Home
Message
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

Semana Universitaria a San Sebastián 1955: la Giusy fa la parte del Leone (2) PDF Print E-mail
Thursday, 02 June 2022 09:00

Non da meno - rispetto ai maschietti, intendiamo - furono le nostre ragazze universitarie alla rassegna mondiale che, nel mese di agosto del 1955, le portò a competere sulla pista dello stadio di Anoeta, nella città di San Sebastiàn. Anzi, addirittura fecero meglio: cinque partecipanti, quattro vittorie! Scarsina la partecipazione, tutte atlete di Paesi europei, tranne una israeliana, Edna Medalia, presente nel giavellotto. L'Italia ebbe in Giuseppina Leone il punto di forza. La velocista torinese aveva già partecipato ad una edizione dei Giochi Olimpici - Helsinki 1952 - e a un Campionato d'Europa - Berna 1954 - nel quale aveva fatto ottima figura: quarta nei 100 metri e terza nella staffetta 4x100, con  Maria Musso, Letizia Bertoni e Milena Greppi. Nella competizione universitaria la velocista torinese non ebbe rivali che potessero minimamente impensierirla: dominò 100 e 200 metri e, insieme a Costantino, Cecchi e Greppi, nella 4x100, portò a tre i suoi ori. Il quarto venne dall'ostacolista milanese Milena Greppi, cognome blasonato di una nobile famiglia in Lombardia, i Greppi di Bussero, che vennero insegniti del titolo nobiliare dall' imperatrice Maria Teresa d'Austria. È deceduta nel dicembre 2016, all'età di ottantasette anni.

Giusy Leone e Milena Greppi furono protagoniste dei Campionati italiani all'Arena Civica di Milano i primi giorni d'ottobre del 1955: la torinese vinse 100, precedendo proprio Milena, 200 metri e la 4x100 con le sue compagne  del FIAT Torino; la milanese vinse gli 80 metri ad ostacoli, rintuzzando la veemente Maria Musso, 11.3 per entrambe, primato italiano eguagliato.

Di seguito il quadro completo della partecipazione italiana nella rassegna universitaria:

100 metri: Prima batteria: 1. Giuseppina Leone (FIAT Torino) 12.3, 5. Luciana Cecchi (CUS Roma) 13.5; Finale: 1. Leone 12.0.

200 metri: Prima batteria: 3. Angiolina Costantino (Augusta Bra) 27.4; Seconda batteria: 1. Leone 25.9; Finale: 1. Leone 24.8, 4. Costantino 26.7.

80 metri ostacoli: Finale: 1. Milena Greppi (Sport Club Bergamo) 11.5.

Salto in lungo: Finale: 6. Greppi 5.25, 8. Franca Peggiorin (CUS Padova) 5.00.

Staffetta 4x100: Finale: 1. Italia (Costantino, Leone, Cecchi, Greppi) 49.0

Last Updated on Thursday, 02 June 2022 18:08
 
Semana Universitaria a San Sebastián 1955: Nardelli, Roveraro, Ballotta cum laude PDF Print E-mail
Wednesday, 01 June 2022 00:00

alt

Partiamo col dire che il nostro socio Augusto Frasca ha individuato un altro personaggio nella foto della squadra italiana in posa sulla scalinata del convento dove alloggiava, foto che ci ha fatto pervenire Giuliano Gelmi e che abbiamo pubblicato qualche giorno fa (chi vuole se la vada a vedere). È il signore con baffi e occhiali, in piedi, l'ultimo a destra: risponde al nome di Ferruccio Porta, che fu dirigente in vari ruoli nelle strutture della Federazione, e, se ricordiamo bene, anche giudice di marcia. Se qualcun altro dovesse riconoscere persone nelle foto «vintage» che pubblichiamo, non esiti a farcelo sapere. Nella foto che pubblichiamo oggi (sempre grazie all'archivio personale dell'amico Giuliano) gli atleti schierati per la finale degli 800 metri: Gelmi è il terzo, Tagliapietra il sesto, contando da sinistra. Il vincitore, il tedesco Olaf Lawrenz, ha il pettorale numero 17.

