Home
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Gino Paterlini, un Coppi della 4x400, lo definì Gianni Brera con la sua fervida prosa PDF Stampa E-mail
Mercoledì 09 Agosto 2023 15:05

alt

 

"Dopo una stagione massacrante e, di conseguenza, mediocre, il bresciano Gino Paterlini si presentò con grave ritardo alle gare del 1946: ma Calvesi, suo allenatore, sapeva dove arrivare: Paterlini scese in pista a Milano il 19 maggio 1946 e battè Lanzi, il grande Lanzi, in 48"6. E nella staffetta 4x400, partito con quindici metri di svantaggio sul rivale, lo riprese a mezzo dell'ultimo rettilineo con un inseguimento memorabile, lo staccò di prepotenza negli ultimi metri. Tre cronometri testimoniarono alla fine della classe di Paterlini: due 47", un 46"9. Da allora Gino non ha più reso secondo le sue possibilità se non agli assoluti del 1947 (48"7) e contro l'Ungheria (48"8): motivi di lavoro - sappiamo - e però suo padre gli ha assicurato tre mesi di vacanza in vista delle Olimpiadi. Allora rivedremo Gino fra i primi quattrocentisti europei, il Coppi della 4x400". Anche in una notizietta a corredo di una foto si può fare del bello scrivere. Altri tempi, tempo di Gianni Brera - e non solo lui - quando le vittorie non erano «da urlo», «alla grande», quando gli atleti non erano «cannibali», e si chiamavano con il loro nome e non con questi stucchevoli diminutivi, il Bez, il Pecco, o Ciccio Formaggio, o altre asinerie di questo tipo. Era giornalismo sportivo, colto, elegante, alfabetizzato, anche in una didascalia. Oggi, troppo spesso, la lingua italiana, scritta o parlata, è un optional.

Parliamo di Luigi Paterlini, per tutti, in casa e fuori, Gino, perchè oggi compirebbe cento anni: 9 agosto 1923, 9 agosto 2023. Voi pensate che qualcuno se ne sia ricordato? Soprattutto a Brescia, la sua città natale? Eppure è l'unico bresciano dell'atletica leggera ad essere arrivato ad una finale olimpica, Londra 1948. Finale a quei tempi significava primi sei, e oggi primi otto. Ebbene, Paterlini entrò con gli altri suoi compagni della 4x400 nei primi sei. La staffetta italiana si classificò direttamente per la finale: tre batterie, le prime due di ognuna a giocarsi le medaglie. L'Italia corse la prima: Stati Uniti avanti in tranquillità (3'12"6), azzurri poco dietro, secondi (3'14"0), eliminati i padroni di casa inglesi (3'14"2), e i due decimi la dicono lunga sulla lotta che ci fu fra i due quartetti. Poteva essere un'altra medaglia, avrebbe potuto...ma, in finale, il giovane milanese Gianni Rocca, diciannovenne, primo frazionista, dopo 100 metri ebbe uno strappo muscolare, e addio sogni di gloria. Vinsero gli americani (3'10"2), secondi i francesi (3'14"8). Solo rimpianto per noi.

Gino Paterlini si rifece, parzialmente, due anni più tardi, ai Campionati d'Europa, a Bruxelles. In finale il quartetto azzuro partì con il catanese Baldassarre Porto, poi toccò ad Armando Filiput - che due ore prima aveva vinto il titolo sui 400 metri ostacoli -, quindi la frazione di Paterlini cronometrato 48"2, infine la furiosa corsa dell'ecclettico sardo, sassarese, altro pupillo di Calvesi, Tonino Siddi, 46"5. I britannici chiusero in 3'10"2 (stesso tempo degli americani a Londra), gli azzurri in 3'11"0, nuovo primato nazionale. un tempo che valevano anche due anni prima ai Giochi Olimpici. Paterlini fu finalista anche nella gara individuale.

