Home
Messaggio
  • Direttiva e-Privacy EU

    Questo website utilizza i cookies per gestire l'autenticazione, la navigazione, e altre funzionalità. Scorrendo questa pagina o cliccando in qualunque suo elemento, acconsenti all'uso dei cookies.

    Visualizza i documenti sulla direttiva della e-Privacy

Nuova edizione 2022 delle liste italiane di ogni tempo in pista coperta PDF Stampa E-mail
Mercoledì 27 Aprile 2022 00:00

Presentiamo la nuova versione delle liste italiane di ogni tempo per le gare in pista coperta al termine della stagione invernale 2022, compilazione curata, come sempre, dai nostri soci Enzo Rivis e Enzo Sabbadin. Le liste sono consultabili nella apposita sezione «Liste italiane di ogni tempo» che figura nell'indice dei contenuti di questo sito. La nuova versione si può consultare alle voci «uomini», «donne», con l'indicazione  «NEW». Eventuali correzioni, aggiunte, dettagli, vanno inviati direttamente ai nostri compilatori Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo. , ,  Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.

Our statisticians Enzo Sabbadin and Enzo Rivis compiled a new updated version of the Italian All - time Indoor Rankings

Les meilleurs athletes italiennes de tous les temps en salle

Listas italianas de marcas de todos tiempos en pista cubierta

Ultimo aggiornamento Mercoledì 27 Aprile 2022 17:01
 
Silvano Meconi, l'uomo, l'atleta: chi lo conobbe da vicino, lo ricorderà sempre così PDF Stampa E-mail
Giovedì 21 Aprile 2022 00:00

Quello che vi proponiamo oggi è un minuscolo esempio del modello che vorremmo fosse sempre il nostro Archivio Storico e il nostro sito per comunicare: un tramite fra tempi diversi, persone diverse, esperienze diverse. Convinti come siamo che prendere in mano uno dei tanti libri che raccolgono in bell'ordine le classifiche di grandi manifestazioni ed esercitarsi a enumerare vittorie, risultati, tempi di passaggio, è sì lodevole ma del tutto sterile. È sufficiente la lettura di quegli ordini d'arrivo per trarre tutte le informazioni che andiamo cercando. Ci pare molto più interessante scoprire lati umani di atleti che non abbiamo potuto conoscere personalmente: conosciamo i loro risultati, i loro titoli, il loro primati, ma come erano nella vita fuori dalla pista o da una pedana? Ecco, questo non lo racconta quasi mai nessuno, anzi diciamo meglio, mai senza il quasi. Fatti salvi sempre e comunque, risultati, liste, piazzamenti, titoli.

Per questo abbiamo apprezzato molto le reazioni che abbiamo ricevuto da Carmelo Rado, da Gianfranco Carabelli, da Giuliano Gelmi, dopo la lettura di una nostra carrellata sulla carriera iniziale di Silvano Meconi, carrellata nel solco della tradizione asettica basata su risultati, primati, gare, titoli. Ma il vero arricchimento è venuto da Giuliano Gelmi che ci ha raccontato una debolezza dell'omone toscano che forse nessuno conosce. Ci ha scritto l'amico Giuliano:

"Per onorare la memoria di Silvano ricordo due storielle molto semplici. Luglio 1955, la Nazionale italiana deve andare ad Atene per l'incontro Grecia-Italia. Credo che per Silvano fosse il battesimo dell’aria, intendo prendere un aereo. Sul quadrimotore turboelica che ci portava nella capitale greca, Meconi aveva così paura che tenne il naso spiccicato al finestrino per buona parte del volo. In un ragazzone di 118 kg era quasi impensabile tanta tensione.

"L’altra storiella. Tornavo verso casa, camminando sul marciapiedi in via Vitruvio, a Milano, quando passando davanti ad una latteria mi scappò l’occhio e, meravigliato, vidi Silvano a un tavolino che consumava, mi pare, cappuccio e brioche. Entrai, e istintivamente mi scappò di dire: che sciocco, non potevi telefonarmi ? C’era un' importante riunione all’Arena quel giorno, io correvo in casa, lui era arrivato in treno da Firenze. Lo pregai di venire a casa mia per un pasto degno di lui. Telefonai alla Tanina (la nostra tata che mi aveva visto nascere): vengo a casa con un amico prepara almeno tre bistecche, lui non pesa 56 kg come me! Dopo il pranzetto, andammo all’Arena per coronare l’evento. Silvano era troppo simpatico e mattacchione!!".