Il bell'articolo scritto da Giuliano Gelmi ci ha ricordato la partecipazione della squadra italiana formata da universitari alla «Semana F.I.S.U.», rassegna che radunava atleti di un certo numero di nazioni sotto l'egida della Fédération Internationale des Sports Universitaires. manifestazione che già due anni più tardi - 1957 - avrebbe mutato nome in Universiade. Nel 1955 i goliardi si ritrovarono a San Sebastián, nel Paese Basco della Spagna. Gelmi ci ha racconato il «vissuto», noi adesso ci limitiamo a leggere fra i risultati. Utilizziamo, a questo scopo, una pubblicazione in due volumetti curati, ormai parecchi anni fa, da Raul Leoni e Alessandro Bianco, ed essendo a quel tempo i due autori soci nostri sulle copertine faceva bella mostra il logo A.S.A.I.

Le gare si tennero dall'11 al 14 di agosto nella struttura del vecchio Estadio Municipal de Anoeta. Erano presenti Belgio, Repubblica Federale di Germania, Gran Bretagna, Lussemburgo, Giappone, Stati Uniti, Giamaica, Svizzera, Austria, Portogallo, Spagna, Olanda, Israele, Egitto, Korea, Sudafrica, Nuova Zelanda, Sierra Leone. Passiamo in rassegna le discipline con presenza di atleti italiani (di ognuno indichiamo anche la località di nascita e la società di appartenenza in quell'anno, evitando di ripetere gli stessi dati).

metri 100 - Seconda batteria: 1. Mario Colarossi (nato a Tripoli, quell'anno vestiva i colori del Calzaturificio Diana Piacenza) 11.2; quinta batteria: 1. Sergio D'Asnasch (La Spezia, Riccardi Milano) 11.2; prima semifinale: 3. Colarossi 11.1; seconda semifinale: 3. D'Asnasch 11.0; finale: 4. D'Asnasch 11.2, 5. Colarossi 11.2.

metri 200 - Terza batteria: 2. Wolfango Montanari (Terni, Lavoratori Terni) 27.5; quinta batteria: 2. Colarossi 22.8; sesta batteria: 2. D'Asnasch 22.5; prima semifinale: 3. D'Asnasch 22.6, 6. Colarossi 22.8; seconda semifinale: Montanari non partitofinale: 5. D'Asnasch 22.3.

metri 400 - Prima batteria: 3. Mario Paoletti (Roma, A.S. Roma) 51.0; terza batteria: 2. Enrico Archilli (Firenze, Atletica Firenze) 50.7; prima semifinale: 3. Archilli 49.9; seconda semifinale: 4. Paoletti 50.8; finale: 6. Archilli 49.9.

metri 800 - Prima batteria: 6. Angelo Tagliapietra (Sona-VR, ATA Battisti Trento) 1:59.5; seconda batteria: 6. Giuliano Gelmi (Leffe-BG, CUS Pavia) 1:58.4; finale: 7. Gelmi senza tempo, 11. Tagliapietra senza tempo.

metri 1500 - Finale: 9. Giuliano Gelmi senza tempo; 11. Angelo Tagliapietra senza tempo.

metri 110 ostacoli Seconda batteria: 3. Valerio Colatore (Vergiate-VA, Gruppo Sportivo Gallaratese) 15.9; Quarta batteria: 1. Ezio Nardelli (Trento, ATA Battisti Trento) 15.1; Finale: 1. Nardelli 15.2.

metri 400 ostacoli Prima batteria: 1. Franco Fantuzzi (Gorizia, Lane Rossi Schio) 54.2; Seconda batteria: 1. Giovanni Bonanno (Messina, Maurolico Messina) 55.8; Finale: 2. Fantuzzi 53.9; 4. Bonanno 55.6.

Salto in alto -  Finale: 1. Gianmario Roveraro (Albenga-SV, Atletica Albenganese) 1.90.

Salto con l'asta - Finale: 1. Edmondo Ballotta (Caorso-PC, Calzaturificio Diana Piacenza) 3.80.

