e Heptathlon, al resto delle discipline dedicava poca, diciamo scarsa attenzione, marginale meglio detto. E come crediamo sappiano tutti quelli che di atletica si occupano, la Germania è sempre stata una «potenza» delle prove multiple.

Il testo, in tedesco, che Herr Car ci ha mandato in anteprima vorrà pubblicato sul numero 89 del Buletin DGLD in aprile o maggio. Per agevolare i nostri lettori forniamo anche una traduzione in italiano, testo un po' rimaneggiato. Questo ricordo va ad aggiungersi a quelli dell'allenatore americano Harry Marra, dell'austriaco Konrad Lech, uno degli uomini che ideò il meeting di Götzis, e dello storico e statistico svedese Rooney Magnusson. Ma sono tanti, tanti di più coloro che, avendolo conosciuto e apprezzato in vita, atleti, organizzatori, amanti delle discipline multiple, storici, ne serberanno sempre un grande ricordo. La foto che correda il testo fu scattata dallo stesso Hans-Peter Car sulla spiaggia di Viareggio il 15 aprile 1977 dove ebbe un incontro con Gabriele.

Vielen Dank, Herr Car. 

alt

Gabriele Manfredini (1953-2021)
Nicht nur Castelfranco di Sotto, eine italienische Gemeinde mit 13.000 Einwohnern in der Provinz Pisa in der Region Toscana trauert um Gabriele Manfredini, der laut eines Zeitungsberichts am 13. Januar 2021 tot in seinem Haus aufgefunden wurde. Gabriele Manfredini war Mitglied im Weltstatistikerverband ATFS, in der italienischen Statistiker-Vereinigung ASAI und auch in der DGLD überaus geschätzt.
Ottavio Castellini hatte die ASAI umgehend vom Ableben Manfredinis informiert. Es war unser schwedischer DGLD-Kollege Rooney Magnusson, der uns schließlich die traurige Nachricht überbrachte. Ein Herzinfarkt hat Gabriele Manfredini - im Botberuf war er IT-Spezialist und Computermananager an der Universität - aus einem arbeitsreichen Leben gerissen.
Manfredini recherchierte mit großer Leidenschaft und Ausdauer sowohl als Sporthistoriker wie auch lokal als Chronist seiner Gemeinde in der Toscana.
Geboren wurde Gabriele Manfredini am 19. Dezember 1953 in der norditalienischen Ortschaft Santena. In den 1980er Jahren sorgte er mit seinen Recherchen über den Mehrkampf unter Eingeweihten für Aufsehen. Wir lernten einander 1987 in Rom beim Weltkongress der ATFS kennen, und in den folgenden Jahren pflegten wir einen regen Austausch auf dem Gebiet von Fünf- und Zehnkampf. Manfredinis seitenlange Computerlisten auf dem damaligen grünweißen Papier mit den besten Leistungen im Mehrkampf waren eine wahre Fundgrube. Seine Statistiken umfassten sowohl aktuelle wie historische Resultate.
1991 wurde Manfredini Mitglied in der DGLD und last not least wichtiger Mitarbeiter im Wettkampfbüro im italienischen Mehrkampf-Mekka in Brescia (Lombardei). Aber auch bei ähnlichen Veranstaltungen wie im Voralberger Götzis oder in Talence (Frankreich) galt Manfredini als ein Experte von Rang.
Unsere letzte Begegnung fand am 15. April 1997 in Viareggio statt, wo wir nicht nur Leichtathletik-Literatur austauschten, sondern auch über Gott und die Welt philosophierten. In diesem Jahr hatte ich mich aus beruflichen Gründen nolens volens aus der Leichtathletik-Statistik zurückgezogen. Ich erinnere mich an Manfredini als einen Menschen von eher stiller, nachdenklicher und bescheidener Natur. Ein bemerkenswerter Kontrast zu seinem enormen Wissen und seiner bewundernswerten Kompetenz.
Im Jahr 2007 veröffentlichte Manfredini sein Meisterwerk auf dem Gebiet der Leichtathletik-Geschichte: „Prove multiple di atletica leggera in Italia. Dalle origini all´anno 1968“
auf deutsch: „Leichtathletische Mehrkämpfe in Italien. Von den Ursprüngen bis zum Jahr 1968“.
2017 stellte er ein Buch mit dem Titel „Storie di eroi castelfranchesi della Grande Guerra“ vor. Darin geht es um das Schicksal dreier blutjunger Männer aus seiner Gemeinde, die sich als Freiwillige im Ersten Weltkrieg an die Front meldeten und sich entschieden hatten, ihr Leben für die Heimat zu riskieren. Die aus wohlhabenden Familien stammenden Söhne starben wie der kaum 18 jährige Carlo Guerrazzi im Glauben für eine gute Sache.
Der Nachruf der Lokalzeitung betont auch Manfredinis Verdienste um die Tradition des „palio“ in seiner Gemeinde.
Harry Marra, seines Zeichens Trainer von Ashton Eaton (USA) - dem Olympiasieger, Weltmeister und Weltrekordhalter im Zehnkampf - reagierte auf den Tod von Gabriele Manfredini mit Worten profunder Wertschätzung und tiefer Trauer:
“I will miss seeing him; the community of Combined events will miss his quality of work; and the world is a bit less frendly with his passing. Manfredini, during his time on this earth, has made a quality and lasting contribution to all of society. ... May God welcome you with open arms. You left lasting footprints of your journey here on earth.“
Gabriele Manfredini hinterlässt seinen Bruder Ruggero und seine Schwester.
RIP Gabriele!
Hans-Peter Car
 
Testo tradotto in italiano con Google Translate e un po' aggiustato da noi.
 
