Home
Message
  • EU e-Privacy Directive

    This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

    View e-Privacy Directive Documents

I libri dell'A.S.A.I. a Rovereto in occasione dei Campionati nazionali assoluti PDF Print E-mail
Tuesday, 22 June 2021 14:07

alt  alt
alt alt

È un esperimento, non più di questo. Gli ottimi rapporti di amicizia con il presidente Carlo Giordani e con tutto lo staff della U.S.Quercia Trentingrana di Rovereto ci hanno suggerito di utilizzare i Campionati italiani assoluti, in programma nell'incombente fine settimana, per portare a conoscenza di atleti, dirigenti, tecnici, e di tutti coloro che in 27 anni non si sono mai accorti che esiste l'Archivio Storico dell'Atletica Italiana "Bruno Bonomelli", i nostri lavori di valorizzazione storica del nostro movimento atletico. Non a caso abbiamo scelto i Campionati nazionali assoluti: l'A.S.A.I. ha prodotto, finora, nove volumi di storia dei Campionati, dal primo del 1897 fino a quello che 1945. Parecchi nostri soci hanno contribuito con scritti e ricerche a questi nove volumi, costruiti su una struttura «portante»: un approfondito excursus sulla società dell'epoca presa in considerazione (arte, musica, pittura, politica, letteratura, grandi personaggi), una dettagliata fotografia dell'atletica mondiale, l'approfonditissima ricostruzione dei Campionati italiani assoluti, con i risultati completi (e di tutte le discipline). Ricco e attraente il materiale fotografico. Su questo schema sono stati innestati, di volta in volta, approfondimenti su grandi atleti del tempo di cui si tratta, oppure eventi mondiali con partecipazione italiana, ricerche storiche sul giornalismo nazionale.

I libri che due nostri soci hanno consegnato allo Stadio di Rovereto a Carlo Giordani sono stati già usati, in parte, per la conferenza stampa  di presentazione dei Campionati tenuta sabato scorso. Gli altri verranno consegnati - a chi li vorrà - ai partecipanti ai Campionati. Che ne sarà delle copie distribuite? Difficile dirlo, soprattutto in una società devastata dall'uso smodato dei telefoni portatili e da quegli strumenti che stanno rendendo le persone degli analfabeti integrali. Ormai siamo ridotti alla vergogna di esprimere i sentimenti, gioiosi o dolorosi, con gli emoji, pittogrammi o ideogrammi che van bene per tutto.

Grazie agli amici della Quercia Rovereto, con l'augurio che il Campionato abbia il miglior successo, come gia' quello organizzato nella stessa sede nel 2014.

Nelle foto, scattate dal nostro socio Elio Forti, momenti...conviviali, come buona tradizione locale, dopo la consegna dei volumi agli organizzatori.

Last Updated on Wednesday, 23 June 2021 18:53
 
«Trekkenfild» ci racconta stavolta anche 27 anni di vita della nostra A.S.A.I. PDF Print E-mail
Monday, 21 June 2021 13:39

alt

«Trekkenfild» è la pubblicazione online ideata nel 2013 da un vigevanese cresciuto nella bottega della rivista «Atletica Leggera», Daniele Perboni, e da un milanese, che per sfuggire alla noia di occuparsi di polizze assicurative aveva indirizzato lo sguardo sull'atletica e alla corsa in particolare, Walter Brambilla, che più milanese non si può. Il meneghino bazzicò  a lungo gli uffici della rivista «Jogging», divenuta poi «La Grande Corsa», poi perse la grandezza e divenne solo «La Corsa», e alla fin fine perse tutto e defunse. Peccato. Sparì nelle nebbie pavesi anche «Atletica Leggera». Doppio peccato.

Il Brambilla e il Perboni rimasero dunque orfani di spazi da riempire con cronache, interviste, risultati, statistiche. Considerando anche che il resto del panorama editorial-atletico è una valle di lacrime, dove si sopravvive con fatica. Ma i due, tempra lombarda, non si diedero persuasi che non si potesse ancora scrivere di atletica. Utilizzando le opportunità offerte dai sistemi informatici, nel 2013, crearono questo strumento che ciascuno più leggere sul suo ordinatore. Con una qualità inarrivabile: è gratis, non si paga neppure 1,927 centesimi di euro, e con gli spendaccioni che circolano in atletica, questo rende appetibile la pubblicazione da Vipiteno a Capo Passero.