Salto in lungo - qualificazione: Valerio Colatore 7.16, Franco Canattieri (Calestano-PR, Calzaturificio Diana Piacenza) 6.90; Finale: 4. Colatore 7.16, 6. Canattieri 7.03.

Salto triplo - qualificazione: Antonio Trogu (Cagliari, FIAT Torino) 14.13; Finale: 3. Trogu 14.96.

Getto del peso - qualificazione: Piero Monguzzi (Monza, Riccardi Milano) 13.74; Finale: 3. Monguzzi 13.74.

Lancio del martello - qualificazione: Corrado Laliscia (Terni, Lavoratori Terni) 41.37, settima misura, fuori dalla finale.

Tiro del giavellotto - qualificazione: Gianluigi Farina (Palermo, AAA Genova) 57.64, Giovanni Lievore (Carrè-VI, Lane Rossi Schio) 54.07, settima misura, fuori dalla finale, Claudio Riccardi (Torino, CUS Torino) 53.39. Finale: 3. Farina 62.12.

Pentathlon (lungo-giavellotto-200 metri-disco-1500 metri) - 9. Claudio Riccardi (5.55-50.62-25.7-25.38-non partito) punti 2.322, 11. Colatore (6.97-42.25-23.7-28.07- non partito) punti 2.150.

Staffetta 4x100 - Prima batteria: 1. Italia (Colarossi, D'Asnasch, Angelo De Fraia (Iglesias, Monteponi Iglesias), Franco Panizza (Genova, A.S. Roma)) 43.9; Finale: 2. Italia (stessa formazione) 43.1.

Staffetta 4x400 - Finale: 3. Italia (Archilli, Bonanno, Paoletti, Fantuzzi) 3:20.5.

Staffetta 4x800+400+200+100 - 5. Italia (Tagliapietra, Bonanno, D'Asnasch, Panizza) 3:22.9.

Notarelle a margine

* Olaf Lawrenz, vincitore degli 800 metri, aveva corso la stessa distanza l'anno prima ai Campionati d'Europa a Berna. Vinse la prima batteria (1:52.0) ma non ce la fece a superare la semifinale (settimo, 1:51.4). Dotato di un gran fisico, correva sempre con gli occhiali. Docente di fisiologia e biologia. Lawrenz, nato nel 1931, è morto il 4 luglio 2021, avendo compiuto novanta anni poche settimane prima.

* Tomás Barris, classe 1930, catalano di Barcellona, personaggio vitalissimo, il miglior corridore di mezzofondo spagnolo, fra gli anni '50 e '60. Nei 1500 metri a San Sebastián si classificò quarto dopo tre britannici. Fu incoraggiato e aiutato finanziariamente da Juan Antonio Samaranch, futuro presidente del Comitato olimpico internazionale, suo grande amico per tutta la vita. Tanto che, alcuni anni fa, alla presentazione del libro sulla sua carriera, scritto da due statistici spagnoli, Ignacio Mansilla e José Luis Hernández, nella sede del Museo Olimpico y del Deporte voluto da Samaranch a fianco dello Stadio Olimpico di Montjuic, l'anziano dirigente tenne una commossa prolusione per il suo amico Tomás. Samarach mancò pochi mesi dopo. Barris mantiene vivo e attualizzato un suo sito web, per chi volesse visitarlo questo è il link http://www.barris.org

* Sempre a proposito di atleti spagnoli. Scorrendo l'elenco dei componenti della staffetta 4x100, ci siamo imbattuti nel nome di Juan Manuel de Hoz. Madrileno, avvocato, sprinter in gioventù, fu per molti anni presidente della Real Federación Española de Atletismo, poi entrò nel Council della I.A.A.F., portato da Primo Nebiolo di cui fu sempre sostenitore. Ma forse non molti sanno che il piccolo - di statura - Juan Manuel avrebbe potuto vincere qualsiasi concorso mondiale tipo «Ballando con le stelle»: era un ballerino straordinario, elegantissimo e instancabile. Non ebbe invece molta fortuna in quella staffetta: il quartetto spagnolo non si classificò per la finale. È morto nel 2008.