Adesso lasciamo spazio ad uno scritto di Alberto Zanetti Lorenzetti, uno dei nostri soci fondatori e autore di un bel libro edito in occasione dei primi quaranta anni di vita dell'Atletica Brescia: «I colori della Leonessa - Atletica Brescia 1950-1990», libro che poi ebbe successive edizioni e aggiornamenti. In quelle pagine, che ripercorrono le vicende societarie ed agonistiche del sodalizio bresciano, l'autore dedica singoli ritratti a quegli atleti che diedero lustro al club, e fra questi uno è dedicato a Gino Paterlini. Lo riproduciamo integralmente.

"L'annuario dell'atletica leggera bresciana del 1975 venne dedicato da Bruno Bonomelli ed Ottavio Castellini al «miglior atleta che sia stato finora espresso dalla terra che giace fra l'Oglio e gli immissari ed emissari del Garda». Nato a Brescia il 9 agosto 1923, la fase iniziale della carriera di Paterlini venne così descritta nel 1943 dalla rivista federale «Atletica»: iniziatosi all'attività atletica nel 1940 attraverso le gare di propaganda della G.I.L., Paterlini prese parte inizialmente ad alcune gare di lancio del peso e di salto in alto. Il suo allenatore, Santo Bruni, lo indirizzò presto alle corse, e nelle prime prove disputate il buon atleta bresciano diede modo di far conoscere la sua classe, la sua potenza e soprattutto la serietà dei suoi propositi». Dal G. S. Tito Speri, Paterlini emigrò l'anno successivo al G.S. Pro Patria Oberdan di Milano, società nella quale militavano numerosi atleti bresciani. Si impose all'attenzione vincendo il titolo nazionale dei III serie nei 400 metri. Il suo primo anno d'oro fu il 1942, durante il quale nella distanza dei 400 metri vinse una importante manifestazione nazionale di propaganda dell'atletica leggera, il «Q.44», i campionati italiani della G.I.L., e dei II serie, guadagnò la medaglia di bronzo dei campionati nazionali assoluti, ma soprattutto giunse al titolo italiano della massima categoria con la staffetta 4x400 metri e venne per la prima volta convocato in nazionale per l'incontro con la Svizzera a Zurigo.

"La guerra lasciò ben poco spazio all'attività atletica del 1943. In quel breve scorcio di stagione giunse il secondo titolo nazionale assoluto, sempre con la staffeta del miglio della Pro Patria. Negli anni '44 e '45 la Forza e Costanza ricostruì una forte sezione di atletica riuscendo a radunare i numerosi atleti bresciani che gareggiavano in società di fuori provincia, ed ai primi campionati del dopoguerra, con i colori del sodalizio bresciano, Gino ebbe il secondo momento di gloria andando ad imporsi nei 400 metri piani, nei 400 ostacoli e con la staffetta 4x400 metri, nella quale erano presenti anche il fratello Luciano, Aldo Falconi e Rolando Squassina. Nelle batterie dei 400 metri di Oslo si esaurì la sua prima esperienza di un campionato d'Europa: ben diverse soddisfazioni gli avrebbero dato gli Europei di Bruxelles quattro anni più tardi. Nel 1947 passò con il gruppo di atleti di Sandro Calvesi al C.S.I. Brescia [...] partecipazione all'OLimpiade di Londra ed agli Europei del 1950, i suoi tre titoli nazionali assoluti, i due primati italiani e le sei presenze ad incontri della rappresentativa azzurra. Alla fine del 1950 iniziò il suo disimpegno dall'attività aportiva. Riprese nel 1952, ma un infortunio muscolare ad inizio stagione cancellò ogni velleità, e determinò il definitivo ritiro. Il grande atleta scomparve prematuramente a Brescia il 23 ottobre 1974".