Dedichiamo poche righe a questo nuovo numero 95. C'è tanta attualità, resoconti, un doveroso ricordo di Paola Pigni, e si chiude con un racconto-intervista sui 27 anni di esistenza del nostro Archivio Storico dell'Atletica Italiana "Bruno Bonomelli". Non è la prima volta che «Trekkenfild» si occupa di noi, e di questo noi siamo riconoscenti. E cerchiamo di ricambiare. Grazie Daniele, grazie Walter.

Last Updated on Monday, 21 June 2021 17:45
 
Massara scrisse a Bonomelli:«Nelle ricerche mi ha aiutato un giovane...» PDF Print E-mail
Sunday, 20 June 2021 00:00

alt  alt

«Caro Bruno,...Sono stato all'emeroteca per le ricerche sui Campionati italiani assoluti del 1926...In questo lavoro mi ha aiutato Elio Trifari, giovane aderente all'AISAL...». Questi brani sono estrapolati da una lettera che Salvatore Massara scrisse a Bruno Bonomelli il 21 aprile 1967. Tutti i nominati erano soci dell'Associazione italiana storici e statistici di atletica leggera, fondata un paio di anni prima, tra i fondatori proprio il giornalista bresciano. E viene citato Elio Trifari, un giovane - all'epoca aveva 22 anni - che aiutava a fare le ricerche in emeroteca per trovare vecchi risultati dei Campionati italiani. Dopo sei anni, Trifari - il 1° settembre 1973 - fu assunto alla «Gazzetta dello Sport», di cui era direttore Giorgio Mottana.

La foto si riferisce al Convegno organizzato dalla nostra A.S.A.I. e dal Comitato milanese dell'Associazione Nazionale Friuli Venezia Giulia a Dalmazia, convegno che si tenne al Palazzo del C.O.N.I. a Milano il 28 novembre 2002. L'iniziativa intendeva ricordare la figura di un ginnasiarca istriano, Gregorio Draghicchio, che aveva avuto parte importante nell'insegnamento e nello sviluppo della ginnastica in Lombardia. Relatori, durante quella bella serata in una sala di via Piranesi, presentata da Aldo Capanni, furono Alberto Zanetti Lorenzetti, il prof Sergio Giuntini, Ferruccio Calegari ed Elio Trifari (al centro nella foto, a destra, di profilo, Zanetti Lorenzetti, e a sinistra Calegari). In sala, tanti cari amici che purtroppo non son più tra noi: Rosetta Nulli Bonomelli, Carlo Monti, Savino Guglielmetti, Edoardo Mangiarotti, Aronne Anghileri. Gli Atti del Convegno furono poi raccolti in una pubblicazione voluta dagli organizzatori, ricca di documenti originali, storiche fotografie, e approfondimenti degli interventi.

Last Updated on Monday, 21 June 2021 07:41
 
Elio Trifari, dalla «rassegna della marcia» a vicedirettore della «Gazzetta» PDF Print E-mail
Friday, 18 June 2021 20:53

Bisogna averli vissuti quegli anni. E soprattutto bisogna essersi abbeverati alle pagine di «Atletica Leggera», la rivista che si usava definire «quella di Merlo», o «quella di Vigevano», per distinguerla dal mensile federale «Atletica». E chi voleva sapere davvero del nostro sport le leggeva tutte e due, le conservava, le faceva rilegare. E su «quella di Merlo»,  accanto al colonnino di Marco Cassani (uno dei migliori commentatori di sempre), leggevi Roberto Quercetani, Salvatore Massara, le cronache di Gian Franco Sozzani, le difese del cross di Carlo Venini, le belle interviste di Bianca Maria Comar Valpreda, i risvolti storici di Flavio Benussi e Luciano Serra, le dissertazioni tecniche di Enrico Arcelli. E tanti altri, e fra i tanti, lui, Elio Trifari, un napoletano aspirante ingegnere, cresciuto a lato di Salvatore Massara a fare ricerche di vecchi risultati sulle pagine del «Mattino», del «Roma» e del settimanale partenopeo «Tutti gli Sports». Qualche anno dopo, già redattore alla «Gazzetta», Elio teneva una rubrica fissa sulle pagine della rivista vigevanese che si titolava «Rassegna della marcia», forse per l'essere cresciuto a fianco di Massara che valido marciatore era stato nella prima metà degli anni '50. Ed ecco spiegata una parte del nostro titolo che potrebbe suonare incomprensibile a chi...non c'era.

