Home News Anche i giovanissimi della Parrocchia di S.Antonio a Montecatini Terme sognano con i Giochi Olimpici
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Anche i giovanissimi della Parrocchia di S.Antonio a Montecatini Terme sognano con i Giochi Olimpici PDF Stampa E-mail
Venerdì 20 Maggio 2016 09:38

Sognando Olympia

"Sognando Olympia" va in trasferta. Esce dalla cornice incantevole del territorio gardesano compreso fra Toscolano Maderno e Gargnano, con la sua montagna alle spalle e si trasferisce in un habitat non meno affascinante: la Toscana. La città di Montecatini Terme. Lasciateci spiegare il collegamento, facile facile. Nella famosa città termale, in viale San Francesco, c'è la bella e grande Parrocchia di Sant' Antonio, qui i Santi vanno a braccetto... Lì il parrocco si chiama don Alessandro Capanni, fratello di quell'Aldo fondatore dell'Archivio Storico dell'Atletica Italiana Bruno Bonomelli, e fino al 2007 inappuntabile segretario della nostra piccola famigliola. Nel gennaio di quell'anno lasciò tutti gli affetti terreni, e un vuoto mai colmato in tanti cuori.

Ecco dunque il collegamento: Capanni prete, Capanni insegnante di educazione fisica, attività parrocchiale. Ricorda don Alessandro che Aldo fu il promotore e l'animatore dell'idea: le "Parrocchiadi", giochi per ragazzini e ragazzine della vasta area territoriale coperta dalla Parrocchia. Sono circa una quindicina di anni che questa manifestazione viene ripetuta ogni anno.

Le "Parrocchiadi 2016" si celebreranno giovedì prossimo, 26 maggio, con un programma ormai consolidato nel tempo, che unisce la cultura e lo sport. La comitiva (giovani fra i 10 e i 14 anni, e accompagnatori) raggiungerà Firenze in mattinata per visitare uno degli scenari più belli del mondo: la Basilica di San Miniato, sulle colline fiorentine. Dopo una occhiata panoramica alla città medicea da Piazzale Michelangelo, trasferimento al vicino stadio della gloriosa Assi Giglio Rosso (dove trovò dimora la nostra A.S.A.I. alla fondazione, nel locale dell'indimenticabile Centro Studi, di cui resta solo un malinconico ricordo), messa al campo per rifocillare lo spirito e poi pranzo, per non dimenticare lo stomaco. Nel pomeriggio giochi atletici tradizionali, con corse, salti, lanci.

Per l'occasione, è stata realizzata una bella medaglia in cui è incorporato il logo di "Sognando Olympia", medaglia che tutti i partecipanti riceveranno a ricordo della giornata. Vi racconteremo come va a finire.

Ultimo aggiornamento Venerdì 20 Maggio 2016 10:35