* Le gare universitarie ebbero un vincitore molto blasonato, olimpico addirittura: lo straordinario brasiliano Ademar Ferreira da Silva, che tre anni prima ad Helsinki aveva vinto il triplo con 16.22, nuovo primato mondiale. Chi lo ha conosciuto lo ricorda come persona straordinaria; cantava, suonava e ballava, come un professionista, intratteneva, era uomo di cultura e di comunicazione. La sua vita è stata molto più di un romanzo, o delle due pellicole cinematografiche cui ha preso parte. Si portava nel fisico una forma di tubercolosi fin da ragazzo, eppure non ha mai smesso di fumare neppure un giorno. Anche lui se è andato nel 2001.

* Anche Gianmario Roveraro fu brillante vincitore nel salto in alto. Il giovanotto era nato nel 1936, quindi aveva compiuto da poco diciannove anni, uno dei più giovani della selezione. Si era rivelato ai Campionati Studenteschi nel 1952: primo con 1.66 alla finale provinciale a Savona. Nel 1955 si elevò prima a 1.93, poi 1.94, ancora 1.95 e 1.96 in novembre. Come quasi tutti (in atletica) dovrebbero sapere, Roveraro fu il primo atleta italiano a superare i due metri. E in tema di «primizie», diamo ad Edmondo «Mondo» Ballotta quel che è suo: il piacentino quell'anno (27 febbraio) divenne il primo vero primatista italiano di salto con l'asta in pista coperta, quando superò 3.90 sulla pedana dell'I.N.S.E.P. a Parigi.

Last Updated on Thursday, 02 June 2022 08:57
 
Trekkenfild 107, tra molto altro, si parla anche della assemblea A.S.A.I. PDF Print E-mail
Sunday, 29 May 2022 00:00

alt

A «Trekkenfild», periodico online inventato da Daniele Perboni, vigevanese, e da Walter Brambilla, milanese, son ormai quasi dieci anni (2013), va ascritto un grande merito: la continuità nella pubblicazione. Morte e sepolte parecchie riviste, comatose altre, in un mondo atletico nel quale la parola «cultura» è pressochè sconosciuta e la carta stampata suscita irritazioni cutanee, loro due se ne stracatafottono: ci mettono il loro tempo, prima di tutto la loro passione, ci mettono i loro piccioli, son arrivati perfino a chiedere ai lettori di mettere mano al borsellino per potersi comperare un nuovo «ferro» (sistema operativo) per fare il loro prodotto. Mentre quelli che i piccioli li hanno per grazia ricevuta che fanno? Magari pensano di non far più gli annuari, le riviste, di diffondere libri e cultura. Meglio viaggi (inutili), pranzi e cene. «Trekkenfild» ha sfornato il suo centosettesimo numero, presentando argomenti che interessano sicuramente coloro che si occupano di attualità - spesso mortificante -, con opinioni, sguardi al passato, raccontini simpatici. E in questo giardinetto ci siamo anche noi, i «carbonari della storia dell'atletica italiana», c'è la nostra assemblea, c'è il nostro ultimo libro di storia dei Campionati italiani (di atletica, lo ripetiamo per quelli che in venticinque anni non l'hanno capito). Ma soprattutto c'è, e non sta scritto in «Trekkenfild» il nostro cordiale ringraziamento a Daniele e a Walter.

Last Updated on Monday, 30 May 2022 08:22
 
Giuliano Gelmi riavvolge il nastro e alla moviola ci racconta le Universiadi 1955 PDF Print E-mail
Tuesday, 24 May 2022 00:00

Per essere precisi: quella manifestazione universitaria internazionale non si chiamava ancora Universiade. Prenderà questa denominazione due anni più tardi, nel 1957, edizione assegnata a Parigi Colombes. Nel 1955, a San Sebastián, Spagna, si chiamava ancora Settimana F.I.S.U., Fédération Internationale des Sports Universitaires; aveva preso questo nome nel 1949 con la edizione ospitata a Merano. L'importanza di cambiare i nomi...per non cambiare niente. Sembra di sentire, adattato da noi, Don Fabrizio Corbera, principe di Salina, duca di Querceta, marchese di Donnafugata (vedere, e magari rileggere, «Il Gattopardo» di Giuseppe Tomasi di Lampedusa.