Sul carattere gioviale e burlone di Meconi, concordano con Giuliano anche Meo Rado e Gianfranco Carabelli, il primo avendo partecipato a decine di gare insieme a lui, magari nella stessa specialità, fosse il peso o il disco. Vien da dire: grande grosso e toscano!

Amici che ci seguite, in numero crescente, pare...non esitate, mandateci storie di vostri genitori, zii, nonne, che si sono cimentati in atletica. Ripetiamo, «storie», «storielle», son il sale e il pepe per condire risultati e classifiche.

Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Aprile 2022 11:43
 
Domenica l'Atletica Piacenza indice una gara di marcia nel nome di Pino Dordoni PDF Stampa E-mail
Mercoledì 20 Aprile 2022 00:00

alt

 

Primo atto ufficiale delle celebrazioni in onore di Pino Dordoni e del titolo olimpico da lui conquistato settant'anni fa ai Giochi Olimpici di Helsinki sulla distanza più lunga del programma olimpico: 50 chilometri di marcia. L'iniziativa di questo ricordo, partita dal nostro Archivio Storico con amici piacentini e l'immediata adesione dei fratelli Damilano, vede adesso il coinvolgimento della famiglia di Pino, dell'Amministrazione comunale della città di Piacenza, della società Atletica Piacenza, della Federazione di atletica e dei rappresentanti locali del Comitato olimpico italiano e della struttura Sport e Salute, il quotidiano cittadino «Libertà», la pubblicazione online «Trekkenfild» . E anche tanti amici sparsi un po' ovunque che di «Pino» conservano un grande ricordo come campione, uomo, allenatore, gentleman.

Domenica pomeriggio, nello stadio di atletica che porta il suo nome e la cui copertura sintetica è stata rifatta nei mesi scorsi e inaugurata tre settimane fa, l'Atletica Piacenza organizzerá una riunione per le differenti categorie federali e al centro del programma ha collocato una gara di marcia sulla distanza di 5 chilometri per uomini e donne che assegnerà il Trofeo Pino Dordoni al primo e alla prima.

Chi volesse essere presente alla manifestazione sarà certamente graditissimo. Questo è il primo atto di questo doveroso ricordo al grande atleta piacentino, che avrà poi altri momenti in giugno, luglio e settembre. Vi informeremo cammin facendo, è proprio il caso di dire.

 

alt

Ultimo aggiornamento Mercoledì 20 Aprile 2022 09:16
 
Assemblea ASAI 2022: appuntamento a Firenze, sede A.S.S.I., domenica 8 maggio PDF Stampa E-mail
Martedì 19 Aprile 2022 14:57

Dopo tre anni di forzata «astensione» per motivi fin troppo conosciuti, si torna «in presenza»: l'Assemblea annuale del nostro Archivio Storico è convocata per domenica 8 maggio, nella sede dell'A.S.S.I. Giglio Rosso, a Firenze. Quindi esattamente dove si era officiata l'ultima nostra riunione plenaria. Ricordiamo che questa tornata assembleare comporta anche l'adempimento elettorale per il rinnovo del Consiglio Direttivo, che era in scadenza nel 2021. Coloro che verranno indicati in questa occasione rimarranno in carica fino al 2025. La convocazioe, come da Statuto, è stata inviata a ciascun socio.

Ultimo aggiornamento Giovedì 21 Aprile 2022 20:14
 
Dalla dittatura di Angiolo Profeti a quella di Silvano Meconi, sempre Toscana fu PDF Stampa E-mail
Lunedì 18 Aprile 2022 00:00

alt alt
alt alt

Quello che segue è il risultato del combinarsi di alcuni «pezzi» di un piccolo puzzle atletico. Giovedì scorso abbiamo pubblicato sul nostro spazio Facebook la copertina dell'opuscolo che celebrava i primi quarant'anni della società A.S.S.I. Giglio Rosso di Firenze. Dominava quella copertina la foto di un lancio di Silvano Meconi (nato a Cortona il 28 ottobre 1931, morto a Firenze il 22 settembre 2005). Su questo si è innestato Carmelo «Meo» Rado, con qualche suo ricordo. Un redattore A.S.A.I ha dovuto garbatamente aggiustare qualche dettaglio, non per far le pulci a Rado, per carità, ma per obbligo di ruolo (siamo o non siamo l'Archivio Storico dell'Atletica Italiana? Dobbiamo essere esatti...). Il tutto ha attizzato la curiosità di un nostro socio che si è subito avventurato nei ricordi del lancio del peso di circa settant'anni fa, metà degli anni '50.