Primati personali: 100 metri, 11"0 (1943); 200 metri, 22"1 (1950); 400 metri, 47"9 (1948); 800 metri, 1'57"4 (1942); 400 metri ostacoli, 54"4 (1948). Ha fatto parte dei quartetti che hanno stabilito il primato nazionale nella staffetta 4x400 (3'11"0, con Porto, Filiput e Siddi, a Bruxelles il 27 agosto 1950) e in quella 4x200 (1'27"3, con Moretti, Siddi e Leccese, a Brescia il 4 novembre 1950).

Ultimo aggiornamento Giovedì 10 Agosto 2023 06:35
 
Il nostro socio Giulio Salamina piange la perdita della moglie Maria, gli siamo vicini PDF Stampa E-mail
Martedì 25 Luglio 2023 04:52

Un grande dolore ha colpito il nostro socio bresciano Giulio Salamina. Sabato mattina, nella Clinica S. Anna, a Brescia, dove era stata urgentemente ricoverata, è deceduta la moglie Maria. Affetta da aggressiva malattia diagnosticata solo pochi mesi fa, nulla è stato possibile fare per salvarla, né l'intervento chirurgico né le cure successive. Nella prima mattinata di sabato un repentino e inarrestabile peggioramento; la corsa verso l'ospedale e il deciso intervento dei medici a nulla sono valsi.

Ci stringe il cuore pensando al dolore che sta provando il nostro amico Giulio, una delle più belle persone che abbiamo conosciuto nel mondo dell'atletica bresciana. Il nostro sport è stato una parte importante della sua vita. Operaio fin da giovanissima età, ai tempi in cui non si viveva di sussidi, ristori, carte acquisti, e altre elemosine varie, ma si andava a tirare la lima presto in fabbrica o dagli artigiani, e si portava a casa un piccolo ma dignitoso stipendio, frutto del proprio lavoro. Ma Giulio trovava anche il tempo di allenarsi, di correre, bravo giovane mezzofondista agli inizi degli anni '60, predilezione per la corsa campestre, erano i tempi dei saggi insegnamenti di Bruno Bonomelli e degli esempi di un campione di limpida classe come Franco Volpi e di un altro protagonista di quei tempi, Albertino Bargnani. Giulio vestì la maglia azzurra della Nazionale juniores, nel 1962, a Pescara, 1500 metri siepi, in un incontro internazionale di categoria. La passione per la corsa non l'ha mai abbandonato; memoria ferrea, cita risultati e ordini d'arrivo di decenni fa come se li stesse leggendo al momento. Grandissimo lettore, poca scuola, ma feroce passione di apprendere. Un galantuomo della classe operaia, come non ce ne sono quasi più, purtroppo.

Giulio, per quel che possiamo, ti siamo vicini in questo doloroso momento.

Ultimo aggiornamento Martedì 25 Luglio 2023 12:56
 
È deceduto a Firenze Gustavo Pallicca, giudice, starter e autore di libri di atletica PDF Stampa E-mail
Venerdì 21 Luglio 2023 19:11

Abbiamo appreso della scomparsa, a Firenze dove viveva, all'età di 87 anni, di Gustavo Pallicca, giudice, starter, autore di libri, in particolare sulla storia delle gare di velocità ai Giochi Olimpici. Pallicca era stato per un periodo socio del nostro Archivio storico dell'atletica italiana, anche se ormai non ne faceva più parte da qualche anno. Per un limitato numero di anni era stato chiamato a ricoprire la carica di segretario della nostra associazione, a seguito della repentina dipartita del mai sufficientemente rimpianto Aldo Capanni, che aveva ricoperto con competenza, instancabile attività e assoluto rigore questo delicato incarico dalla fondazione nel 1994 fino alla sua morte avvenuta nel 2007. I funerali di Pallicca si svolgeranno sabato mattina a Firenze. 