Elio Trifari ha cessato di vivere ieri, aveva compiuto 76 anni lo scorso mese di marzo. Da Napoli venne a Milano, alla «rosea», redattore di atletica, poi caporubrica, e da lì agli sport olimpici, di cui divenne grande appassionato e scrittore. Su su per li rami, arrivò alla vicedirezione del quotidiano, direttore Candido Cannavò, altro uomo del Sud, ancora più a Sud, Catania. Qualche tappa della carriera: Elio Trifari fu il primo direttore del Magazine settimanale, quello che oggi si chiama «SportWeek», mise mano al sito online del giornale, fu il curatore di molte delle pubblicazioni dell'Editoriale della «Gazzetta». L'ultimo prestigioso incarico fu la direzione della Fondazione Candido Cannavò. Parecchi di noi dell'Archivio dell'atletica lo ricordano con stima e affetto. Era uno dell'atletica, e lo è sempre rimasto.

Last Updated on Monday, 21 June 2021 07:39
 
Paola Pigni, ovvero poetica di una donna diventata un simbolo dell' Atletica PDF Print E-mail
Monday, 14 June 2021 18:18

alt   alt

alt alt

Tre foto della signorinetta Paola Pigni: in lettura vicino alla mamma, signora Monserrat Hurtado, accanto alla libreria di famiglia, esercitandosi al pianoforte. L'ultima immagine è un omaggio alla SNIA, il club che ha avuto l'onore della sua medaglia di bronzo ai Giochi Olimpici München '72, nella prima finale olimpica in cui fu consentito alle donne di correre i 1500 metri

Non ce lo aspettavamo, e quindi ci ha fatto ancor maggior piacere. Gianfranco Carabelli, Maestro dello Sport, dirigente del Comitato olimpico italiano in molteplici ruoli, atleta di rara eleganza nei suoi anni giovanili, corridore di 800 metri, fermato solamente da problemi muscolari non risolvibili, uomo di solida cultura sportiva, ma - soprattutto - socio dell'A.S.A.I. (lasciateci scherzare), ci ha fatto avere un ricordo di Paola Pigni, che domenica scorsa, repentinamente, è morta, mentre stava concludendosi un atto pubblico voluto dal presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, eventi cui Paola dava spesso la sua convinta adesione. Gianfranco, coetano di Paola e germogliato come atleta nello stesso ambiente milanese, ce ne regala un bozzetto vivido, vissuto, intenso, emozionante. Gianfranco è rimasto uno dei pochi, in questo mondo sportivo raffazzonato, che scrive Atletica con la lettera iniziale maiuscola.

Leggendo Gianfranco ci è tornata alla memoria una breve chiacchierata che Paola ebbe con Salvatore Massara mentre era in viaggio di nozze (parliamo del 1971), un botta e risposta pubblicato sul numero di aprile della rivista «Atletica Leggera». Fece tappa alla Scuola di Formia, si allenò regolarmente e poi si intrattenne con l'amico Salvatore. Alla domanda "Cosa pensi del tuo passato d'atleta?" rispose:"Mi vengono in mente certi scrittori che non riconoscono più le loro opere giovanili. Rivedendo il mio passato ora posso accorgermi degli errori fatti. Però proprio il riconoscere questi errori significa in definitiva progredire e migliorare. La gente dice che io mi sacrifico per l'atletica. Ma non è vero. L'atletica a me ha dato tanto. Senza l'atletica ci sarebbe un gran vuoto in me".