Simpaticamente, ci ha inviato un messaggio che inizia così:" Non sono un nostalgico delle dittature, per carità, aborro qualsiasi dittatura...Mi sono ispirato al titolo che apparve il 29 marzo 1955 nelle pagine di «Sport Italia» sulle quali Bruno Bonomelli pubblicava le sue puntuali e documentate indagini sull'atletica nazionale, non chiacchiere imbellettate. Quel titolo era stato formulato così «Profeti, il dittatore del peso»...". Angiolo, per tutti Angiolone, Profeti, toscano di Castelfiorentino, aveva davvero dominato la specialità degli «uomini catapulta» per un ventina d'anni: a fine stagione 1937, poco più che diciannovenne, era il capolista nazionale con 14.06. Nel 1955 emerse un altro toscano, Meconi appunto. Scrisse Bonomelli:" C'è chi assicura che entro l'anno il primato italiano del getto del peso sarà portato oltre i sedici metri...Chi afferma questo punta in particolar modo su due giovani atleti che nel 1954 hanno fatto notevolissimi progressi. Si allude evidentemente al ventiquattrenne fiorentino Meconi, in un certo senso allievo proprio di Profeti, ed al ventiduenne milanese Monguzzi. I due giovani lanciatori hanno fatto quest'inverno frequenti apparizioni al centro atletico di Chiavari, e di loro si dice un gran bene. Staremo a vedere se veramente il lancio del peso ha trovato anche da noi la sua definitiva sistemazione stilistica con conseguenze misurabili". Monguzzi, di Monza, aveva chiuso il 1954 con 14.81, secondo, vicinissimo a Profeti; Meconi era quarto con 14.49.

Meconi si mise subito in evidenza: ai primi di aprile nel fiorentino Stadio Militare a Campo Marte avvicinò il suo primato, 14.26; Monguzzi rispose da Milano: 14.50; Meconi allungò a 14.70, a Livorno, e poi firmò il suo primo 15 metri esatti a Carrara. Un giornale titolò «Meconi è arrivato al Rubicone (dei 15 m.)». Anche Monguzzi andò oltre: 15.07 a Bellagio il 19 maggio. Dieci giorni dopo, Firenze, ancora Stadio Militare, 15.31 per il toscano, primato stagionale italiano. Il 5 giugno, alla Civica Arena milanese, fiammata d'orgoglio del vecchio Profeti (classe 1918), che mise tutti sull'attenti: 15.04, secondo Meconi 14.84, quarto Monguzzi 14.13. " Credo - scrive il nostro investigatore - che questa sia l'ultima sconfitta subita da Meconi per mano di un atleta italiano. Poi ci vorranno undici anni, fino al 1966 perchè qualcuno ci riesca...". Appaghiamo subito la curiosità: chi fu l'italico «giustiziere» di Meconi nel 1966? Un ragazzone veneto, Flavio Asta, non ancora ventenne, il 9 giugno, a Milano, sopravvanzò il toscano, che un mese dopo, proprio a Firenze, perse anche il titolo italiano per...braccio di Michele Sorrenti.

Come insegna la storia del mondo, tutte le dittature, prima o poi, muoiono. E fu così anche per quella di Profeti. Il 19 giugno, a Bologna, durante la finale del Campionato di società, Meconi spostò in avanti di 39 centimetri e mezzo (non vi sembri strano, era così) il primato nazionale (da 15.425 a 15.82) che il suo conterraneo aveva ottenuto in giugno del 1952, a Milano. Questo fu il primo primato di Meconi dei quindici ottenuti fra il 1955 e il 1960, nove volte in Italia e sei all'estero. Il primo «+ 16» nella cronologia del getto del peso nel nostro movimento atletico arrivò il 10 luglio, nel contesto di un ridotto Grecia - Italia, ad Atene: Meconi fece atterrare la ferrea sfera a 16.05, distanziando il greco Tsakanikas, che si prese la rivincita sfilandogli la medaglia d'argento ai Giochi del Mediterraneo a Barcellona (15.49 per il greco, 15.35 per il toscano).