Ultimo aggiornamento Sabato 22 Luglio 2023 06:09
 
Assemblea ASAI: 8 ottobre, Firenze, sede dell' Arno Società Sportiva Italiana PDF Stampa E-mail
Venerdì 30 Giugno 2023 00:00

alt

Questa notizia è diretta a due categorie di utenti: riguarda la data e il luogo della nostra Assemblea annuale ordinaria 2023. Prima di tutto è una informazione dovuta ai nostri soci, che poi riceveranno, ciascuno, la comunicazione con l'ordine del giorno, come previsto dallo Statuto. In seconda istanza, ci rivolgiamo anche ai tifosi del «Pollice Alzato» (espressione mutuata dal linguaggio Sioux, vedere il bellissimo film di Kevin Kostner «Balla coi lupi»), a quelli che, mentre noi stiamo terminando di scrivere qualcosa sul sito, hanno già alzato il pollice di «Mi piace». Ecco: di pollici facciamo ogni giorno una scorpacciata, alcune centinaia ogni volta. Di quote associative invece, beh, se dovessimo vivere di quelle saremmo già morti di fame. Pollici attivissimi, braccine molto corte, quasi moncherini. Chissà, magari qualcuno si è fatto mettere una protesi e adesso arriva al borsellino...

Vabbuó, disse un notissimo comandante di grandi piroscafi. Prendete nota: l'assemblea annuale dell'Archivio storico dell'atletica italiana intitolata al nostro maestro Bruno Bonomelli sarà domiciliata, ancora una volta, a Firenze, la mattina di domenica 8 ottobre. Poseremo le nostre nobili terga sulle sedie di una delle sale che ci metterà a disposizione la gloriosa società di atletica Arno Società Sportiva Italiana Giglio Rosso, che un anno fa ha superato i cento anni di vita. E, ancora una volta, dobbiamo essere riconoscenti all'amico Marcello Marchioni, che quel club sportivo presiede, della disponibilità di cui ci gratifica. Per noi quella sede significa anche ricordare alcune persone care e tanti bei momenti trascorsi nei ventinove anni di vita della nostra lillipuziana associazione. E per altri i ricordi vanno anche molto più a ritroso.

Ultimo aggiornamento Venerdì 30 Giugno 2023 08:51
 
Trekkenfild 119: il Gala è Golden sotto la protezione di Lorenzo il Magnifico PDF Stampa E-mail
Mercoledì 28 Giugno 2023 00:00

alt

E siamo a 119. Numeri pubblicati del periodico online «Trekkenfild» versione italiana e parodia del titolo della famosa pubblicazione americana «Track and Field News», nata in California nel 1948 su iniziativa di due fratelli, Bert e Corder Nelson. Rimaniamo nel nostro orticello, ben coltivato, sia detto, e ripassiamo l'indice di questo numero: rassegna del Golden Gala come si conviene, giusto tributo a un ragazzo, Mattia Furlani, che è zompato a 8,44 pur con una bava di vento oltre il limite stabilito dalle convenzioni regolamentari, e a completamento...arte varia, messaggi subliminali, e qualcosa anche di stiracchiato che non ci ha convinto molto. Anche noi stiracchiamo e diamo una risposta, anche se in verità ci pare tempo perso, a un tale che ci ha chiesto come mai noi che ci picchiamo di occuparci dell'atletica d'altri tempi poi diamo notizia di una pubblicazione - e di una soltanto - che parla di attualità. Lo abbiamo già detto altre volte, ma repetita...non servono assoluamente a niente, come nostra esperienza dimostra: noi segnaliamo la pubblicazione dei loro numeri, loro mettono una manchette che ricorda la nostra esistenza, gli unici a farlo, vista la grande attenzione dei padroni del vaporetto sportivo. E l'accordo funziona: ognuno di noi fa il suo mestiere senza pestarci i piedi, a loro l'oggi, a noi quello di ieri, meglio se dell'atro ieri. Tutto qui. Anzi no, diciamolo in altro modo, caro signore dedito a fare le pulci...alla pulce: saremo pur liberi di farci i fatti nostri come ci pare. O no? E adesso leggetevi «Trekkenfild», se ne avete voglia.

Ultimo aggiornamento Venerdì 30 Giugno 2023 08:33
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 9 di 255