Domenica, sull'onda della triste notizia, abbiamo dato spazio ad un saggio del prof. Sergio Giuntini. Oggi gli affianchiamo questo ricordo personale di Gianfranco Carabelli. La lunghezza d'onda è la stessa. Un sentito ringraziamento a Gianfranco.

Il lutto per la morte di Paola Pigni porta con sé il lutto per un certo tipo di cultura dello sport di altissimo livello. Paola non è stata solo l’atleta capace di battere record nazionali, europei e mondiali; è stata l’ atleta che ha affrontato e superato i limiti culturali, sociali e antropologici che facevano dello sport femminile, in particolare di certi settori dell’ Atletica leggera, una sottospecie di quello maschile. Con sbarramenti considerati invalicabili, salvo avventurarsi su chine considerate contro natura per il "gentil" sesso. Paola non si è mai data per vinta e con la sua innata predisposizione alla sfida, ha affrontato e demolito tutti i tabù di allora, sostenuta dalla sua tanto richiamata formazione conseguita alla razionalissima e rigorosissima scuola tedesca, arricchita, e non in contrasto, dalla cultura musicale operistica coltivata in famiglia.

Aggiungiamo anche il fatto che con un ulteriore percorso di formazione personale, facilitato da un orecchio musicale ben addestrato, poteva vantare la capacità di dialogare in quattro lingue e di esprimersi in un italiano ricco di osservazioni, di sfumature appropriate e ben aggettivate. Le stesse che le hanno reso più facile l’intesa dialettica con chi la allenava nella titanica impresa di abbattere i muri verso percorsi agonistici fino ad allora inesplorati. Allo stesso modo, metteva in mostra se stessa, i suoi turbamenti, le sue paure, le sue gioie le sue "esaltazioni" necessarie per vincere sulle ostilità di percorso o sulle avversarie, quando c’erano. Non era incline ai mezzi termini e agli infingimenti, pur facendo apparire a volte una velata quanto insospettata timidezza e, soprattutto, la ricerca di una mano rassicurante e inflessibile che la sostenesse.

Da queste basi, da questa "poetica" che meriterebbe ben ulteriori approfondimenti, Paola è partita per costruire l’atleta che è stata, senza porsi limiti, alla scoperta di territori tanto ignoti quanto ambiti, concepiti da una mente libera e determinata prima ancora di essere raggiunti dalle gambe e dal cuore dell’atleta. Le sue conquiste l’hanno portata ad essere la dissacratrice di consolidate credenze e, nello stesso tempo ,la consacratrice di nuovi orizzonti spalancati davanti al movimento sportivo femminile.
 
Per quella fortuna che aiuta i coraggiosi, ha trovato sulla sua strada, fin dalla prima ora, due persone (una più e una meno) quasi dimenticate, ma che è doveroso ricordare, anche nel caso di un oltremodo sintetico ricordo. Si tratta di Lauro Bononcini, allora Direttore tecnico FIDAL, e di Alfredo Berra, maitre a penser dell’ Atletica leggera e giornalista della «Gazzetta dello Sport». Il primo si è comportato da saggio e lungimirante traghettatore di Paola dalla velocità alle corse prolungate. Famosi gli allenamenti in salita al San Luca, luogo emblematico scelto da Bononcini per i test più stressanti , dove non era concesso schiattare e dove Paola ha rivelato presto le sue potenzialità in termini di capacità di sopportazione della fatica più dura. Il secondo, Alfredo Berra, ha assecondato le scelte personali dell’ atleta. Aiutandola a sviscerare e a riflettere su tutti gli aspetti umani, sociali e culturali implicati nella sua vicenda assolutamente nuova e per ciò stesso piena di insidie, portandola a raggiungere la piena consapevolezza della sua eccezionale dimensione di donna-atleta. Più avanti, arrivata alla necessità di dare un indirizzo pressoché stabile alla propria vita, con discrezione, ha accompagnato Paola a seguire una strada sportiva e familiare definitiva che le desse quelle sicurezze di cui era alla ricerca fin da giovane atleta promettente.
 
Ciao Paola.
Last Updated on Wednesday, 16 June 2021 14:18
 
<< Start < Prev 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Next > End >>

Page 3 of 209