Non solo Castelfranco di Sotto, Comune italiano di 13mila abitanti della provincia di Pisa, in Toscana, piange la scomparsa di Gabriele Manfredini, che, secondo quanto riportato da un quotidiano, è stato trovato morto nella sua casa il 13 gennaio 2021. Gabriele Manfredini è stato membro della World  ATFS, l'Associazione mondiale degli statistici di atletica, sia dell'Associazione Italiana Statistici ASAI e anche del DGLD, analogo gruppo tedesco.
Ottavio Castellini ha immediatamente informato l'ASAI  e altri amici in giro per il mondo della morte di Manfredini. È stato il nostro collega svedese del DGLD Rooney Magnusson a trasmettere al nostro gruppo della DGLD la triste notizia. Un infarto ha strappato Gabriele Manfredini, specialista in informatica e manager di computer per molti grandi aziende italiane, da una vita frenetica.
Manfredini ha svolto ricerche con grande passione e tenacia sia come storico dello sport che a livello locale come cronista della sua comunità in Toscana.
Gabriele Manfredini eranato il 19 dicembre 1953 nella città italiana settentrionale di Santena. Negli anni '80 fece scalpore tra gli addetti ai lavori con le sue ricerche sulla competizione a tutto tondo. Ci siamo conosciuti a Roma nel 1987 al Congresso Mondiale ATFS, e negli anni successivi abbiamo mantenuto un vivace scambio nel campo del pentathlon e del decathlon. Le lunghe liste di computer di Manfredini sull'allora carta verde e bianca con le migliori prestazioni nella competizione a tutto tondo erano un vero scrigno di tesori. Le sue statistiche includevano risultati sia attuali che storici.
Nel 1991 Manfredini è entrato a far parte del DGLD e, ultimo ma non meno importante, un importante collaboratore dell'ufficio gare del Multistar, la Mecca italiana  delle combinate a Brescia, e poi a Desenzano. Ma anche i grandi eventi mondiali come quelli di Götzis, nel Voralberg, e Talence (Francia), consideravano Manfredini il punto di riferimento per le proiezioni finali di punteggio e di classifica durante lo svolgimento delle prove. Un grande esperto sempre a disposizione di tutti, senza nulla chiedere in cambio..
Il nostro ultimo incontro è avvenuto il 15 aprile 1997 a Viareggio, dove non solo ci siamo scambiati letteratura sull'atletica, ma abbiamo anche filosofato su Dio e sul mondo. Quest'anno, per motivi professionali, volenti o nolenti, mi sono ritirato dalle statistiche di atletica leggera. Ricordo Manfredini come una persona di natura piuttosto tranquilla, premurosa e umile. Un notevole contrasto con la sua vasta conoscenza e ammirevole competenza.
Nel 2007 Manfredini pubblicò il suo capolavoro nella storia dell'atletica leggera: “Prove multiple di atletica leggera in Italia. Dalle origini all'anno 1968 ".
Nel 2017 ha presentato un libro dal titolo “Storie di eroi castelfranchesi della Grande Guerra”. Riguarda il destino di tre giovanissimi della sua comunità che si sono offerti volontari al fronte durante la Prima Guerra Mondiale e hanno deciso di rischiare la vita per la loro patria. I figli, che provenivano da famiglie benestanti, sono morti come il appena diciottenne Carlo Guerrazzi in fede per una buona causa.
Il necrologio del quotidiano locale sottolinea anche i servizi di Manfredini alla tradizione del “Palio dei barchini” nella sua comunità. Antica manifestazione che si celebra ogni anno ai primi di giugno e che ha come clou una gara di barchini montati su ruote e spinti da uomini muniti di bastoni che fungono da remi. Gabriele era l'organizzatore di questa giornata che era andata crescendo nel tempo e attira sempre migliaia di spettatori.
Harry Marra, allenatore di Ashton Eaton (USA) - campione olimpico, campione del mondo e detentore del record mondiale di decathlon - ha risposto alla morte di Gabriele Manfredini con parole di profondo apprezzamento e profondo dolore:
“Mi mancherà vederlo; la comunità degli eventi combinati perderà la sua qualità di lavoro; e il mondo è un po 'meno amichevole con la sua scomparsa. Manfredini, durante la sua permanenza su questa terra, ha dato un contributo di qualità e duraturo a tutta la società. ... Che Dio ti accolga a braccia aperte. Hai lasciato impronte indelebili del tuo viaggio qui sulla terra ".
Gabriele Manfredini lascia il fratello Ruggero e la sorella.
 
Banner
Copyright © 2021 ASAI Bruno Bonomelli. All Rights Reserved.
Joomla! is Free Software released under the GNU/GPL License.