Noi invece siamo chiamati qui a leggere il vivido racconto di Giuliano Gelmi, mezzofondista veloce (800 - 1500) degli anni '50. Di lui abbiamo già avuto modo di scrivere, nel contesto proprio della stagione 1955. Il signor Giuliano è il depositario di tanti ricordi, ha una vasta collezione di fotografie, si coglie nelle righe da lui scritte l'amore per quella attività sportiva lontana nel tempo ma vicina nel cuore. E del suo vissuto spesso ci fa partecipi. Il che ci onora e ci arricchisce.

Stavolta ci racconta della trasferta a San Sebastián, che da quelle parti - Comunità Basca - chiamano anche Donostia. Bella città accoccolata attorno alla splendida Playa de la Concha, perchè proprio una conchiglia pare. Regione di robusti appetiti, se siete inappetenti state lontani, non fa per voi. Terra tormentata, spesso bagnata di sangue in passato (e speriamo sia davvero passato), ma anche terra di straordinari cuochi conosciuti urbi et orbi, il capostipite Juan Mari Arzak, persona deliziosa di una simpatia contagiosa, che fu ambasciatore della cucina donostiarra. La taverna la aprirono nonni o bisnonni di Juan Mari nel 1897, dunque, caro Giuliano, quando tu arrivasti  lassù, nel Nord, Arzak esisteva già. Chissà, magari con i tuoi amici universitari ci sei pure stato a bere un sidro basco, o un txakoli, vino bianco di grande acidità e di pochi gradi, per cui se ne beve... e poi pasa lo que pasa, come dicono da quelle parti.

Ma parlavamo d'atletica, e all'atletica torniamo, per lasciare spazio a quanto ha scritto per noi Giuliano Gelmi, atleta, studente alla Alma Ticinensis Universitas. Lo ringraziamo della simpatia, diremmo stima, di cui ci gratifica. Caro amico, continua pure a scavare nella tua lucidissima memoria, per noi i tuoi ricordi sono doni preziosi.

Spirito di squadra è anche far da paravento ad un compagno col mal di pancia

Quando trovo l’appiglio giusto mi si apre un libercolo pieno di aneddoti e di ricordi di carattere variopinto: sportivo, affettivo, amichevole, che mi meraviglia e che, allo stesso tempo, mi rende compiaciuto della mia memoria. Racconto oggi una storia vera che più vera di così non si può e che risale all' estate 1955. Erano in calendario internazionale i campionati universitari che noi definivamo impropriamente campionati mondiali che si svolgevano ogni due anni e che nel 1953 si erano tenuti a Dortmund, ai quali io e Bagatta avevamo creduto e sperato di poter partecipare. Aspettativa delusa, forse  giustamente. In quella estate ero fra i primi nazionali della classifica tanto dei 1500 quanto degli 800 metri,  correvo per il CUS Pavia, dove frequentavo la Facoltà di chimica. In base ai miei risultati fui convocato per la partecipazione ai  campionati F.I.S.U. che si tenevano a San Sebastián.

alt

Ecco la squadra di atletica sulla scalinata del convento che ospitava noi, ma anche i tennisti, fra i quali spiccava la romana Silvana Lazzarino, la miglior giocatrice italiana prima di Lea Pericoli, e la squadra di pallacanestro con uno dei più alti (si va da 2.02 a 2.04, secondo chi scrive) cestisti nazionali del momento, Antonio "Nino" Calebotta, nato a Spalato, che all'epoca giocava nella Virtus Bologna, quell'anno campione d'Italia; alla squadra bolognese Calebotta ha dedicato la parte più importante della sua lunga carriera. Fu grande protagonista anche ai Giochi Olimpici di Roma '60 (Italia alla fine quarta), famosi i suoi canestri «in gancio». È morto nel 2002.