Quattro giorni dopo, il 14 luglio, Bonomelli scrisse sulla pagina sportiva de «L'Unità»:" Silvano Meconi ha per la seconda volta nella stessa stagione superato il primato italiano del peso. Val la pena di ricordare che ad Atene anche Angiolo Profeti stabilì un nuovo primato della specialità. Fu il 15 ottobre 1950, ed il 15.42 ottenuto allora dal toscano rappresentò una tappa importante nella cronaca dell'atletica leggera italiana. Perchè migliorava un primato detenuto dallo stesso Profeti fin dal 1939. Si sottolineò allora come il Profeti di 32 anni aveva superato il Profeti di 21 anni. Meconi viene da molto lontano. Nel 1950, a diciannove anni, ....(Bonomelli segue i progressi metrici anno per anno, n.d.r.)...La svolta decisiva per il fiorentino era rappresentata dalla vita militare. In una selezione per i campionati internazionali militari, il 18 luglio 1954, egli arrivava di slancio ai m. 13.50. Sfiorava in seguito i 14 metri ai campionati di Seconda Serie, mentre ai campionati assoluti metteva alla frusta il consocio Profeti lanciando a 14.49....Un inverno passato a controllare lo stile sotto la buona guida di Bononcini ed infine le successive esplosioni del 1955....ed infine  il 16.05 di Atene. Che non sarà certo un punto d'arrivo. Lunga è ancora la strada per arrivare alla fama mondiale, ma Meconi, che non ha ancora 24 anni , ci può certamente arrivare".

Il severo commentatore bresciano concluse:" Il primato di Meconi dimostra tre cose: 1) l'atleta non deve demoralizzarsi agli inizi della carriera atletica se i primi risultati sembrano essere insoddisfacenti; 2) la storiella della mancanza di bistecche in Italia negli ultimi quattro secoli è stata inventata da coloro che non avevano pazienza e costanza; da coloro, cioè, che vogliono comperare qualcosa la mattina per rivendere subito al pomeriggio e che vogliono giustificare così la loro inutilità in un mondo inteso socialmente; 3) in atletica lo studio accurato delle tecniche degli altri è alla base di ogni progresso; coloro che vogliono ignorare ciò che si fa al di là delle Alpi, in nome di un malinteso patriottismo, dimostrano invece di non aver coscienza scientifica e di essere semplicemente degli xenofobi".

Lauro Bononcini lo accompagnò in Finlandia - era d'agosto - insieme ad altri atleti su cui la Federazione puntava: il miglior risultato fu un 15.77. Vinse poi varie gare sul patrio suol: la Notturna di Bologna, un' altra gara ad Imola, fino al primo titolo nazionale, sulla pedana della Civica Arena di Milano: fra lui e gli altri un abisso. Nota di colore, direbbe un giornalista: in quella gara da lui vinta, all'undicesimo posto troviamo Carmelo Rado con 11.77. Stesse presenze anche il giorno dopo per la gara di disco: quarto Rado 44.42, decimo Meconi 40.96. In verità, le strade di Meconi e di Rado si erano già intersecate il 19 giugno a Bologna, ma sulla pedana del disco: ottavo Meconi 41.47, nono Rado 39.52, decimo Profeti 39.34, undicesimo Franco Sar 37.47. Semplice curiosità...per quelli curiosi.

Ultimo atto: nella bella città universitaria di Friburgo, il confronto Germania - Italia finì con uno sberlone per noi (127 a 74). Ma Silvanone ce la mise tutta e avanzò di altri 46 centimetri fino a 16.51; perse dal germanico Dieter Urbach che ebbe un solo lancio migliore del suo: 16.65. Si prenderà la rivincita a Roma, il 4 novembre: 16.13 contro 15.85. Nel finale di stagione Meconi ottenne una serie di buoni risultati, a conferma di una acquisita sicurezza su misure di qualità. Nella stagione 1955 gettò il peso diciannove volte oltre i 14.65, su 23 gare disputate (oltre a 12 di disco).

La dittatatura del Gran Ducato di Toscana sul getto del peso nell'atletica italiana non finisce qui...verranno i Marco Montelatici, gli Alessandro Andrei. Altre storie, di modernariato.

Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Aprile 2022 19:14
 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 2 di 225