Home News Homepage Nostro reverente omaggio alla tomba di Adolfo Consolini al cimitero di Costermano
Message
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Nostro reverente omaggio alla tomba di Adolfo Consolini al cimitero di Costermano PDF Print E-mail

 alt

alt alt

Uno sole splendente, che ha attutito il freddo dicembrino, ha illuminato il sacrario dove è sepolto Adolfo Consolini, nel cimitero di Costermano, località natale del campione olimpico di Londra 1948. Attorno a quella lastra di marmo dominata dal busto del discobolo, opera dello scultore reatino Dino Morsani, si sono soffermati alcuni soci e amici dell'Archivio Storico dell'Atletica Italiana «Bruno Bonomelli» che, anche quest'anno (dopo la cancellazione di dodici mesi mesi fa, dovuto alle forzate chiusure per motivi sanitari) hanno rinnovato questo omaggio al grande campione in occasione dell'anniversario della morte (20 dicembre1969). Con il dovuto rispetto, il soci A.S.A.I. hanno inteso già da qualche anno dare continuità ad una iniziativa della Associazione Azzurri d'Italia: Pino Dordoni, Carlo Monti, Alfredo Magni, Edoardo Mangiarotti ed altri erano soliti salire a Costermano per raccogliersi attorno al loro compagno prematuramente scomparso (aveva solamente cinquantadue anni al momento del decesso). Questo reverente gesto oggi, nelle intenzioni dei promotori, è inteso a ricordare Adolfo Consolini ma non solo lui: attraverso di lui tutti gli atleti  italiani che, grandi o meno grandi siano stati, hanno dato un senso al nostro sport.

Questa volta - lunedì 20 dicembre - nel raccolto cimitero di Costermano, sono saliti Alberto Zanetti Lorenzetti con la moglie Rosa, Erminio Rozzini e la signora Ionne, in rappresentanza dell'Atletica Virtus Castenedolo (ha aderito anche il presidente Giulio Lombardi, assente fisicamente per impegni di lavoro), Enzo Gallotta e la signora Ornella, Ottavio Castellini con Encarnación Tamayo Nevado, e Marino Piccino, ex atleta tesserato per le Fiamme Oro Padova. Messaggi di adesione anche da Sara Simenoni ed Erminio Azzaro, impegnati a Roma per un programma televisivo, e dal socio Aurelio Forti. Giulio Salamina e Albertino Bargnani hanno espresso adesione ma non se la sono sentita di affrontare il viaggio da Brescia a Costermano. Il gruppetto si è soffermato attorno alla tomba - tenuta con una certa cura stavolta - e hanno deposto una corona di alloro.

Enzo Gallotta, al rientro ha scritto e diffuso ad alcuni media bresciani, veronesi e gardesani un articolo, che è stato ripreso da GardaPost, un notiziario online che ha un vasto pubblico nell'area del lago di Garda. Direttore Simone Bottura, sempre attento alle nostre iniziative. A lui e al socio Enzo Gallotta il nostro ringraziamento. Per chi volesse leggere la notizia completa questo è il link  https://www.gardapost.it/2021/12/22/lasai-ricorda-adolfo-consolini-il-gigante-buono-di-costermano/.