In questa foto, sono riuscito a identificare quasi tutti, con qualche comprensibile incertezza: accovacciati da sinistra, Gianfranco Fantuzzi, Giovanni Lievore, Angelo Tagliapietra, Giulio Latini (forse, non sono sicuro), Wolfango Montanari; in seconda fila: Mario Paoletti, Sergio D’Asnasch, Valerio Colatore, un ostacolista (dovrebbe essere Ezio Nardelli, ndr), poi ci sono io, Franco Canattieri, Piero Monguzzi; fra quelli sopra ricordo il romano Giuseppe "Peppino" Cuccotti (allenatore responsabile, fu ottimo triplista per i suoi tempi, fine anni '30-inizio anni '40), Mario Colarossi e poi altri accompagnatori. La divisa era quella classica italiana: giacca blu, pantaloni grigi, scarpe nere, cravatta scura e camicia bianca. Eravamo belli ed eleganti! Per la partenza il ritrovo era stato fissato alla stazione ferroviaria di Genova dove un treno in sosta ci aspettava.

In attesa della partenza, vivemmo una situazione imbarazzante. Franco Canattieri, saltatore in lungo, originario della provincia di Parma, accasato alla rampante società piacentina Calzaturificio Diana, accusò dolori lancinanti al ventre, evidentemente si trattava di una colica intestinale bella e buona. Ci preoccupammo perché il  povero piangeva dai dolori; purtroppo trattandosi di un treno in sosta i servizi igienici erano bloccati. Allora, pur di alleviare la sofferenza di Canattieri, ci organizzammo: ci mettemmo fra due binari e creammo un  «cerchio umano» intorno a lui, cercando di nasconderlo agli eventuali spettatori che potevano passare in quello sconveniente momento. Il risultato fu eccellente, quasi da applausi. Poi finalmente il treno  ebbe l’autorizzazione di partire alla volta di San Sebastián.

Una bellissima città sul golfo di Biscaglia nella zona basca dei Pirenei. Il convento che ci ospitava era accettabile; ci trovammo con brasiliani, tedeschi, inglesi, giapponesi e ovviamente spagnoli: una esperienza veramente interessante. Unico aspetto negativo: il vitto, che non era del tutto soddisfacente per noi italiani. Per fortuna, qualcuno che ne sapeva più di noi suggerì, guarda caso, un ristorante italiano. I brasiliani tenevano allegra la comitiva, la  cittadinanza manifestava compiacimento e gradimento per l'evento sportivo; passeggiando sul lungomare eravamo osservati e oggetto di manifesta bella accoglienza.

Fui protagonista di un simpatico siparietto. Salutando una fanciulla, capii che la simpatia poteva  essere reciproca e nonostante la lingua (basca non spagnola) ci si poteva intendere; cercai di  essere gentile, non invadente, persona perbene. E così conobbi Maria del Carmen, una graziosa  fanciulla, educata, dai modi gentili : c’erano le condizioni per l’inizio di un "qualche cosa". Maria del  Carmen venne allo stadio ad assistere alla manifestazione che per la cittadina era un avvenimento  importante. Ci frequentammo in quei giorni, nel limite del possibile, ma poi arrivò il momento della partenza: unabbraccio, un bacio, lo scambio degli indirizzi, e qualche vana promessa. Però fu molto bello, da non poter dimenticare. Tanto che ancora me lo ricordo, uno degli incontri platonici che ti  rimangono nel cuore. L’atletica mi ha lasciato anche questa emozione, ne sono orgoglioso, e un poco rammaricato.

Last Updated on Wednesday, 25 May 2022 06:38
 
Dal lago di Garda a Fiesole, sui proprii piedi: cronaca di un viandante dell'atletica PDF Print E-mail
Friday, 20 May 2022 00:00

alt

alt  alt

Ci ha raccontato uno che c'era, che, guardandosi attorno, li ha visti sbiancare, attraversati da un dubbio atroce:"E mo' che famo? Sta a vede che la prossima volta ce tocca venì a piòte...mammamia santissima Vergine...". Erano i soci dell'Archivio Storico dell'Atletica Italiana «Bruno Bonomelli» riuniti, per l'Assemblea annuale, nella Sala del Consiglio nella sede della società ASSI Giglio Rosso, nata cent'anni fa, dicesi 100. Erano appena stati informati che un socio, Elio Forti, era sceso, per partecipare al consesso, dal piccolo borgo di Navazzo sul lago di Garda, a Fiesole, alle porte di Firenze, a piedi, una passeggiatina di 275 chilometri! Elio non è nuovo a questo genere di imprese, una per tutte: da Navazzo a Nazaré in Portogallo per un totale di 2.645 chilometri.

L'applauso dei presenti ha cercato di mascherare il loro terrore, all'idea che qualcun altro potesse proporre una tal passeggiata per le future assemblee. La paura è tornata quando i presenti hanno approvato la sede per l'assemblea del 2023: proprio Navazzo. Qualcuno ha pensato, silenzioso:" Speriamo che non ci chiedano di fare il percorso inverso, Fiesole - Navazzo...". Tutto si è stemperato nella curiosità per l'impresa e nella simpatia nei confronti del «socio-pellegrino», che, comunque, è stato informato che la camminata non lo esime dal pagamento della quota sociale!

Qui sotto potete leggere un succinto diario delle cinque giornate di camminata, preparato dallo stesso Elio, che ringraziamo. Nella foto grande il tracciato GPS della quinta tappa.

 

Appunti sulla camminata Navazzo (lago di Garda) – Fiesole, Firenze

Partenza da Navazzo, martedì 3 maggio 2022, ore 6,00

Arrivo a Fiesole, sabato 7 maggio, ore 18,00

 

Prima tappa: martedì 3 maggio

Navazzo – Peschiera - Borghetto sul Mincio, km 61,76

Tracciato GPS: https://connect.garmin.com/modern/activity/8786362918

Note: giornata soleggiata; seconda parte del tracciato lungo la ciclabile da Peschiera a Borghetto sul Mincio.

 

Seconda tappa: mercoledì 4 maggio

Borghetto sul Mincio – Governolo, km 50,62

Tracciato GPS: https://connect.garmin.com/modern/activity/8786363186

Note: giornata soleggiata; percorso sempre lungo la ciclabile del Mincio fino a Governolo, dove il Mincio si immette nel Po.

 

Terza tappa: giovedì 5 maggio

San Benedetto Po – Castelfranco Emilia, km 61,54

Tracciato GPS: https://connect.garmin.com/modern/activity/8786363514

Note: giornata soleggiata; inizio lungo strade statali molto trafficate, successiva deviazione sulla ciclabile lungo gli argini del fiume Secchia. Tragitto più lungo ma fuori dal traffico pericoloso.

 

Quarta tappa: venerdì 6 maggio

Castelfranco Emilia – Statale per Bologna, prima parte km 9,450

Tracciato GPS: https://connect.garmin.com/modern/activity/8786363627

Bologna – Pianoro – Monghidoro, seconda parte km 40,640

Tracciato GPS: https://connect.garmin.com/modern/activity/8786363857

Note: giornata di pioggia, vento e nebbia. Prima parte del tracciato su Strada Statale molto trafficata e pericolosa, con banchi di nebbia, a tratti fitta. Seconda parte con attraversamento di Bologna, Pianoro e salita verso il Passo della Futa, fino nei pressi di Monghidoro. Poi ritorno a Bologna in auto per dormire a casa dell’amico Michele Marescalchi.

 

Quinta tappa: sabato 7 maggio

Raticosa – Futa – Fiesole, km 48,400

Tracciato GPS: https://connect.garmin.com/modern/activity/8786364163

Note: giornata piovosa e nebbiosa nella prima parte con partenza in zona Raticosa – Passo della Futa. Poi scendendo verso Firenze, riappare il sole. Rifatto il tragitto già sperimentato due volte con i viaggi Navazzo – Roma effettuati nel 1975 e nel 2000. In particolare, visita alla chiesetta di Santa Lucia della Futa che è stata oggetto di importanti lavori di restauro. Arrivo, volutamente a Fiesole, nel punto in cui viene solitamente posto il primo ristoro in occasione della “100 KM del Passatore”. Il pernotto a Bivigliano, rinomata tappa del “Cammino degli Dei”, dove abbiamo conosciuto molti pellegrini.

Accompagnatore e logistica: Osvaldo Andreoli.

Last Updated on Saturday, 21 May 2022 07:34
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 3 of 228